Home / In evidenza  / Oggi a Palermo seconda giornata di incontri del programma “Scopritarta” con i docenti
   

Oggi a Palermo seconda giornata di incontri del programma “Scopritarta” con i docenti

 

20170214-120447.jpg
Si terrà oggi a Palermo la seconda giornata di incontri con i docenti delle scuole siciliane aderenti al programma di Educazione Ambientale “Scopri-Tarta”, coordinato per la Sicilia dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento in qualità di partner del progetto UE “Tartalife -Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale” (LIFE12 NAT/IT/000937), e giunto al suo secondo anno di svolgimento. Lo staff del Settore Ambiente e l’esperta in biologia e biodiversità marina dott.ssa Daniela Freggi saranno ospiti dell’Istituto Comprensivo “Amari Roncalli Ferrara” di Palermo per la giornata formativa riservata alle numerose scuole della provincia di Palermo che hanno aderito all’iniziativa, prevista dall’azione E3 del Tartalife, che ha tra i suoi partner il Libero Consorzio, con il CNR-ISMAR ente capofila.
Ieri è stata la volta delle scuole della provincia di Caltanissetta e di Agrigento, con incontri tenuti rispettivamente a San Cataldo e nell’aula “Pellegrino” del Libero Consorzio. Domani invece sarà la volta delle scuole trapanesi, nella sede del 1° Circolo Didattico “Leonardo da Vinci”, mentre giovedì lo staff si sposterà a Linguaglossa (Catania) nell’Istituto Comprensivo “Santo Calì”. La prossima settimana, invece, sono previsti incontri nelle province di Siracusa, Ragusa e Messina.
In tutto nove giornate di formazione e approfondimento per le scuole primarie e secondarie di primo grado siciliane sulla biologia della tartaruga marina e i problemi di conservazione della popolazione del Mediterraneo, soggetta, purtroppo, ogni anno a decine di migliaia di catture accidentali a causa delle attività di pesca professionale, per le quali il Tartalife sta portando avanti ricerche e sperimentazioni per consentire alle società di pesca l’utilizzo di strumenti alternativi in grado di limitare al massimo le catture e soprattutto ridurre l’elevata mortalità degli esemplari.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO