Home / 2017 / Gennaio (Pagina 58)

Continuano gli interventi del Libero Consorzio di Agrigento sulle strade del comprensorio montano dopo le abbondanti nevicate dei giorni scorsi. Ieri sera è stata sbloccata anche la SPR n. 25 S. Stefano di Quisquina-Misita, mentre stamattina i cantonieri sono all’opera sulla SP n. 26A Cammarata-Castronovo di Sicilia per spargere sale sulla carreggiata in buona parte ricoperta di ghiaccio. Lavoro duro anche sulla SPC n. 31 Cammarata-Casteltermini, ove i mezzi del Settore Infrastrutture Stradali sono coadiuvati da altri mezzi del Comune di Cammarata.
Su tutte le strade della zona montana il transito è consentito esclusivamente con catene, obbligatorie anche sulla SP n. 25 Mussomeli-Soria-Tumarrano nella corsia liberata dall’imponente quantità di neve presente sino a domenica e percorribile solo a senso unico alternato. Viene segnalato inoltre ghiaccio in direzione Valledolmo, ma lo spargimento di sale, a causa del concomitante lavoro sulle altre strade, avverrà solo nelle prossime ore. Pertanto, oltre al montaggio delle catene, è d’obbligo procedere con estrema prudenza.

“RICORDARE ANTONIO  SACCARO
PER RICORDARE LA STORIA DELLA CGIL
IN QUESTA NOSTRA TERRA”

Il  prossimo 20 gennaio, a Canicattì (ore 16.30 Palazzo Stella) la CGIL insieme al Comune di Canicattì ricorderà, a 10 anni dalla scomparsa, Antonio Saccaro, prestigioso dirigente della locale Camera del Lavoro di Canicattì.
La Camera del lavoro di Canicattì è stata sempre un soggetto protagonista della vicenda economica e sociale della Città,  scrivendo autentiche pagine di storia cittadina negli anni nei quali sono caduti a decine i sindacalisti che sognavano una Sicilia non più feudale.
La strage di Canicattì del 21 dicembre 1947 nella quale persero la vita 3 braccianti e un carabiniere è il culmine e l’emblema di quella vicenda che si è arricchita di tanti altri episodi che meritano di essere conosciuti e che ci consegnano figure esemplari di dirigenti politici e sindacali: Domenico Cigna,  Domenico “Minicu” Messina, Antonio Mannarà.
Antonio Saccaro veniva da quella storia e per 30 anni ha diretto  e continuato quella storia, a difesa dei più deboli.
L’iniziativa verrà aperta dal Saluto del Sindaco della Città ETTORE DI VENTURA e del Presidente del Consiglio Comunale ALBERTO TEDESCO ed ospiterà gli interventi ed i contributi dell’Assessore  ENZO DI NATALI, Piero MANGIONE, Santo SCIORTINO, Toto TREPPIEDI, Antonio MAIRA, Enzo BALDANZA, Massimo RASO.
Centrale sarà la relazione del prof. Salvatore VAIANA, autore di numerose pubblicazioni, tra le quali una “Storia della Camera del lavoro di Canicattì”.
I lavori saranno conclusi da MICHELE PAGLIARO Segretario CGIL SICILIA.
E’ intendimento costruire, durante tutto il 2017, anno del “settantennale” della strage di Portella delle Ginestre (e di qulla di Canicattì)  anche altri appuntamenti specifici nelle scuole canicattinesi.
Oggi, il Segretario della CGIL ha scritto una lettera ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Medie Superiori di Canicattì per sollecitare un loro intervento e invitandoli a costruire all’interno delle loro Scuole momenti di approfondimento.

Ad Agrigento, al teatro Pirandello, sabato prossimo 14 gennaio, alle ore 21, nell’ ambito della stagione 2016 – 2017, sarà in scena “Il divorzio dei compromessi sposi”, scritto e diretto da Carlo Buccirosso e liberamente tratto dall’opera manzoniana. Si tratta di una rievocazione in ampia parte satirica e farsesca del celebre romanzo manzoniano. La replica, come di consueto, è in programma domenica, 15 gennaio, alle ore 17.30.

Pubblicata oggi sul sito della Regione la delibera della Giunta Regionale n. 1 dell’11 gennaio 2017 con la quale viene indetta l’elezione dei vertici del Liberi Consorzi per domenica 26 febbraio 2016.
Ad Agrigento saranno chiamati a votare in provincia circa 750 grandi elettori tra Consiglieri e Sindaci con il meccanismo delle elezioni di secondo grado, in base al voto ponderato attribuito ad ognuno di essi.
Queste le date per giungere alle elezioni: Entro il 27 gennaio 2017 dovrà essere pubblicato l’elenco degli elettori, cioè i sindaci e i consiglieri comunali in carica nei 43 comuni della provincia. Non sono elettori i sindaci ed i consiglieri comunali sospesi di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235.
Il termine per la presentazione delle candidature a Presidente del Libero Consorzio o per i 12 componenti del Consiglio è stato fissato dalle ore 8:00 del 4 febbraio alle ore 12:00 del 5 febbraio 2017. Il termine finale per la costituzione del seggio elettorale è stato fissato per il 16 febbraio 2017.
La normativa regionale prevede che sono candidabili a Presidente del libero Consorzio comunale i sindaci dei comuni appartenenti allo stesso libero Consorzio comunale. Non sono candidabili i sindaci sospesi di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo n.235/2012.


Un caffè letterario sulla rivolta dei “Non si parte”, avvenuta dall’undici al tredici gennaio 1945, si svolgerà nella sala riunioni del Palazzo Malfitano – Giacchetto ( ove è anche ospitata la Mostra Permanente dell’Arte Grafica) sabato prossimo 14 gennaio alle ore 16,00.
L’ evento è intitolato “Correva l’anno 1945 a Naro” ed è organizzato dalla Pro Loco “La Fulgentissima”, con il patrocinio del Comune di Naro e del Comune di Ustica, dove i rivoltosi naresi furono deportati.
I lavori saranno introdotti dal Presidente della Pro Loco “La Fulgentissima”, Enzo Giglio, dal Sindaco Lillo Cremona e dall’Assessore alla Cultura Francesca Dainotto, dal Sindaco di Ustica Attilio Licciardi e dal medico Mariano Scalisi. Interverrà Giovanni Samperisi, autore del romanzo storico “Cento Anni di Amore”.
Interverranno  inoltre  gli avvocati Giovanni Tesè e Gaetano Provenzano, il giornalista Salvatore Fucà e lo storico Vito Ailara.
I lavori saranno intervallati da  brevi spazi musicali a cura di Salvatore Nocera Bracco e di Nicola Vaccaro che eseguiranno “ La Ballatta dell’undici innaru” e “ Spunta lu suli di lu Castiddrazzu”.

L’iniziativa è finalizzata a preservare la memoria di questa rivolta contro la leva militare che costò la vita ad alcuni rivoltosi e ad alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine, tra cui il sottotenente dei carabinieri Antonino Di Dino.
DICHIARAZIONE DEL SINDACO:
L’iniziativa culturale vuole ricordare una tappa importante della storia di Naro e dei giovani naresi che, nell’ultima parte dell’anno 1944, si videro recapitare la cartolina della leva militare dal governo Badoglio, dopo aver sofferto la guerra, ritenuta definitivamente conclusa dall’armistizio del settembre 1943.

Insieme all’assessore Dainotto e al Sindaco di Ustica abbiamo accolto di buon grado l’idea di Enzo Giglio, presidente della Pro Loco, e abbiamo patrocinato l’evento che presumiamo farà registrare molta affluenza di pubblico.”

Roma, 11 gen – Il deputato nazionale del Partito democratico Antonino Moscatt, anche a seguito delle svariate segnalazioni provenienti dal territorio a causa dei disagi originati dalla chiusura del “ponte Petrusa” tra Favara ed Agrigento, ha presentato un’interpellanza parlamentare indirizzata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti .
Come si saprà da oltre un mese la chiusura dell’infrastruttura disposta proprio dall’Anas per una verifica strutturale, ha causato parecchi problemi al traffico veicolare ed agli automobilisti costretti a scegliere strade alternative dissestate non adatte a sostituire tale arteria. Per Antonino Moscatt, firmatario dell’interpellanza, i disagi sono particolarmente avvertiti dagli abitanti delle zone del quartiere Fontanelle e dell’Ospedale ‘San Giovanni di Dio’, oltre che dai residenti nella zona del carcere ‘Petrusa’.
“Ho subito contattato i dirigenti Anas a cui ho sottoposto la vicenda. In attesa di una loro risposta definitiva, con l’interpellanza presentata oggi, sapremo quanto ancora si dovrà attendere per conoscere i risultati della verifica strutturale che tiene bloccata la tratta e quali iniziative e conseguenti tempistiche adotterà il ministero per avviare il ripristino del ‘Ponte Petrusa’ ed eliminare i disagi degli automobilisti scongiurando il pericolo di incidenti”.

Riceviamo e pubblichiamo
Realmonte. AL sig. Sindaco Calogero Zicari.
Considerato che le scuole hanno ripreso le loro attività dopo le festività.
Viste le basse temperature degli ultimi giorni, peraltro, anticipate da tutti gli organi di informazione e dalla protezione civile.
Preso atto della situazione di disagio in cui versano gli alunni e il personale scolastico, i quali restano in classe per diverse ore al freddo ed al gelo in mancanza di riscaldamento.
Si chiede di sapere: sono stati presi per tempo tutti i provvedimenti necessari per l’accensione dei riscaldamenti delle scuole sul nostro territorio?
Evidentemente No!!!!!!!
Siamo di fronte ad un’oggettiva situazione di disagio, ci sembra del tutto naturale pretendere che le Autorità preposte si attivino per garantire un servizio scolastico dignitoso.
Si ricorda: l’accensione del riscaldamento va dal 1 Dicembre al 31 Marzo legge numero 10 del 9 gennaio 1991 e del D.p.r. numero 412 del 26 agosto 1993 e successive modifiche.
Ergo le S.V. avrebbero dovuto provvedere già da tempo .
In mancanza dell’attivazione di tale indispensabile e necessario servizio e nelle more della risoluzione del problema, Chiedo e ritengo opportuno l’immediata sospensione delle attività scolastiche al fine di tutelare la salute degli alunni e del personale scolastico.
consigliere comunale -Antonino Sciarrone.

20170111-235546.jpg
Tra agosto e settembre 2013 MareAmico di Claudio Lombardo scopre che a Scala dei Turchi, spiaggia di marna bianca a Realmonte, sono state progettate 25 villette di lusso per proprietari vip. Il Comune di Realmonte, e il sindaco dell’ epoca Piero Puccio, revocano in fretta e furia la delibera del 23 ottobre 2008 che ha approvato il piano di lottizzazione cosiddetto “Borgo Scala dei Turchi”. Poi, l’ assessore regionale a Territorio e Ambiente dell’epoca, Mariella Lo Bello, sguinzaglia i Commissari, che rilevano delle irregolarità, e la Regione ordina la sospensione dei lavori. E poi è stata la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Agrigento a sospendere le autorizzazioni di sua competenza concesse alla società di Siracusa, la Comaer. Almeno 25 villette, da vendere tra 500mila e 1 milione di euro, sono state cancellate. Anche, e ovviamente, la Procura della Repubblica di Agrigento ha indagato, e, dopo la conclusione delle indagini, adesso, tramite la sostituto procuratore, Antonella Pandolfi, ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio a carico di 12 imputati, a vario titolo, dei reati di lottizzazione abusiva, abuso edilizio, abuso d’ufficio, e falsa perizia. Tra i responsabili della Comaer gli imputati sono Gaetano Caristia, 71 anni, e Sebastiano Comparato, 82 anni. Poi, tra gli amministratori e tecnici comunali di Realmonte : Giuseppe Farruggia, 63 anni, ex sindaco, Giuseppe Vella, 57 anni, a capo del settore Urbanistica ed edilizia, Cristoforo Giuseppe Sorrentino, 53 anni, funzionario dell’ Ufficio tecnico comunale e responsabile del procedimento della lottizzazione Comaer, e poi Giovanni Francesco Barraco, 56 anni, Giovanni Farruggia, 60 anni, e Daniele Manfredi, 56 anni, direttori dei lavori della lottizzazione Comaer. E poi, tra i dirigenti della Soprintendenza di Agrigento, gli imputati sono Antonino Terrana, 59 anni, Vincenzo Caruso, 61 anni, Agostino Friscia, 64 anni, e Vincenzo Carbone, 64 anni. A Realmonte la Comaer ha acquistato dei terreni per 60mila metri quadri in contrada Canalotto da un Istituto religioso di suore. E le suore li hanno ricevuti in dono dalle sorelle di un ricco medico defunto. E la società Comaer ha stipulato con il Comune di Realmonte una convenzione, nel 2008, con l’allora sindaco, l’ingegnere Giuseppe Farruggia, che poi è stato tra i direttori dei lavori. Secondo la Procura agrigentina, il progetto di costruzione del Borgo Scala dei Turchi è stato adottato non legittimamente, e sono quindi illegittime le concessioni edilizie successive. E la trasformazione del terreno, gravato da vincoli paesaggistici e archeologici, sarebbe stata eseguita in mancanza di titolo abilitativo.
fonte teleacras

Comunicato stampa dell’11 gennaio 2017

Anche oggi i biancoazzurri hanno svolto una doppia seduta di allenamento allo stadio Esseneto di Agrigento. Thiago e compagni preparano la prima partita dell’anno del 21 gennaio sul campo della Reggina, una diretta concorrente per la salvezza. La squadra, nel pomeriggio, ha svolto una seduta tecnico tattica, agli ordini di mister Raffaele Di Napoli. E’ tornato ad allenarsi, dopo due giorni di riposo forzato per un problema intestinale, l’attaccante Lorenzo Longo, che ha svolto un lavoro personalizzato. Non hanno preso parte allenamento il portiere Addario ed il centravanti Cocuzza per differenti problemi fisici che, comunque, non destano particolari preoccupazioni. Hanno lavorato con il gruppo della prima squadra parecchi giocatori delle formazioni Berretti e Allievi.
La squadra tornerà ad allenarsi domani, giovedì 12 gennaio, sul manto erboso dell’Esseneto.
Sabato prossimo, 14 gennaio, riprende dopo la pausa invernale, il campionato Berretti. L’Akragas di mister Accursio Sclafani sfiderà i pari età del Cosenza. La partita si giocherà allo stadio Esseneto di Agrigento. Calcio d’inizio ore 14.30. L’ingresso è gratuito.

L’IMPRENDITORE INDIANO MAHESH PANCHAVAKTRA DOMANI
AD AGRIGENTO PER UN TOUR NELLA VALLE DEI TEMPLI E NELL’AREA INDUSTRIALE
Il commissario straordinario Irsap, Maria Grazia Brandara e il vice presidente della Regione siciliana,
Mariella Lo Bello guideranno la visita nell’Agrigentino dell’imprenditore indiano interessato
a fare business con aziende locali

AGRIGENTO. Inizia da Agrigento il tour nell’isola dell’imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra che sarà in visita nella zona industriale dell’agrigentino di particolare interesse per i suoi affari e commerci con l’India. A  guidare il tour saranno Maria Grazia Brandara, commissario straordinario dell’Irsap Sicilia e il vicepresidente della Regione siciliana, Mariella Lo BelloLa visita inizierà alle ore 11 alla Valle dei Templi, per un giro turistico al parco archeologico, e a seguire un passaggio alla sede della Camera di Commercio (Via Atenea), e alla sede dell’ex Provincia regionale di Agrigento ora Libero Consorzio Comunale di Agrigento (Piazza Aldo Moro). In chiusura la delegazione farà tappa all’agglomerato industriale agrigentino nella sede degli uffici Irsap di Agrigento (Piazza Trinacria, Aragona).
“L’ingegnere Panchavktra ha manifestato ampiamente la volontà di relazionarsi con gli imprenditori e stringere accordi e joint venture con le aziende locali, specie del settore agricolo e agrumicolo – dice il commissario straordinario Irsap Sicilia, Maria Grazia Elena Brandara – con questo tour nell’agrigentino vogliamo far conoscere un territorio dalle molteplici potenzialità, oltre che di grande fascino storico e artistico, e strettamente collegato, da un punto di vista della posizione strategica e industriale, al progetto dell’aeroporto intermodale per gli scambi commerciali di import ed export. Siamo certi che Panchavaktra ne rimarrà colpito”.
Il presidente della holding indiana, Mahesh Panchavaktra che da diversi giorni si trova in Sicilia ha fatto diversi incontri istituzionali finalizzati alla realizzazione di un hub intermodale di trasporti, passeggeri e merci, nella Piana del Mela, che sia base logistica di scambio transcontinentale con i paesi dell’Oriente, interamente finanziato da capitali privati della stessa holding indiana Panchavaktra Group.