Home / 2017 / Febbraio (Pagina 54)

Venerdì 17 febbraio 2017 alle ore 17,30 presso il Complesso Monumentale di Santo Spirito di Agrigento avrà luogo la presentazione del percorso espositivo Frammenti di Storia: Materiali lapidei dell’Età Moderna nelle collezioni dell’ex Museo Civico curato da Gabriella Costantino, Soprintendente di Agrigento, e frutto di una proficua collaborazione tra Comune e Soprintendenza. In questa significativa occasione, che tutela la memoria e la storia di Agrigento, vengono proposti ,già restituiti alla pubblica fruizione, alcuni preziosi materiali lapidei, provenienti in gran parte da chiese e palazzi non più esistenti, databili dal Rinascimento al tardo Barocco, ceduti in uso perpetuo alla Regione, in consegna al Comune dal 1970, ed esposti                                                negli ambienti dell’ex dormitorio delle monache cistercensi del Monastero di Santo Spirito. Tale percorso è stato realizzato in continuità con l’allestimento del 2012 “Vestigia Nobilia”,  curato dalla stessa Gabriella Costantino già Direttore del Museo di Agrigento.
La pubblicazione a corredo  dell’esposizione contiene interessanti contributi scientifici sul patrimonio lapideo dell’età moderna; fa eccezione una lapide con iscrizione del 1293, già catalogata negli anni ’70 del XX secolo e occultata per anni in una sala del Palazzo di Città.
Appare fondamentale sottolineare come questi “ Frammenti di storia”, finalmente recuperati alla memoria e all’identità del nostro territorio, costituiscano una pagina fondamentale del passato di una città unica.

Venerdì 17 febbraio 2017 alle ore 17,30 presso il Complesso Monumentale di Santo Spirito di Agrigento avrà luogo la presentazione del percorso espositivo Frammenti di Storia: Materiali lapidei dell’Età Moderna nelle collezioni dell’ex Museo Civico curato da Gabriella Costantino, Soprintendente di Agrigento, e frutto di una proficua collaborazione tra Comune e Soprintendenza. In questa significativa occasione, che tutela la memoria e la storia di Agrigento, vengono proposti ,già restituiti alla pubblica fruizione, alcuni preziosi materiali lapidei, provenienti in gran parte da chiese e palazzi non più esistenti, databili dal Rinascimento al tardo Barocco, ceduti in uso perpetuo alla Regione, in consegna al Comune dal 1970, ed esposti                                                negli ambienti dell’ex dormitorio delle monache cistercensi del Monastero di Santo Spirito. Tale percorso è stato realizzato in continuità con l’allestimento del 2012 “Vestigia Nobilia”,  curato dalla stessa Gabriella Costantino già Direttore del Museo di Agrigento.La pubblicazione a corredo  dell’esposizione contiene interessanti contributi scientifici sul patrimonio lapideo dell’età moderna; fa eccezione una lapide con iscrizione del 1293, già catalogata negli anni ’70 del XX secolo e occultata per anni in una sala del Palazzo di Città.Appare fondamentale sottolineare come questi “ Frammenti di storia”, finalmente recuperati alla memoria e all’identità del nostro territorio, costituiscano una pagina fondamentale del passato di una città unica.

I Carabinieri della Stazione di Campobello di Licata, in esecuzione dell’ordinanza di applicazione della pena alternativa della detenzione domiciliare emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Palermo, hanno arrestato Angelo Gammacurta, 31 anni, disoccupato campobellese, pregiudicato,
dovendo il medesimo espiare la pena definitiva di anni 2 poiché giudicato colpevole dei reati di lesioni personali aggravate, fatti commessi a Campobello di Licata nell’anno 2009
L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva condotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Parte oggi la seconda edizione del programma di Educazione Ambientale “Scopri-Tarta”, coordinato per la Sicilia dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento in qualità di partner del progetto UE “Tartalife -Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale” (LIFE12 NAT/IT/000937), finanziato dalla Commissione Europea con lo strumento LIFE+ (CNR-ISMAR ente capofila). Lo “Scopri-Tarta”, previsto nell’azione E3 del progetto, inizia con il ciclo di incontri programmati con le numerose scuole della Sicilia che hanno aderito. Stamani sono previsti in mattinata a San Cataldo  presentazione e approfondimento del progetto con i docenti delle scuole della provincia di Caltanissetta, mentre nel pomeriggio, a partire dalle 15.30, si svolgerà nell’aula “Pellegrino” l’incontro con le scuole agrigentine. Domani invece lo staff del Libero Consorzio si trasferirà a Palermo nella sede dell’Istituto Comprensivo “Amari Roncalli Ferrara”, mentre mercoledì la giornata formativa si terrà a Trapani nella sede del 1° Circolo Didattico “Leonardo da Vinci”. Il primo ciclo si chiuderà giovedì a Linguaglossa (Catania) nell’Istituto Comprensivo “Santo Calì”.
La formazione sarà svolta dalla biologa dott.ssa Daniela Freggi, che si è aggiudicata la selezione per titoli dell’incarico di Formatore.
In tutto sono previste nove giornate di approfondimento per le scuole primarie e secondarie di primo grado delle province siciliane che hanno aderito all’iniziativa, dedicata alla conoscenza della biologia della tartaruga marina e dei problemi di conservazione della sua popolazione nel Mediterraneo, in netto declino soprattutto per le decine di migliaia di  catture accidentali effettuate ogni anno con le attrezzature tradizionali della pesca professionale.
Impegno continuo, dunque, del Libero Consorzio Comunale nelle attività di conservazione e nei progetti di educazione ambientale programmati e gestiti dal Settore Ambiente, nel prosieguo di una ricca tradizione nei progetti di conservazione della biodiversità e degli ambienti marini.
Gli incontri formativi proseguiranno la prossima settimana nelle altre province.

Mentre tutti aspettavano il bando, con un abile diversivo viene pubblicata sull’albo pretorio del Comune di Sciacca la convenzione per l’affidamento temporaneo del Museo Scaglione a privati.
L’Assemblea M5S di Sciacca chiede all’assessore Monte su quali basi e criteri si è giunti a questa conclusione. Quali urgenze o quali occasioni particolari si sono presentate per giungere subito alla sottoscrizione di una convenzione, seppur temporanea. Come mai questo affidamento proprio ora, in pieno inverno? Ci chiediamo come mai gli uffici in questi ultimi due anni non siano riusciti a predisporre il bando e in meno di un mese si è redatta e stipulata la convenzione. Inoltre chiediamo ai dirigenti Todaro, Misuraca e al Segretario Generale, dott.ssa La Spina, perchè utilizzare questo modus operandi invece di applicare il regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni urbani da poco approvato. Infine, vorremmo sapere dall’assessore Monte qual’e’ il motivo di stipulare una convenzione temporanea in stile Proloco e museo del Carnevale, con utenze a carico della collettività, con biglietto d’ingresso e ricavi per il Comune quasi sicuramente uguali a zero.

A tre mesi dalla fine della consiliatura l’assessore Monte non si smentisce con un “cosiddetto” affidamento “diciamo” pubblico a cui non viene data la giusta pubblicità. Sempre più spesso quando gli argomenti riguardano manifestazioni turistiche e gestione dei beni culturali i suoi atti di indirizzo politico ci fanno riflettere. Perché, citando il grande Totò (e qualcun’altro più di recente), cca nisciun è fesso!
Assemblea M5S Sciacca


Nella giornata di ieri, presso l’accogliente sala del bed and breakfast “città dei templi” di via Empedocle, si è riunito il consiglio direttivo del movimento politico “Area Rinnovamento per eleggere le cariche direttive e gettare le basi organizzative, in vista delle varie competizioni elettorali che lo vedranno protagonista nei mesi a venire.
Presidente del Movimento è stato eletto all’unanimità dei votanti l’Agrigentino Marcello Fattori, mentre per la carica di vice- presidente, sempre all’unanimità ,è stato eletto l’imprenditore ed ex vice Sindaco di Naro, Lillo Burgio.
“Abbiamo voluto formare – dichiara Marcello Fattori –  una squadra di persone di valore, che fa politica per passione e con l’unico scopo di servire la propria comunità di riferimento. Area Rinnovamento è nato pochi mesi fa con l’ obiettivo di dare un tocco di novità alla vetusta ed inconcludente politica degli ultimi decenni, mettendo in campo gente seria, vicina alle problematiche del territorio e con idee e progetti che mirano alla risoluzione di tanti problemi rimasti irrisolti. La nostra squadra può contare sull’apporto di vari consiglieri ed ex consiglieri dell’agrigentino, nonché associazioni e operatori politici che da sempre si battono per cambiare in meglio la nostra martoriata terra.  Siamo già a lavoro- conclude Fattori- per partecipare da protagonisti, con nostri candidati ,alle prossime elezioni amministrative che si terranno in Primavera, alle Regionali di Ottobre ed alle Politiche.”
Di seguito i membri del direttivo ed i vari coordinatori cittadini eletti:
Direttivo Provinciale “Area Rinnovanento”:
Marcello Fattori – Presidente
Lillo Burgio – Vice Presidente
Giuseppe Federico
Gianni Morello
Giuseppe Alaimo
Giuseppe Sortino
Debora Cammilleri
Alessandro Ciulla
Fabio Bellomo
Giancarlo Taormina
Salvatore Clementi
Gerlando Natalello
Caterina Piraneo
Lina Maria Misuraca
Ornella Patti
Coordinatori cittadini :
Giacomina Di Francesco – Agrigento
Emanuele Udenzi – Porto Empedocle
Vincenzo Taormina – Realmonte
Calogero Drago – Favara
Maria Rita Grassagliata – Comitini/Racalmuto
Miriam Cipolla – Grotte
Gioacchino Lumia – Canicattì
Giovanni Mattina – Camastra
Rosario Cucuzzella – Ribera
Nicoló Di Giovanna – Siculiana e Montallegro
Claudio Corvitto – Licata
Claudia Bellavia – Naro
Giovanni Di Caro – Ravanusa
Marianna Mula – Aragona
Davide Cacciatore – Santa Margherita Belice

Una domenica di “straordinaria follia” quella di un gruppo di tifosi catanesi giunti al seguito della loro squadra impegnata nel derby contro l’Akragas all’Esseneto. Sono ben 21 i sostenitori rossazzurri fermati dalla polizia, fermo che probabilmente ha evitato il peggio. Nelle auto sulle quali viaggiavano le forze dell’ordine hanno trovato, e sequestrato, spranghe di ferro  e bastoni, Prima della gara due tifosi etnei, invece, sono stati aggrediti lungo la via Manzoni, nelle vicinanze dello stadio Esseneto, da un gruppo di tifosi agrigentini con il volto coperto da sciarpe.
Motivo dell’aggressione: i due tifosi catanesi si stavano recando allo stadio indossando vistose sciarpe della loro squadra.
Fortunatamente non si sono registrati danni a persone. Un colpo sferrato con un corpo contundente ha colpito di striscio uno dei due giovani tifosi etnei.
La Polizia è alla ricerca dei teppisti, che avevano il volto coperto, sperando di ricavare qualcosa dalle telecamere di sorveglianza ubicate nella zona.
Nei pressi della Villa Bonfiglio una coppia di tifosi akragantini è vittima di lancio di pietra dagli occupanti di una vettura che ad un certo punto scendono e rubano una bandiera ai supporter biancazzurri. Nei pressi dello stadio un inseguimento a una vettura che alla vista della polizia scappa contromano. Numerose le denunce.
Qualche momento di tensione anche sugli spalti tra opposte tifoserie dopo che i è diffusa la notizia dell’aggressione.

20170213-124143.jpg
E’ stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa l’Organismo di Vigilanza di Girgenti Acque, voluto fortemente dal Consiglio di Amministrazione dell’Azienda.
L’Organismo di vigilanza è un organo indipendente e imparziale, dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo ed ha il compito di vigilare sulla corretta adozione delle procedure aziendali.
Il tutto al fine di eliminare il rischio che la società possa commettere eventuali fattispecie di reato consentendole di perseguire l’obiettivo di attuare al meglio la cultura del controllo in ambito aziendale per garantire al meglio il rispetto del servizio rivolto agli utenti.
L’Organismo di Vigilanza per assicurare le condizioni di correttezza e trasparenza della gestione del servizio idrico integrato, nell’interesse degli utenti, dei propri dipendenti e di tutti coloro che entrano in contatto con l’Ente Gestore, deve necessariamente caratterizzarsi per autonomia, indipendenza, professionalità e continuità di azione.
Per questa ragione Girgenti Acque ha nominato pregiate figure esterne di altissimo profilo morale ed istituzionale, che possiedono importanti competenze legali, societarie organizzative e di risk management.
Il presidente dell’Organismo è il magistrato della Corte dei Conti dott. Raffaele De Lipsis , già presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa.
Componenti dell’Organo sono il generale di Corpo d’Armata Ugo Marchetti, consigliere della Corte dei Conti e l’avvocato Bruno Lo Giudice, presidente dell’Unione Nazionale Camere Avvocati Tributaristi, giurista specializzato in consulenza e contenzioso tributario.
La nomina dell’OdV viene così a rafforzare il sistema di controllo dei rischi degli organi di verifica già esistenti all’interno della Società.
Insomma un altro passo avanti compiuto dalla Società Girgenti Acque, che, in questo modo, continua a mettere in atto quello che è il principale obiettivo della stessa Società e cioè quello di tutelare al massimo tutti gli utenti.

Dopo la grande vittoria contro il Catania il Dirigente accompagnatore biancoazzurro Biagio Nigrelli ha rilasciato queste dichiarazioni: “Voglio complimentarmi, dopo la grande impresa, con il mister Di Napoli ed il suo staff, i giocatori e tutti i collaboratori. Spero che questa vittoria possa ricompattare l’ambiente agrigentino perché i tifosi, i giornalisti e tutti quanti dobbiamo lottare insieme per conquistare la salvezza. Dedico la vittoria contro il Catania al presidente Silvio Alessi e all’Amministratore delegato Peppino Tirri, che per l’ennesima volta ha costruito una squadra all’altezza con pochissime risorse economiche, e al team manager Salvatore Incorvaia”.

Un video, dove è visibile una discarica, è stato postato, sulla sua pagina Facebook, dall’Associazione ambientalista Mareamico, delegazione di Agrigento. Sulla stessa si legge: “Nella zona di Punta Bianca sono state delimitate due aree piene di rifiuti speciali. Nei cartelli non vi è alcuna indicazione di chi ha effettuato questo intervento. Mareamico chiede di sapere chi ha poste in essere questo sequestro, ma soprattutto chiede di sapere, quando verranno bonificate le aree?”.

Un busta, con dentro un proiettile e una messaggio intimidatorio, è stata recapitata ad un nuoto avvocato penalista palermitano, Maurilio Panci. Nella missiva minacce esplicite: “Continua a fare l’infame…”. L’avvocato Panci in passato aiutò il figlio di un pregiudicato ucciso a scoprire chi fossero gli assassini del padre che furono, poi, condannati.