Home / 2017 / Gennaio (Pagina 51)

Al Comune di Porto Empedocle, la consigliere comunale Antonina Pullara (nella foto), del gruppo “Donne al Comune”, si è rivolta alla sindaca Ida Carmina in riferimento ai disagi, non indifferenti, a cui sono costretti gli alunni a causa dei pesanti zainetti scolastici, sempre più appesantiti dall’ eccessivo materiale scolastico, e a danno della salute e, in particolare, della colonna vertebrale. Antonina Pullara ricorda che la normativa in materia impone che il peso complessivo dello zaino scolastico non deve superare il 10-15% del peso corporeo dell’alunno. Dunque, la consigliere Pullara afferma : “Ho chiesto all’ Amministrazione Comunale di dotare le aule di armadietti che possano accogliere i materiali degli alunni, e di sollecitare i dirigenti scolastici a far lasciare i libri dei bambini a scuola per tutta la settimana con una circolare che informi i Docenti sulla regolamentazione della questione organizzativa che puo’ prevedere diversi approcci alla problematica e diverse soluzioni alternative”.

Ad Agrigento, in via Atenea, la Polizia è intervenuta per rasserenare un ventenne, ubriaco, reo di molestare le persone in transito o nei negozi. Il giovane, a fronte degli agenti, si è scatenato in escandescenze, insultandoli. E ha mantenuto tale comportamento anche in caserma. E’ stato denunciato a piede libero, e risponderà di resistenza a pubblico ufficiale.

Il Tribunale di Sciacca, ha convalidato l’arresto, ha revocato i domiciliari e ha imposto l’obbligo di presentazione 3 volte alla settimana alla Polizia a carico di Donato Bronzino, 44 anni, di Partinico, e Alexandru Cantorianu, 25 anni, romeno, residente a Partinico, arrestati dai Carabinieri perché sorpresi a trasportare 110 chili di rame appena rubati nella Chiesa Madre di Caltabellotta.

Il Tribunale di Agrigento, in occasione dell’ udienza di convalida dell’ arresto, ha revocato gli arresti domiciliari e ha imposto l’ obbligo di presentazione alla Polizia 3 volte alla settimana a carico di Calogero Alessandro Sciarrabba, 23 anni, di Agrigento, arrestato dalla Polizia lo scorso 11 gennaio per furto aggravato in concorso e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Sciarrabba, che si è avvalso della facoltà di non rispondere, è difeso dall’ avvocato Francesco Terrazzino

Tornano in campo nel weekend le formazioni del settore giovanile dell’Akragas. Apre il programma la Berretti Nazionale di Accursio Sclafani che gioca il recupero dell’undicesima giornata contro la Casertana. La partita è in programma domani, sabato 14 gennaio, alle ore 14,30, allo stadio Esseneto di Agrigento. Ingresso libero. L’indomani, domenica 15 gennaio, toccherà alle formazioni “Under 15” di Giuseppe Vigneri e “Under 17” di Franco Manganello, sfidare i pari età del Messina. I due incontri si disputeranno al “Comunale” di Palma di Montechiaro, alle ore 11 e alle ore 15.
Le gare dei “Giganti biancoazzurrini”
Berretti Sabato 14 gennaio ore 14,30 Akragas – Casertana, stadio Esseneto

20170113-171822.jpg

In preparazione della celebrazione della giornata della Memoria che si svolge ogni anno in tutta Italia,
a Favara,
L’ANPI con il suo Presidente Carmelo Castronovo,
l’Istituto Studi e Ricerca Calogero Marrone, Presidente Rosario Manganella,
insieme all’Amministrazione Comunale, con l’Assessore alla pubblica Istruzione, Rossella Carlino
hanno tenuto una riunione, presso la sede del Comune di Favara, con tutte le scuole della nostra città.
Erano presenti:
la Prof/ssa Giusy di Rosa in rappresentanza dell’IPIA Fermi,
l’Ins. Giovanni Costanza per l’Istituto Comprensivo Bers. Urso-Mendola,
Il Prof. Calogero Nobile per I’Istituto Comprensivo Guarino,
l’Ins. Carmela Marrone per l’Istituto Falcone e Borsellino,
il Prof Salvo Sciortino per L’istituto V. Brancati,
la Prof/ssa Mirella Vella per il Liceo M. L. King di Favara,
e il Prof Gerlando Cilona come scrittore.
Alla fine della riunione si è deciso, su proposta delle due associazioni e dell’Amministrazione, che la manifestazione sarà articolata in una settimana per celebrare la “Giornata della memoria” il 27 gennaio 2017 al teatro San Francesco di Favara, dove è invitata tutta la nostra cittadinanza.
Dal giorno 19 gennaio e fino al 26 dello stesso mese ogni Istituto Scolastico organizzerà presso la propria scuola una giornata, in piena autonomia didattica, su argomenti tema quali, ad esempio i campi di concentramento, la lettura di poesie, canti partigiani e deportati favaresi, per poi tutti insieme giorno 27 gennaio, giornata conclusiva al Teatro San Francesco di Favara con tutte le autorità della nostra provincia, dove, fra l’altro, l’orchestra della Scuola Brancati eseguirà qualche brano dedicato alla “giornata della memoria”.
Quest’anno, inoltre, avremo la gradita presenza di due Istituti Comprensivi di Palermo “Maredolce” e “Mattarella” del quartiere Bonagia che saranno presenti con due pullman di ragazzi e docenti e che parteciperanno alla nostra iniziativa.
Istituto Studi e Ricerca C. Marrone​​​​Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

20170114-024629.jpg

“La grave e preoccupante presa di posizione di Tobruk nei
confronti dell’ambasciata italiana non sorprende. Non si tratta di fare le
Cassandre, ma anche un bambino avrebbe capito che la fuga in avanti del
nostro governo con Tripoli avrebbe fatto correre dei rischi all’Italia. E’
facile dire, “l’avevamo detto”, ma da mesi ribadiamo la necessita’ dialogare
anche con Tobruk e Haftar. Non per simpatia, ma per analisi oggettiva. In
Libia non c’e’ una parte che ha torto e una che ha ragione, ma tante tribu’
che vedono il governo di al Sarraj come una pesante ingerenza da parte di
forze straniere, imposto dall’alto e per questo delegittimato. Del resto
quanto avvenuto ieri a Tripoli, tentato golpe o meno che sia stato, lo
dimostra. E’ chiaro che ci sono interessi energetici e geopolitici che
muovono le varie fazioni in campo, ognuna con i propri sponsor alle spalle,
e a maggior ragione sarebbe opportuna una buona dose di saggezza e
lungimiranza politica, non limitandosi appunto a dialogare solo con Tripoli.
Cosa che e’ mancata al miope governo Renzi/Gentiloni in questi tre anni, se
dopo tutto questo tempo la situazione non e’ tanto diversa da prima che
l’Onu imponesse il proprio uomo a Tripoli. Con il rischio, aggiunto, della
nostra ambasciata che oggi si trova con gli occhi puntati addosso”. Lo
dichiara il deputato della Lega dei Popoli-Noi con Salvini, Alessandro
Pagano.

Buone notizie per il personale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Con l’atto deliberativo n.9 del 13 gennaio 2017 la Direzione strategica dell’Asp ha infatti disposto il pagamento del saldo del sistema premiante, relativo all’anno 2014, a tutti i dipendenti aventi diritto. L’indennità di saldo sarà corrisposta con il primo cedolino stipendiale utile e fa seguito agli acconti già liquidati ai lavoratori con precedenti provvedimenti. L’importo del premio incentivante varia per i singoli dipendenti in ragione delle valutazioni sulla performance individuale effettuate dai dirigenti dei diversi servizi e sulla scorta delle verifiche poste in essere dall’Unità operativa Controllo di gestione e dall’Organismo indipendente di valutazione.

Buone notizie per il personale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Con l’atto deliberativo n.9 del 13 gennaio 2017 la Direzione strategica dell’Asp ha infatti disposto il pagamento del saldo del sistema premiante, relativo all’anno 2014, a tutti i dipendenti aventi diritto. L’indennità di saldo sarà corrisposta con il primo cedolino stipendiale utile e fa seguito agli acconti già liquidati ai lavoratori con precedenti provvedimenti. L’importo del premio incentivante varia per i singoli dipendenti in ragione delle valutazioni sulla performance individuale effettuate dai dirigenti dei diversi servizi e sulla scorta delle verifiche poste in essere dall’Unità operativa Controllo di gestione e dall’Organismo indipendente di valutazione.

Il Libero Consorzio Comunale di Agrigento e il comune di Naro hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che consente al Comune di Naro di accedere e utilizzare il Registro Provinciale degli Enti autorizzati allo svolgimento di servizi a favore degli alunni disabili gravi, gia iscritti all’albo Regionale.
A sottoscrivere l’accordo erano presenti il Commissario del Libero Consorzio Roberto Barberi e il Sindaco di Naro Calogero Cremona, accompagnato dall’Assessore Francesca Dainotto e dal Vice Segretario Comunale  Vincenzo Cavalieri.
Grazie a questo protocollo d’intesa il Comune di Naro, che non dispone di un proprio registro, potrà avvalersi degli Enti iscritti presso il Registro del Libero Consorzio Comunale di Agrigento.  Le prestazioni riguardano gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado che si trovano in condizioni di disabilita grave e hanno bisogno delle prestazioni dell’assistenza all’autonomia e alla comunicazione. Queste prestazioni di competenza comunale, saranno liquidate direttamente dal comune di Naro. II Comune di Naro gestirà in autonomia i rapporti con gli Enti iscritti nel Registro ai fini della realizzazione dell’assistenza per gli alunni con disabilità grave.