Home / 2017 / Gennaio (Pagina 40)

A Palermo, gli esperti di consulenza grafica, incaricati dalla Procura, hanno ultimato il proprio lavoro e sostengono che sono circa 200 le firme false depositate per sostenere la lista del Movimento 5 Stelle alle Amministrative del 2012 a Palermo. La relazione peritale è stata consegnata al procuratore aggiunto Dino Petralia e alla pubblico ministero Claudia Ferrari, che coordinano l’indagine. L’esito della consulenza grafica interessa sotto il profilo giudiziario 13 persone, tra parlamentari nazionali e regionali del movimento, attivisti e un cancelliere del tribunale di Palermo.

Come pubblicato ieri, il Tribunale di Palermo, accogliendo quanto richiesto dalla Direzione distrettuale antimafia, ha disposto il giudizio immediato a carico di 5 imputati nell’ambito dell’ inchiesta antimafia nell’agrigentino cosiddetta “Vultur”. Ebbene, uno dei 5, Angelo Prato, 38 anni, di Camastra, tramite il difensore, l’ avvocato Daniele Re (nella foto), ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato.

Ancora provvedimenti del Tribunale del Riesame nell’ ambito dell’ inchiesta antidroga nell’ agrigentino cosiddetta “Up and down”. I giudici del Riesame, pronunciandosi sul ricorso contro la carcerazione presentato dai difensori, gli avvocati Domenico Russello e Angelo Nicotra, hanno confermato l’arresto di Carmelo Fallea, 41 anni, e Gaspare Indelicato, 34 anni, entrambi di Favara. In particolare, Fallea è ristretto in carcere, e Indelicato  ai domiciliari.

L’ associazione ambientalista MareAmico di Agrigento, coordinata da Claudio Lombardo (nella foto), ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video che ritrae un delfino entrato nel porto a Porto Empedocle. In soccorso è intervenuto un gommone della Guardia di Finanza, al fine di restituire al delfino il suo habitat naturale, a largo in mare. Ecco il video .

La Procura di Agrigento ha ultimato il suo compito, e il pubblico ministero, Matteo Delpini, ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, anticamera della richiesta di rinvio a giudizio, su alcune presunte “malandrinerie” che sarebbero state commesse nella gestione di due cooperative a Licata, la “Libero Gabbiano” e la “Arcobaleno”. Magistrati e Guardia di Finanza, che ha sostenuto le indagini, ipotizzano il reato di estorsione a danno di alcuni dipendenti delle stesse cooperative. L’ inchiesta è frutto della denuncia di un ex dipendente, formalizzata il 13 settembre 2013, e i reati contestati cavalcano il periodo tra il 2007 e il 2015. Agli arresti domiciliari lo scorso 10 ottobre sono stati ristretti Rosario Magliarisi, avvocato, 47 anni, di Ventimiglia e residente a Licata, amministratore di fatto delle cooperative sociali “Libero Gabbiano” e “Arcobaleno”, e poi Linda Modica, 49 anni, responsabile di fatto delle cooperative e addetta alla gestione economica e contabile dei rapporti con i lavoratori dipendenti. Poi divieto di dimora per Angelo Magliarisi, 46 anni, di Licata e residente a Paternò, amministratore unico e rappresentante legale della “Arcobaleno”, per Carmela Di Blasi, 67 anni, amministratore unico e rappresentante legale della cooperativa sociale “Libero Gabbiano”, e per Florinda Zagra, 37 anni, impiegata amministrativa addetta di fatto alla gestione economica, stretta collaboratrice di Linda Modica. Sono indagate altre 4 persone, tutte dipendenti delle società, per favoreggiamento personale, avendo tentato, con le loro dichiarazioni alla magistratura, di alleggerire la posizione dei loro datori di lavoro. Gli indagati avrebbero assunto personale pagando una cifra minore rispetto alla busta paga. I dipendenti, infatti, sarebbero stati costretti, dopo il prelievo dello stipendio, a restituire una somma eccedente. La Procura ha quantificato il valore complessivo della presunta estorsione in 210 mila euro, e, inoltre, una parte dei guadagni delle cooperative sarebbe stata dirottata verso una società, e poi utilizzata per acquistare 4 immobili e affittarne altri 2, il tutto come sedi delle cooperative. Dunque, adesso, indagini concluse, e 20 giorni di tempo per opporre contro – deduzioni da parte dei complessivamente 10 indagati, a vario titolo, di estorsione, appropriazione indebita, favoreggiamento e false informazioni al pubblico ministero.
fonte teleacras

la Società Sportiva Urbs Reggina 1914 comunica che, in occasione della gara di campionato Reggina – Akragas in programma sabato 21 gennaio 2017 alle ore 16:30, i biglietti valevoli per l’accesso al settore ospiti saranno in vendita al prezzo di 10 euro (più diritti di prevendita) mediante il circuito Go2.
La capienza del Settore Ospiti risulta pari a 1.122 posti. Si precisa che al termine del G.O.S. è stata autorizzata l’iniziativa “Porta un amico”. Per avere l’elenco completo dei prezzi di tutti i settori e dei punti vendita nella zona di Agrigento consultare il sito www.go2.it.
Il botteghino dedicato al Settore Ospiti dello Stadio Granillo è in fase di allestimento e non ancora disponibile, pertanto al fine di evitare spiacevoli disagi si invitano i sostenitori ospiti ad arrivare a Reggio Calabria già muniti di tagliando.
La vendita dei tagliandi del Settore Ospiti, come da disposizioni ministeriali, terminerà alle ore 19 di Venerdì 20 gennaio 2017.

Minimo storico delle nascite a Palermo, mentre aumentano i giovani che emigrano e lasciano la città. Il report del Comune sulla popolazione è impietoso. Il fallimento del sindaco Orlando sta tutto qui. Dopo cinque anni abbiamo una città senza presente e, soprattutto, senza futuro. Una città sempre più povera che non dà alcuna prospettiva, né di vita né di lavoro, ai nostri ragazzi. Ma l’unica preoccupazione di Orlando è quella di come dare accoglienza agli immigrati/clandestini. Il tutto con la complicità del Pd e dei centristi, i quali stanno svendendo loro stessi e la città pur di continuare ad avere una poltrona sulla quale sedersi. Noi con la Lega di Salvini crediamo e sosteniamo le singole identità e le autonomie territoriali. A Palermo prima vengono i palermitani”. Così Alessandro Pagano, deputato nazionale della Lega dei Popoli-Noi con Salvini e coordinatore Sicilia occidentale.

Lunedì 23 gennaio, allo stadio Esseneto di Agrigento, si svolgerà la seconda edizione della “Partita della Solidarietà – Un Calcio al Bullismo” . All’evento partecipano l’Akragas Calcio, la Fortitudo Moncada Agrigento che milita nel campionato di A2 di pallacanestro mascile, gli studenti di Agrigento e della provincia, che scenderanno in campo per dire no al “bullismo”. Sarà presente anche la Nazionale Amici di Canale 5 che sfiderà la delegazione della squadra formata dall’Akragas e dalla Fortitudo, e la delegazione degli studenti delle scuole medie superiori. La partita avrà inizio alle ore 10 e sugli spalti dell’Esseneto è atteso il pubblico delle grandi occasioni. A dare il calcio d’inizio saranno il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto e l’assessore allo Sport, Giovanni Amico. Al termine della partita gli artisti di “Amici” si esibiranno con alcuni brani musicali per condividere con il pubblico presente alcuni momenti di sana vita. I biglietti per assistere alla seconda edizione della “Partita della Solidarietà – Un Calcio al Bullismo” saranno disponibili presso il botteghino del palasport “Pippo Nicosia”. Tra tutti gli studenti partecipanti alla partita verranno sorteggiati due ingressi gratuiti per assistere ad una partita casalinga della propria squadra, Akragas oppure Fortitudo Agrigento. La squadra composta dall’Akragas e dalla Fortitudo sarà coordinata da Francesco Nobile. Il progetto prevede anche il coinvolgimento del Comune di Agrigento e del Coni Regionale che con grande attenzione sostengono l’iniziativa di notevole rilevanza sociale che avrà come tema principale la lotta al “bullismo”. L’obiettivo e quello di trasmettere un forte messaggio educativo e di sensibilizzazione verso un fenomeno assai presente in ambito scolastico, attraverso i veri ambasciatori di questo progetto gli artisti, che detengono un grado di comunicazione senza pari, ottenendo sempre una importante e significativa risposta, laddove non giungono i moniti degli “adulti” e dei “grandi”. Dunque, un no forte e chiaro al fenomeno del bullismo. L’Akragas c’è e torna a lanciare un messaggio contro i bulli. Un calcio ai prepotenti e ai violenti, una partita da giocare insieme ai giocatori, artisti e studenti.


Si informa che la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle ha disposto la seguente chiamata d’imbarco:
–        Mercoledì 18/01/2017 –  ore 11,00: 1 marittimo  con la qualifica di  Marinaio con titolo inferiore,  per completare l’equipaggio del motopesca  denominata “IGHLI II°” Matr.4PE 544 in arrivo nello scalo di Lampedusa.
I marittimi interessati possono rivolgersi per ulteriori informazioni, prima della chiamata d’imbarco, alla Capitaneria di Porto di  Porto Empedocle e di Lampedusa.

Venerdi 20 alle 16.30 a Palazzo Stella – Canicattì
La CGIL a Canicattì ricorda Antonio Saccaro a 10 anni dalla morte
“LE LOTTE DI IERI E LE LOTTE DI OGGI”
Il  prossimo 20 gennaio, a Canicattì (ore 16.30 Palazzo Stella) la CGIL, insieme al Comune di Canicattì , ricorderà, a 10 anni dalla scomparsa, Antonio Saccaro, prestigioso dirigente della locale Camera del Lavoro di Canicattì.
La Camera del lavoro di Canicattì è stata sempre un soggetto protagonista della vicenda economica e sociale della Città,  scrivendo autentiche pagine di storia cittadina negli anni nei quali sono caduti a decine i sindacalisti che sognavano una Sicilia non più feudale.
La strage di Canicattì del 21 dicembre 1947 nella quale persero la vita 3 braccianti e un carabiniere è il culmine e l’emblema di quella vicenda che si è arricchita di tanti altri episodi che meritano di essere conosciuti e che ci consegnano figure esemplari di dirigenti politici e sindacali: Domenico Cigna,  Domenico “Minicu” Messina, Antonio Mannarà.
Antonio Saccaro veniva da quella storia e per 30 anni ha diretto  e continuato quella storia, a difesa dei più deboli.
L’iniziativa verrà aperta dal Saluto del Sindaco della Città ETTORE DI VENTURA e del Presidente del Consiglio Comunale ALBERTO TEDESCO ed ospiterà gli interventi ed i contributi dell’Assessore  ENZO DI NATALI, Piero MANGIONE, Santo SCIORTINO, Toto TREPPIEDI, Antonio MAIRA, Enzo BALDANZA, Massimo RASO.
Centrale sarà la relazione del prof. Salvatore VAIANA, autore di numerose pubblicazioni, tra le quali una “Storia della Camera del lavoro di Canicattì”.
I lavori saranno conclusi da SAVERIO PICCIONE della Segreteria CGIL SICILIA.
E’ intendimento costruire, durante tutto il 2017, anno del “settantennale” della strage di Portella delle Ginestre (e di qulla di Canicattì)  anche altri appuntamenti specifici nelle scuole canicattinesi.