Home / In evidenza  / Si apre uno spiraglio per i 46 precari di Favara

Si apre uno spiraglio per i 46 precari di Favara

 

Svolta per i 46 precari del comune di Favara che con il nuovo anno, hanno visto il rinnovo del contratto di lavoro per sole otto ore settimanali, sostanzialmente, hanno mantenuto il rapporto di lavoro ma con la busta paga semivuota, causando, come si può immaginare, gravi disagi alle loro famiglie, che con quel reddito si sostenevano.

Su richiesta della F.P. CGIL, presso gli uffici dell’Assessorato Regionale Delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica a Palermo si è svolto l’incontro con i vertici del – Dipartimento Autonomie Locali Dott. Di Gaudio, Dott.ssa Cassarà e Dott. Bellanca, per discutere sulla situazione dei 46 lavoratori con contratto a Tempo Determinato Part-Time ex F.N.O. del comune di Favara, attualmente in stato di agitazione, per rivendicare il diritto alla proroga del proprio contratto di lavoro alle stesse precedenti condizioni del contratto scaduto il 31/12/2017.

Durante l’incontro, dove erano presenti oltre ai tre Funzionari Regionali del Dipartimento Autonomie Locali, anche il Coordinatore Provinciale EE. LL. Pietro Aquilino della F.P. CGIL di Agrigento ed una rappresentanza dei lavoratori, i predetti Dirigenti Regionali hanno comunicato che il Dipartimento su disposizione dell’Assessore Regionale Benedetta Grasso, ha predisposto tutti gli Atti propedeutici alla formulazione di un emendamento, del quale è stata già individuata anche la relativa copertura finanziaria, attraverso cui, dopo l’approvazione, si potrà procedere alla modifica della Legge Regionale 27/2016, e dare finalmente una definitiva soluzione alla problematica, che in tutta la Sicilia coinvolge 273 lavoratori precari ex F.N.O..

 

Pietro Aquilino assieme ai rappresentanti dei lavoratori preso atto delle comunicazioni dei Dirigenti Regionali e dell’impegno assunto dall’Assessore Grasso, hanno manifestato la loro moderata soddisfazione per l’esito dell’incontro, assicurando il proprio impegno nel seguire l’iter legislativo, fino alla definitiva conclusione.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO