Home / In evidenza  / Uil Agrigento – Acquisto e Stella: “Dopo il fallimento sui rifiuti dell’Assessore Fontana, ci aspettiamo un netto cambio di passo da Hamel nell’interesse della città, dei servizi e dei costi della Tari”

Uil Agrigento – Acquisto e Stella: “Dopo il fallimento sui rifiuti dell’Assessore Fontana, ci aspettiamo un netto cambio di passo da Hamel nell’interesse della città, dei servizi e dei costi della Tari”

 

 

 

Uil Agrigento – Acquisto e Stella:” dopo il fallimento sui rifiuti dell’Assessore Fontana, ci aspettiamo un netto cambio di passo da Hamel nell’interesse della città, dei servizi e dei costi della Tari.

La Uil Agrigento interviene con Gero Acquisto e Nino Stella dopo le dimissioni dell’Assessore all’ambiente Fontana e il successivo cambio nella giunta Firetto con l’innesto di Hamel.

“La Uil di Agrigento interviene sulla vicenda politica che ha interessato l’avvicendamento in Giunta in un assessorato delicato quale quello dei rifiuti al Comune di Agrigento.
I due sindacalisti ribadiscono, il nostro giudizio politico-amministrativo sull’Assessore dimissionario Fontana non cambia, due anni e mezzo di fallimenti, dove sia le relazioni sindacali, sia il miglioramento del servizio della gestione integrata dei rifiuti non c’è stata.
Prova ne sia i continui cortocircuiti, disservizi e mancanza di governance alla gestione complessiva dell’igiene ambientale.
Abbiamo visto solo un Assessore che in solitario ha attuato un’azione e scelte di governo poco produttive, poco rispettose delle proposte e delle soluzioni degli altri attori, in primis le organizzazioni sindacali e la continua minaccia a riduzioni degli operatori ecologici perché considerati da lui in esubero. Cosa che abbiamo dimostrato tante volte non rispecchia il vero, anzi in un momento delicatissimo come questo, già da giorno 29 si darà l’avvio alla raccolta differenziata nel centro città, con il serio rischio di black out ancora più grossi rispetto i quartieri periferici della città.
Tra i dati lapalissiano ed incontrovertibile il costo per il cittadino, perché pur avendo ridotto il personale, la Tari in bolletta ha visto solo aumenti? Questi risparmi erano solo virtuali, il costo complessivo del servizio anzi è cresciuto, con lamentele dei cittadini perché ancora le migliorie non si sono viste.
Anzi negli ultimi anni abbiamo registrato solo la nascita di discariche abusive, anche qui il controllo del Comune è stato deficitario.
Adesso urge incontro con il neo Assessore all’ambiente Hamel, per avere contezza dei suoi programmi e progetti a partire già dalla chiusura della raccolta differenziata.
Auspichiamo un passo in avanti per dare risposte alla gestione integrata dei rifiuti che finora ha lasciato un report negativo, perché il nostro sindacato guarda non solo alle tutele occupazionali, ma anche alla massima trasparenza, efficienza e funzionalità del servizio a favore della città e dei cittadini.”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO