Home / In evidenza  / 2 milioni di euro il dissesto finanziario del comune di Cerda !
   

2 milioni di euro il dissesto finanziario del comune di Cerda !

 
Si aggira sui 2 milioni di euro i debiti del Comune di Cerda nel palermitano e le casse vuote della piccola cittadina posta sulle Madonie, ha dovuto dichiarare il dissesto finanziario votando a maggioranza  già in consiglio comunale. Unica misura da adottare dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Ognibene, che  è stato votato a maggioranza dal consiglio comunale. a causa non solo di crediti ritenuti inesigibili ma anche della riduzione dei trasferimenti statali e regionali. La Prefettura di Palermo nominerà ora una commissione che gestirà i conti del Comune e modulerà, come prevede la legge, gli oneri e le tariffe dei servizi. Problemi e carte da valutare e chiarire sulle varie forme, e capire il perchè si è arrivati ad una somma così esosa, oltre al fatto che gli aiuti regionali e statali sono arrivati col contagocce o addirittura inesistenti. Situazione che porterà la cittadinanza a periodi di sofferenza e di gestione difficile, visto che nei piccoli paesi dell’entroterra le entrati comunali sono limitate ai pagamenti di acqua e tributi vari, preventivando  anche le difficoltà delle persone ad attingere ai pagamenti visto le situazioni di contesto generale nel territorio.
Antonio David

2 milioni di euro il dissesto finanziario del comune di Cerda !Si aggira sui 2 milioni di euro i debiti del Comune di Cerda nel palermitano e le casse vuote della piccola cittadina posta sulle Madonie, ha dovuto dichiarare il dissesto finanziario votando a maggioranza  già in consiglio comunale. Unica misura da adottare dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Ognibene, che  è stato votato a maggioranza dal consiglio comunale. a causa non solo di crediti ritenuti inesigibili ma anche della riduzione dei trasferimenti statali e regionali. La Prefettura di Palermo nominerà ora una commissione che gestirà i conti del Comune e modulerà, come prevede la legge, gli oneri e le tariffe dei servizi. Problemi e carte da valutare e chiarire sulle varie forme, e capire il perchè si è arrivati ad una somma così esosa, oltre al fatto che gli aiuti regionali e statali sono arrivati col contagocce o addirittura inesistenti. Situazione che porterà la cittadinanza a periodi di sofferenza e di gestione difficile, visto che nei piccoli paesi dell’entroterra le entrati comunali sono limitate ai pagamenti di acqua e tributi vari, preventivando  anche le difficoltà delle persone ad attingere ai pagamenti visto le situazioni di contesto generale nel territorio.
Antonio David

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO