Home / In evidenza  / Nuova proroga per la gestione del servizio integrato dei rifiuti in Sicilia. Ad Agrigento prorogati i commissari delle due Srr agrigento Est ed Agrigento Ovest
   

Nuova proroga per la gestione del servizio integrato dei rifiuti in Sicilia. Ad Agrigento prorogati i commissari delle due Srr agrigento Est ed Agrigento Ovest

 

20170201-204958.jpg

Annamaria Martorana
Nuova, ennesima proroga, da parte del governo regionale, per la gestione dei rifiuti
in Sicilia. Oggi, il presidente della regione Crocetta, ha firmato un’ordinanza con cui
proroga fino al 15 febbraio prossimo la speciale forma di gestione dei rifiuti che
interessa anche le due Srr presenti sul territorio provinciale. Per garantire la
continuità del servizio in pratica, i commissari straordinari delle società per la
regolamentazione dei rifiuti Agrigento est e Agrigento Ovest, rimarranno in carica
per altre due settimane. Quindici giorni entro i quali, il Dirigente generale del
Dipartimento rifiuti Maurizio Pirillo, dovrà provvedere a predisporre un’apposita
ordinanza in aderenza a quelli che sono gli adempimenti previsti a carico
dell’assessorato regionale all’energia. L’ennesima proroga si è resa necessaria perchè
quella procedente è scaduta ieri, 31 gennaio e nelle more di tale scadenza, non si è
proceduto con gli adempimenti necessari per l’attuazione del modello di gestione
integrata dei rifiuti di cui alla legge regionale n.9 del 2010. Ma a parte l’ordinanza
odierna, Crocetta ha annunciato per domani mattina, una conferenza stampa a
Palazzo d’Orleans per spiegare i contenuti di un’ulteriore ordinanza con la quale si
accelerano le azioni verso la gestione integrata dei rifiuti. L’ordinanza
descrive l’attuale situazione dei rifiuti caratterizzata dal DDL di riforma che è
attualmente fermo nelle commissioni di merito e non è stato quindi approvato
dall’Ars; la coesistenza di strutture diverse esistenti sul territorio, in
particolare la presenza di ATO che dovrebbero essere in liquidazione e che
continuano a gestire e le difficoltà di tali ATO nella gestione perché
fortemente indebitati e con decreti di pignoramento da parte dei fornitori. Le
nuove società ambito Srr ancora non operative, per quanto dal 2013
dovrebbero avere già sostituito gli ATO e di gare di ambito che, in diversi
casi, non sono state avviate; l’impiantistica che non viene promossa né da
ATO nè da Srr.
“Tale situazione – dice il presidente – rischia di creare uno stato di
emergenza permanente nella gestione, nel trattamento e smaltimento dei
rifiuti”. Il presidente fa carico al Dipartimento Acqua e rifiuti, di
predisporre una ordinanza che garantisca un quadro di gestione certa e
attività di attuazione della nuova impiantistica, nelle more della messa a
regime delle nuove società ambito. “La nuova ordinanza, conclude Crocetta
– consentirà finalmente di avere quella svolta sui rifiuti che è necessario
attuare dopo diversi anni dell’entrata in vigore della legge 9.

Annamaria Martorana
Nuova, ennesima proroga, da parte del governo regionale, per la gestione dei rifiuti
in Sicilia. Oggi, il presidente della regione Crocetta, ha firmato un’ordinanza con cui
proroga fino al 15 febbraio prossimo la speciale forma di gestione dei rifiuti che
interessa anche le due Srr presenti sul territorio provinciale. Per garantire la
continuità del servizio in pratica, i commissari straordinari delle società per la
regolamentazione dei rifiuti Agrigento est e Agrigento Ovest, rimarranno in carica
per altre due settimane. Quindici giorni entro i quali, il Dirigente generale del
Dipartimento rifiuti Maurizio Pirillo, dovrà provvedere a predisporre un’apposita
ordinanza in aderenza a quelli che sono gli adempimenti previsti a carico
dell’assessorato regionale all’energia. L’ennesima proroga si è resa necessaria perchè
quella procedente è scaduta ieri, 31 gennaio e nelle more di tale scadenza, non si è
proceduto con gli adempimenti necessari per l’attuazione del modello di gestione
integrata dei rifiuti di cui alla legge regionale n.9 del 2010. Ma a parte l’ordinanza
odierna, Crocetta ha annunciato per domani mattina, una conferenza stampa a
Palazzo d’Orleans per spiegare i contenuti di un’ulteriore ordinanza con la quale si
accelerano le azioni verso la gestione integrata dei rifiuti. L’ordinanza
descrive l’attuale situazione dei rifiuti caratterizzata dal DDL di riforma che è
attualmente fermo nelle commissioni di merito e non è stato quindi approvato
dall’Ars; la coesistenza di strutture diverse esistenti sul territorio, in
particolare la presenza di ATO che dovrebbero essere in liquidazione e che
continuano a gestire e le difficoltà di tali ATO nella gestione perché
fortemente indebitati e con decreti di pignoramento da parte dei fornitori. Le
nuove società ambito Srr ancora non operative, per quanto dal 2013
dovrebbero avere già sostituito gli ATO e di gare di ambito che, in diversi
casi, non sono state avviate; l’impiantistica che non viene promossa né da
ATO nè da Srr.
“Tale situazione – dice il presidente – rischia di creare uno stato di
emergenza permanente nella gestione, nel trattamento e smaltimento dei
rifiuti”. Il presidente fa carico al Dipartimento Acqua e rifiuti, di
predisporre una ordinanza che garantisca un quadro di gestione certa e
attività di attuazione della nuova impiantistica, nelle more della messa a
regime delle nuove società ambito. “La nuova ordinanza, conclude Crocetta
– consentirà finalmente di avere quella svolta sui rifiuti che è necessario
attuare dopo diversi anni dell’entrata in vigore della legge 9.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO