Home / 2017 / Gennaio (Pagina 54)


Girgenti Acque comunica che oggi, sino alle 16.50, l’Enel interromperà la fornitura di energia elettrica in c.da Conceria, non alimentando così la stazione di sollevamento “Verdura” che alimenta i serbatoi idrici dei Comuni di Ribera e Calamonaci.
Tale situazione comprometterà i turni di erogazione nei Comuni interessati, con slittamenti dei turni idrici previsti.
La distribuzione tornerà regolare non appena sarà riattivata la fornitura elettrica al sollevamento interessato, tenendo in considerazione che, per normalizzarsi, saranno necessari dei tempi tecnici.

L’ informazione e la condivisione delle informazioni sui social network sono argomenti molto dibattuti, soprattutto in seno all’ Ordine dei Giornalisti. E a riprova di ciò, tanto se ne discute in occasione dei ricorrenti seminari di aggiornamento professionale. Sul web, ed è una insindacabile forma di democrazia e di costituzionale libertà di espressione, si pubblicano notizie e video a prescindere dall’ iscrizione all’ Ordine e da qualsiasi altro titolo abilitante. E’ una lavagna infinita, dove ciascuno è libero di incidere a suo piacimento, dotandosi soltanto di un gessetto. Più recentemente la Cassazione ha equiparato il reato di diffamazione a mezzo stampa alla diffamazione perpetrata tramite la pubblicazione sui social network che, peraltro, spesso ha una valenza diffamatoria ben maggiore rispetto ai canali tradizionali, essendo letta e condivisa da migliaia di utenti. E ciò nell’ ambito di una progressione incontrollata e difficilmente controllabile. Basti pensare – caso estremo – alla ragazza napoletana indotta al suicidio dopo la diffusione e la condivisione in rete di un video pornografico che l’ ha incautamente ritratta. In altri casi, ovviamente assai meno gravi e disdicevoli, accade che un servizio giornalistico in onda alcuni anni addietro, magari perché apprezzato e condiviso all’epoca, sia rievocato sui social network ripubblicandolo. Bene : lo stesso servizio, ed è appena accaduto ad un servizio di Teleacras con la data debitamente indicata, è subito condiviso da centinaia di altri utenti, fin quando nel turbine vorticoso e inarrestabile delle condivisioni e dei commenti, incappa anche il destinatario delle critiche dello stesso servizio, che, nel caso odierno, è la società Girgenti Acque. E, ovviamente peccando di superficialità, il destinatario crede che il servizio sia stato appena in onda, e, di conseguenza, la stessa società, incorsa nell’ errore, poi riconosciuto, risponde replicando per le rime. Morale della favola, che favola non è : attenzione a tutto quanto sia pubblicato a mezzo stampa, come regola generale, e, in particolar modo, sui social network. E prima di interagire, approfondire e riscontrare, “al di là di ogni ragionevole dubbio”, citando la formula giuridica alla base di ogni sentenza. Da parte nostra non intendiamo manifestare permalosità e nemmeno, lungi da noi, salire superbamente in cattedra. Tutt’altro. Cogliamo l’ occasione dell’ incidente occorso, perché di incidente si tratta, per riaffermare il principio generale appena esposto, a giovamento di tutti.


Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle – Chiamata di imbarco per un marittimo  motorista abilitato motopesca “VALERIA SECONDO ” MATR. 4PE555

Si informa che la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle ha disposto la seguente chiamata d’imbarco:
–        Venerdì  13/01/2017 –  ore 10,00: un marittimo con la qualifica di Motorista abilitato, per completare l’equipaggio del  motopesca “VALERIA SECONDO.” Matr 4PE555 in arrivo nello scalo di Lampedusa.
I marittimi interessati possono rivolgersi per ulteriori informazioni, prima della chiamata d’imbarco, alla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di   Porto Empedocle e Lampedusa.

Ad Agrigento la presidente della seconda commissione consiliare, Gabriella Battaglia, e i componenti consiglieri Vincenzo Licata, Nello Hamel, Gerlando Gibilaro e William Giacalone, esprimono soddisfazione a seguito dell’inizio dei lavori di manutenzione straordinaria nella scuola Santa Chiara in via dei Fiumi al Villaggio Mosè. Gli stessi consiglieri affermano : “La nostra commissione ha svolto un complesso lavoro di esame delle condizioni dell’immobile scolastico, attraverso sopralluogo ed evidenze documentali. I lavori renderanno finalmente fruibili e sicuri gli ambienti interni e le aree esterne funzionali alle attività scolastiche”.

Ci è stato appena segnalato che il servizio televisivo di Teleacras per il quale la Società ha trasmesso una dura replica, è andato in onda anni fa.
Tale servizio viene fatto girare sui social come se fosse attuale.
Ci scusiamo con la redazione di Teleacras, ed in particolare con Angelo Ruoppolo e cogliamo l’occasione per esternargli la nostra  stima, per l’obbiettività e la professionalità con le quali esercita il proprio lavoro di giornalista.
Marisa Macaluso
Direttore del Personale


Amo incondizionatamente la mia Terra: la Sicilia. Amo ancor di più la mia città Agrigento, dove sono nata, dove sono nati i miei genitori, i miei nonni, i miei fratelli, i miei nipoti. La amo nonostante le brutture, le incongruenze e beghe politiche di sempre.
Amo il cielo azzurro quasi tutto l’anno, amo il mare meraviglioso, che ogni tanto qualcuno dice che è inquinato, amo le sue bellezze paesaggistiche , architettoniche e naturalistiche, i suoi tramonti colorati di un rosa che tende al rosso che non ho visto da nessuna parte del mondo che conosco.
Tuttavia non posso non rilevare quanto Agrigento sia una città “Lenta”, una città sempre in fieri, non in senso positivo purtroppo, ma una città dove le cose si cominciano e non si portano mai a termine, come le idee che ad Agrigento sembrano assumere sempre la forma di uno stagno: sempre fisso, sempre uguale, col tempo maleodorante.
Nessuno si prende la responsabilità di partecipare alle attività amministrative, politiche, culturali della città. Una città dove nessuno legge, dove esistono due o tre librerie che campano perché vendono i libri scolastici.
Ma attenzione se qualcuno ha una idea nuova e la mette in pratica  tutti a criticare “… poteva essere così e cosà…, chissà quale interesse è nascosto sotto questa innovazione “, tanto da fermare sul nascere qualunque attività volontaria, insomma un male incurabile come lo definiva Pirandello:
“ l’accidia taciturna degli abitanti. Nessuno aveva fiducia nelle istituzioni, né mai l’aveva avuta. La corruzione era sopportata come un male cronico, irrimediabile. Considerato ingenuo o matto, impostore o ambizioso, chiunque si levasse a gridare contro”.
Questa frase dei Vecchi e Giovani stupisce ancora per la sua attualità
Ricordo da bambina , in via Atenea, ogni tanto,  mi fermavo col mio papà ad ascoltare un tizio che gridava le sue ragioni e le malefatte del Governo della città e di quant’altro non andasse bene, cominciava sempre i suoi discorsi con l’intercalare :” Popolo di Cornuti…”.
Da grande poi appresi che si trattava di un uomo colto: L’Avvocato Salvatore Malogioglio che scriveva i suoi articoli sul giornale “la Scopa”, che vendeva al prezzo simbolico di 10 lire, o addirittura lo regalava. Leggendo  oggi alcuni di quegli articoli, per esempio sulla mancanza di acqua e cattiva distribuzione della stessa in città, pare di leggere un quotidiano della giornata.
Per tale motivo era additato come “Strambo”.
Ma proviamo a fare una passeggiata per le vie della città. Partiamo dal Viale della Vittoria dove dall’anno della frana, mi pare siano  trascorsi tre anni, metà strada è transennata per pericolo crolli o per lavori in corso, morale: il traffico è dirottato e di conseguenza in quel tratto ed anche più avanti c’è sempre ingorgo. Non parliamo poi dei meravigliosi marciapiedi scelti da non mi ricordo quale sindaco, di colore bianco e giallo, all’origine, oggi sono a pois perché le bacche degli alberi (meravigliosi che resistono miracolosamente da non so quanti anni) cadono si spiaccicano a terra e non vanno più via nemmeno con la macchina pulitrice.
Saliamo verso la via Atenea . Ho fatto, dopo anni una passeggiata  nel periodo di Natale e , forse a causa della recessione o di altri fatti contingenti, non c’era un cane nel vero senso della parola, ma mi ha sconvolto il fatto che negli anni precedentti  “il salotto buono di Agrigento” era addobbato con belle piante, tappeto rosso ed i commercianti provvedevano ad addobare “ pro domo sua” adeguatamente le vetrine, quest’anno il nulla.
Scendendo verso  piazza stazione fa mostra di sé un povero abete (o pino) sdradicato dal suo habitat e addobbato miseramente!.
Perché non prendere un  albero finto ed addobbarlo adeguatamente anche con l’aiuto dei cittadini e dei commercianti? Io avrei aderito volentieri.
Inoltre mi è sconosciuto il motivo per cui da diversi mesi , ormai, i semafori che dividono il traffico tra piazza Vittorio Emanuele, Piazza stazione, viale della Vittoria e via Acrone  funzionano solo con il giallo: un vero guaio!
Ognuno vuole la precedenza e non rispetta assolutamente la destra,  né i pedoni, neanche quelli che attraversano dalle strisce pedonali. Di vigili urbani neanche l’ombra!
So che quello che ho scritto è di dominio pubblico, e che tutti diranno :” Ma questa che vuole sappiamo tutto, ma pazienza!” Ed è questo che io non riesco ad avere la: “ pazienza   l’accidia taciturna” di cui parlava Pirandello, ma che è purtroppo attuale.
Per ora mi fermo qui, ma vi prometto che proseguirò la mia visita nel resto delle vie della città.


Eppure Firetto risulta una brava persona. Intelligente,capace e anche simpatico.
Però è distratto,distratto,distratto.
Prima distrazione è il non controllare le sorti della Fondazione teatro Pirandello della quale non si sa niente:quanto costano le singole compagnie;i singoli incarichi, i laboratori vari; perchè al direttore artistico del Teatro Pirandello Lo Monaco, oltre a riconoscere 10 mila euro di rimborso, si consente di prodursi con propria società uno spettacolo (Il berretto a sonagli) che poi vende allo stesso suo teatro Pirandello con ben 7 repliche introitando cachets e incassi da ogni parte?.
Seconda distrazione: nel sito della Fondazione Teatro Pirandello è prevista una spesa,non dettagliata, di 383 mila euro e non sono precisati da dove arrivano i contributi per coprire più di 220 mila euro di disavanzo rispetto ai previsti incassi.
Terza distrazione:il sindaco Firetto convoca un Comitato per le celebrazioni del 150° Anniversario Pirandelliano e trascura di convocare il Pirandello stable festival che è la più forte struttura che dedica attività continuativa al Nobel agrigentino da oltre 15 anni:con festival teatrali,concorsi letterari (Una poesia per Pirandello e Concorso nazionale Modello Pirandello) e il Premio Internazionale Pergamene Pirandello alla XVIII edizione a cui ha partecipato sempre puntualmente il Sindaco Firetto (anche da Sindaco di Porto Empedocle) con tanto di fascia tricolore.
Forse perchè il suo presidente (il sottoscritto) osa criticare alcune iniziative,non condivisibili, del Sindaco e della Giunta?
Né c’è,comunque, la volontà da parte del Pirandello stable festival di partecipare al grande calderone “TUTTI DENTRO” messo in campo dal Comune.
Altra distrazione:
Circa tre mesi orsono la consigliera Nuccia Palermo,capogruppo di Sicilia futura e il consigliere indipendente Nello Hamel hanno chiesto ufficialmente di conoscere dati specifici ,numeri e costi della Fondazione.
Nessuna carta scoperta.
Sarà come Re Faruk che -negli anni ’50- per non scoprire le carte dichiarava semplicemente “Parola di re”.
Possibile un’assimilazione tra Faruk e Firetto?
Boh!

Non per essere scaramantici, ma, forse, la danza della pioggia, in onda al Videogiornale di Teleacras lo scorso 30 dicembre, è stata propizia. Infatti, tanta pioggia si è riversata soprattutto nella Sicilia occidentale, e l’allarme scarsa piovosità e invasi a secco tra le province di Enna, Caltanissetta, Palermo e Agrigento è rientrato, se non del tutto ma quasi, per non peccare di eccessivo ottimismo e, ancora scaramantici, incrociando le dita. Tanto è stato l’allarme bacini vuoti che a Palermo già dal 2 gennaio l’acqua sarebbe stata distribuita a giorni alterni, come lo fu l’ ultima volta nel 2003. Invece, a Palermo in Prefettura si è riunito il primo vertice del 2017 tra la Regione e i gestori dei servizi idrici nelle province di Palermo, Agrigento, Caltanissetta ed Enna, e le ottime meteo – notizie sono state annunciate e condivise con applausi. La pioggia non è mancata, anzi, ha riempito la diga Scanzano, in provincia di Palermo, che adesso vanta 1 milione e mezzo di metri cubi d’acqua. Ed ecco perché, come primo provvedimento di conseguenza, è stato cestinato il progetto della distribuzione a giorni alterni. E Palermo si rifornirà non solo dal lago Scanzano, a Piana degli Albanesi, ma anche dalla diga Rosamarina, a 3 chilometri da Caccamo. Nel frattempo l’ Amap si è impegnata a lavorare, in modo risolutivo, per ripristinare la condotta tra Palermo e le abbondanti fonti del comune di Scillato, sulle Madonie. I tecnici hanno proposto di montare una condotta temporanea in kevlar, che è una fibra sintetica molto resistente, lunga 1 chilometro e 800 metri, per scavalcare la frana che ha interrotto il collegamento. E l’ opera costa 1 milione e 300 mila euro, e, se si inizia a lavorare subito, a marzo il bypass sarà pronto. E a Palermo giungerebbero i 400 – 600 litri di acqua al secondo da Scillato, che adesso, e che peccato, precipitano in mare. Dopo la pioggia, si respira di sollievo anche nell’ agrigentino, dove però  le riduzioni della fornitura disposte da SiciliAcque non sono state revocate, almeno per il momento. Nel frattempo, dopo un guasto al Fanaco, un altro inconveniente si è abbattuto sulla condotta d’adduzione Margiovitale. E il rubinetto è stato chiuso per Naro.
fonte teleacras


“La Lega presenterà una infinita’ di emendamenti al provvedimento sul
testamento biologico. Si tratta di un testo improponibile che non vedra’ mai
la luce. La sacralita’ della vita deve essere un principio inviolabile,
dall’inizio alla fine, e in tal senso la Lega e’ oggi avanguardia politica
di queste battaglie C’e’ un chiaro tentativo, iniziato anni fa, da parte di
una certa sinistra e di chi e’ prono ad alcune lobby internazionali di
stravolgere la concezione antropologica dell’uomo, che passa anche
attraverso questa legge. Faremo le barricate per impedirlo e fin quando ci
saremo noi la legge non passera’ mai”. Cosi’ il deputato della Lega dei
popoli-Noi con Salvini, Alessandro Pagano.

Girgenti Acque S.p.A. comunica che, a causa di un guasto sulla condotta di adduzione al sollevamento idrico “Margiovitale” sarà momentaneamente interrotta la fornitura idrica al Comune di Naro.
Pertanto la distribuzione idrica in corso ha subito delle limitazioni con slittamento delle turnazioni.
La regolare fornitura idrica ai serbatoi comunali sarà riattivata non appena il guasto sarà riparato e di conseguenza la distribuzione idrica verrà ripristinata.
I lavori di riparazione sono in corso e il ripristino sarà effettuato nel minor tempo possibile.