Home / In evidenza  / Articolo contro il CIMO, dichiarazioni di Ficarra
   

Articolo contro il CIMO, dichiarazioni di Ficarra

 
Leggendo l’articolo sulla rivista “ In Sanitas “ , il dott. Lucio Salvatore Ficarra, dimostra reiteratamente di non fare caso di non essere interessato a tutti gli esposti che sono stati presentati nelle sedi giudiziarie per i suoi comportamenti antisindacali e per le sue imperterrite posizioni riguardo i malesseri, da piu’ fronti lamentate e denunciate,relative alle condizioni di palesi disparità nella gestione della cosa pubblica,fino a rendere difficile,con mancanza di serenità, il lavoro ai dipendenti sanitari e parasanitari.
Lucio Salvatore Ficarra, di Mazzarino (molto vicino alle posizioni politiche dell’ex On.le Miinistro Salvatore Cardinale, di Mussomeli, dirigente di un movimento  e una figlia onorevole in parlamento e vicino alle posizioni dell’On.Michele Cimino.. ) , non ha intenzioni, fino all’ultimo, di procedere con la massima cautela e posizione di riguardo verso le sigle sindacali che operano in difesa dei diritti dei lavoratori e della trasparenza nelle P.A.. Il suo agire,non è stato “premiato” da una serie di contestazione avanzate da varie sigle sindacali , compresa il CIMO (Sindacato dei Medici) ; da molte svariate azioni di denunce antisindacali; rifiuto alla nostra richiesta del Sindacato USB di una “audizione” all’Assemblea Regionale Siciliana, in Commissione Sanità, a cui non ha partecipato etc.. Non è stato premiato dalla Giunta di Governo e dalla Commissione Affari Istituzionali della Regione Siciliana, da molti deputati regionali, che a tal punto, resisi conto, alla Regione Siciliana, che l’Asp di Agrigento è stata gestita male, si sono decisi a fare una rotazione,  inviando lo stesso Ficarra a gestire l’Asp di Ragusa. Il CIMO, così come la USB , sono Sindacati Nazionali di medici e paramedici , perbene,che non accettano compromessi di alcun genere. Sono intransigenti nell’operare ai fini esclusivi della difesa dei diritti dei lavoratori, senza scendere a compromessi o ricevere posizioni premianti.
– La CIMO e la USB , operano nella legalità, sebbene oggi, confrontarsi con il “diverso” potrebbe comportare eventuali ritorsioni ai danni di chi lotta per il bene della collettività. E non è vero che tutti siamo uguali ! …Ci sono gli uguali e i diversi.-
Il Dott. Lucio Salvatore Ficarra, non ha dimostrato efficienza ed efficacia nella gestione Asp di Agrigento e cio’ è palesemente dimostrato dal crollo della erogazione di certi servizi sanitari : al Pronto soccorso di Agrigento (carenza lamentata anche dai cittadini su Facebook , pubblicamente denunciata, da un noto Avvocato del foro di Agrigento, Sebastiano Bellanca e da tanti altri …); alla gestione del personale ASP di Agrigento, Sanitario,Parasanitario e non; la disfunzione in chirurgia ed al Pronto Soccorso di Licata e Canicattì, nonché la supposta insicurezza delle ambulanze del 118 e tanto, tanto altro ancora, comprese supposte migliori posizioni lavorative. Il Ficarra, è solito dire ai suoi antagonisti, la “preoccupante” frase : “provvederà l’ufficio legale dell’Asp !…”, scaricando i problemi reclamati addosso alla Dirigente Sindacale della CIMO, dott.ssa Rosetta Vaccaro, che ha avuto il coraggio di sottoporgli i problemi alla attenzione di una garanzia amministrativa.Ma questo Ufficio legale,come funziona?… Sono i legali dell’Asp o sono altri legali con nomina esterna?….Così sembrerebbe giusto controllare le gare d’appalto e a quali ditte sono stati affidati i lavori ?Le domande che i sindacati rivolgono non sono distruttive , ma costruttive ed orientate al controllo delle erogazioni sanitarie a beneficio dei malati , della spesa pubblica, al controllo delle eventuali deficienze nelle condotte antisindacali ed altro, altro ancora.I sindacati, “non in odor di compromessi”, si ritengono offesi e si associano tra loro , per attivare azioni legali , congiunte, già presentate e da presentare nelle opportune sedi giudiziarie ,per far valere i concetti del diritto civile,penale, amministrativo e della gestione economico finanziaria , al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, relativi alla buona e sana gestione della sanità pubblica, con erogazione di servizi appropriati e porti a soddisfare le esigenze degli ammalati sofferenti. Certamente, il Ficarra , sarà disposto a rispondere del suo eventuale possibile buon fare, nelle opportune sedi giudiziarie….

Leggendo l’articolo sulla rivista “ In Sanitas “ , il dott. Lucio Salvatore Ficarra, dimostra reiteratamente di non fare caso di non essere interessato a tutti gli esposti che sono stati presentati nelle sedi giudiziarie per i suoi comportamenti antisindacali e per le sue imperterrite posizioni riguardo i malesseri, da piu’ fronti lamentate e denunciate,relative alle condizioni di palesi disparità nella gestione della cosa pubblica,fino a rendere difficile,con mancanza di serenità, il lavoro ai dipendenti sanitari e parasanitari.Lucio Salvatore Ficarra, di Mazzarino (molto vicino alle posizioni politiche dell’ex On.le Miinistro Salvatore Cardinale, di Mussomeli, dirigente di un movimento  e una figlia onorevole in parlamento e vicino alle posizioni dell’On.Michele Cimino.. ) , non ha intenzioni, fino all’ultimo, di procedere con la massima cautela e posizione di riguardo verso le sigle sindacali che operano in difesa dei diritti dei lavoratori e della trasparenza nelle P.A.. Il suo agire,non è stato “premiato” da una serie di contestazione avanzate da varie sigle sindacali , compresa il CIMO (Sindacato dei Medici) ; da molte svariate azioni di denunce antisindacali; rifiuto alla nostra richiesta del Sindacato USB di una “audizione” all’Assemblea Regionale Siciliana, in Commissione Sanità, a cui non ha partecipato etc.. Non è stato premiato dalla Giunta di Governo e dalla Commissione Affari Istituzionali della Regione Siciliana, da molti deputati regionali, che a tal punto, resisi conto, alla Regione Siciliana, che l’Asp di Agrigento è stata gestita male, si sono decisi a fare una rotazione,  inviando lo stesso Ficarra a gestire l’Asp di Ragusa. Il CIMO, così come la USB , sono Sindacati Nazionali di medici e paramedici , perbene,che non accettano compromessi di alcun genere. Sono intransigenti nell’operare ai fini esclusivi della difesa dei diritti dei lavoratori, senza scendere a compromessi o ricevere posizioni premianti. – La CIMO e la USB , operano nella legalità, sebbene oggi, confrontarsi con il “diverso” potrebbe comportare eventuali ritorsioni ai danni di chi lotta per il bene della collettività. E non è vero che tutti siamo uguali ! …Ci sono gli uguali e i diversi.- Il Dott. Lucio Salvatore Ficarra, non ha dimostrato efficienza ed efficacia nella gestione Asp di Agrigento e cio’ è palesemente dimostrato dal crollo della erogazione di certi servizi sanitari : al Pronto soccorso di Agrigento (carenza lamentata anche dai cittadini su Facebook , pubblicamente denunciata, da un noto Avvocato del foro di Agrigento, Sebastiano Bellanca e da tanti altri …); alla gestione del personale ASP di Agrigento, Sanitario,Parasanitario e non; la disfunzione in chirurgia ed al Pronto Soccorso di Licata e Canicattì, nonché la supposta insicurezza delle ambulanze del 118 e tanto, tanto altro ancora, comprese supposte migliori posizioni lavorative. Il Ficarra, è solito dire ai suoi antagonisti, la “preoccupante” frase : “provvederà l’ufficio legale dell’Asp !…”, scaricando i problemi reclamati addosso alla Dirigente Sindacale della CIMO, dott.ssa Rosetta Vaccaro, che ha avuto il coraggio di sottoporgli i problemi alla attenzione di una garanzia amministrativa.Ma questo Ufficio legale,come funziona?… Sono i legali dell’Asp o sono altri legali con nomina esterna?….Così sembrerebbe giusto controllare le gare d’appalto e a quali ditte sono stati affidati i lavori ?Le domande che i sindacati rivolgono non sono distruttive , ma costruttive ed orientate al controllo delle erogazioni sanitarie a beneficio dei malati , della spesa pubblica, al controllo delle eventuali deficienze nelle condotte antisindacali ed altro, altro ancora.I sindacati, “non in odor di compromessi”, si ritengono offesi e si associano tra loro , per attivare azioni legali , congiunte, già presentate e da presentare nelle opportune sedi giudiziarie ,per far valere i concetti del diritto civile,penale, amministrativo e della gestione economico finanziaria , al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, relativi alla buona e sana gestione della sanità pubblica, con erogazione di servizi appropriati e porti a soddisfare le esigenze degli ammalati sofferenti. Certamente, il Ficarra , sarà disposto a rispondere del suo eventuale possibile buon fare, nelle opportune sedi giudiziarie….

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO