Home / 2017 / Gennaio (Pagina 39)

Ad Agrigento i poliziotti della Squadra Mobile, coordinata da Giovanni Minardi, a conclusione di specifiche attività investigative, hanno arrestato un immigrato dalla Romania domiciliato ad Agrigento, Ianau Ovidiu Bulai, 24 anni, inseguito da un mandato di arresto europeo emesso dalle autorità romene di Bacau. Il romeno sconterà 3 anni di reclusione perché responsabile in Romania del reato di rapina in concorso. E’ recluso nel carcere di Agrigento, a disposizione della Corte di Appello di Palermo

Torna il grande teatro al “Pirandello” con la rappresentazione, sabato 21 e domenica 22 gennaio, de “La bisbetica” liberamente ispirato al capolavoro di William Shakespeare. Grande protagonista sarà Nancy Brilli che assieme alla Compagnia darà vita ad una rivisitazione che restituisce contemporaneità all’autore. Sarà una messinscena originale e di grande impatto televisivo. Sabato, inizio spettacolo ore 21, replica domenica alle ore 17.30.

Il pittore Filippo Chiappara è stato ricevuto al Palazzo delle Spighe dal sindaco Giampiero Modaffari e dall’assessore alla Cultura Maria Concetta Naro, dai quali ha ricevuto una pergamena recante un attestato di merito. Filippo Chiappara è un pittore sancataldese non di nascita, ma di adozione. Questi, infatti, ha 54 anni (nativo di Aragona) e da circa quaranta vive in città. Ha frequentato l’istituto d’Arte “Juvara”,  e per poi conseguire il titolo presso l’Accademia di Belle Arti di Agrigento sez. pittura. L’artista, aderente al movimento “pentastrattista” dopo aver iniziato dal genere figurativo, vanta mostre ed esposizioni ed ha presentato le sue opere in oltre trenta rassegne collettive in Italia e all’estero conseguendo prestigiosi riconoscimenti pubblicati su quotidiani, riviste d’arte, cataloghi, annuari e siti web. Anche note riviste di arte contemporanea di importanza nazionale ed internazionale, si sono interessate al produzione artistica di Filippo Chiappara.“Le qualità di Filippo Chiappara sono l’umiltà e la serenità d’animo – ha affermato il sindaco-.La sua presenza in diversi ambiti artistici indica la presenza di San Cataldo, che è piena di eccellenze: sarebbe bello organizzare una mostra collettiva con tutti gli artisti sancataldesi”.

20170118-141536.jpg
Apprendiamo con immensa amarezza,alla risposta che l’Assessore Amico ci da, in merito all’Interrogazione da noi protocollata il 9 dicembre riguardo le misure correttive sin ad oggi non adottate.Vorrei ricordare all’assessore Amico che quando protocollammo tale Interrogazione,il Consiglio Comunale era all’oscuro di tutto,visto che le prese d’atto sono pervenute in Consiglio Comunale dopo la su citata Interrogazione,vorrei ricordare che la richiesta della Corte dei Conti in merito le misure Correttive da adottare è pervenuta all’amministrazione nell’anno 2015 e che perviene in Consiglio Comunale più di un anno e mezzo dopo,con rispettivi pareri negativi da parte dei revisori dei conti,vorrei ricordare all’Assessore Amico che è lui l’Assessore con delega al bilancio,vorrei ricordarle che quella domanda non è assolutamente superata dalla storia,visto che ancora codeste misure correttive non sono state adottate e quando sono pervenute in Consiglio Comunale abbiamo assistito ad un balletto fuori luogo della maggioranza che sostiene il suo Assessorato(ritiro atti,rinvii,trattazione a metà e pareri sfavorevoli dai revisori dei Conti).Crediamo che abbia dell’incredibile per non dire sconcertante,che queste richieste di misure correttive si stiano discutendo dopo un anno e mezzo tenendo la Città all’oscuro di tutto sino ad oggi,(di fatto non sono state ancora adottate nemmeno dalla sua maggioranza,in Consiglio Comunale).Il nostro ruolo e anche un ruolo di controllo all’operato del suo Assessorato ,che sin ad oggi si è dimostrato poco attento e poco incisivo,anche su questo importante argomento e vorrei ricordarle che lei e super pagato dagli Agrigentini per dare risposte concrete che sin ad oggi non ha dato.Crediamo fermamente che al contrario di quanto lei afferma ,l’Interrogazione del 9 Dicembre non è affatto superata,visti gli accadimenti e non sia affatto assorbita visto che ad oggi le misure correttive non sono state adottate ne da lei ne dalla sua maggioranza in Consiglio Comunale.Vorrei anche ricordarle che noi come Sicilia Futura,in Consiglio Comunale ci eravamo opposti anche al rinvio della trattazione del punto.Nell’augurare un ottimo e proficuo lavoro,aspettiamo che ci venga a notiziare il prima possibile in Consiglio comunale,perché sin ad oggi il bilancio dell’ente comune non è cambiato e non è rinato,ma è peggiorato,a danno dei Cittadini agrigentini che pagano anche la sua Cospicua Indennità da Assessore al bilancio.Lo dichiara il già Assessore (a titolo gratuito) e Consigliere Comunale di Sicilia Futura Salvatore Borsellino.

La Consigliera Marcella Carlisi spera che l’atto di indirizzo approvato ieri all’unaminità in Consiglio comunale sulla creazione di una procedura per la gestione delle emergenze legate all’inquinamento della fornitura idrica, venga messo in atto dall’amministrazione attiva che, nonostante gli sforzi e l’impegno non è riuscita a far risolvere al gestore il problema.
I cittadini non possono restare a secco per 5 mesi e aspettare per giorni e giorni i rifornimenti via autobotte. Inoltre devono essere avvisati prontamente della situazione di emergenza per la pubblica Sanità sia i cittadini che eventuali Scuole e Uffici comunali.
L’assessore Fontana, non a piena conoscenza della storia del disservizio, ha cercato di difendere l’amministrazione minimizzando il disagio ed enfatizzando l’operato dell’amministrazione, di fronte agli allibiti cittadini che assistevano al Consiglio.
Si spera che il Dott.Fontana, come Assessore al ramo, si faccia portavoce di questo disagio presso l’ATI, oltre che con il Gestore, porgendo aspro e formale reclamo per questo disservizio, che potrebbe configurarsi come attentato alla pubblica Salute.
Altro siparietto si è verificato per la proposta riguardante il regolamento dei controlli interni.
La VI Commissione, molto vicina all’Amministrazione, dopo avere progettato una riduzione dei minuti di parola concessa ai Consiglieri comunali per risparmiare, ha pensato bene di proporre al Consiglio l’istituzione di 3 nuove figure di controllo, in una proposta scarsa e raffazzonata.
Mentre la sottoscritta con i Consiglieri Iacolino, Hamel, Borsellino, Picone, Spataro e Palermo chiedeva con un emendamento che tali incarichi fossero attribuiti a titolo gratuito,
i Consiglieri di maggioranza asserivano che nessun serio professionista accetta lavori senza un congruo pagamento, mortificando di fatto tutti i seri professionisti di cui si avvale a titolo gratuito l’amministrazione che sostengono strenuamente.
La sottoscritta auspica un maggiore impegno da parte di molti che si sono candidati spontaneamente come Consiglieri al servizio della Città ma partecipano poco alle sedute e ai problemi cittadini, dedicando probabilmente, visti i risultati, poco tempo e impegno allo studio di quanto di competenza del Consiglio.

Ad Agrigento un cittadino ha citato in causa il Comune di Agrigento, per risarcirgli il danno con 20mila euro, perché il 12 giugno 2015, a bordo della sua motocicletta, è caduto in via Esseneto a causa di una buca, rovinando a terra insieme al figlio, e subendo diversi traumi. Il sindaco Firetto ha autorizzato la costituzione in giudizio per resistere, e ha conferito l’incarico di difesa e rappresentanza del Comune all’avvocato Agata Vecchio.

A Licata i Carabinieri hanno denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Agrigento i coniugi immigrati dalla Romania, N C, sono le iniziali del nome, 42 anni, e P M, 45 anni, per furto aggravato in concorso allorchè si sono allacciati abusivamente ad una fontana della rete idrica pubblica, sottraendo acqua al fine di alimentare la propria abitazione.


Agrigento, 18 gennaio 2017. Verificare, anche su segnalazione degli iscritti, i bandi pubblicati dalle stazioni appaltanti per l’affidamento di Servizi di Architettura e Ingegneria; alimentare uno scambio di informazioni tra gli Ordini provinciali sulle criticità dei bandi pubblicati affinché venga attivato, dall’Ordine competente per territorio, un confronto con le stazioni appaltanti interessate, finalizzato al superamento delle stesse criticità; offrire agli iscritti un servizio utile a valutare preliminarmente l’opportunità di partecipare alle diverse procedure di affidamento; supportare le stazioni appaltanti nella redazione dei bandi.
Questi i principali obiettivi dell’Osservatorio Nazionale sui Servizi di Architettura e Ingegneria (Onsai) costituito dal Consiglio Nazionale degli Architetti

A seguito del progetto nazionale, è stata istituita, presso l’Ordine degli Architetti di Agrigento, la Sezione provinciale, che dovrà monitorare i bandi pubblicati in provincia.

​ L’Osservatorio sarà presentato, in occasione di un’apposita conferenza stampa, sabato prossimo, 21 gennaio, alle ore 10,30.

Nel corso della conferenza stampa interverranno:
Rino La Mendola
Vice presidente Consiglio nazionale architetti
Responsabile nazionale dell’Osservatorio
Pietro Fiaccabrino
Presidente Ordine architetti Agrigento
Alfonso Cimino
Consigliere Ordine architetti Agrigento
Responsabile provinciale Osservatorio


Continua a nevicare, sia pure a tratti, nell’area di Monte Cammarata e zone adiacenti. Il tratto superiore della SP n. 24-B San Giovanni Gemini-Santo Stefano di Quisquina fa registrare oltre 50 cm di neve, rendendo il transito estremamente difficoltoso anche con catene montate. In attesa di una tregua del maltempo e del mezzo spalaneve, impegnato su altre tratte, il Settore Infrastrutture Stradali sconsiglia di mettersi in viaggio sulla SP 24-B, essendo elevato il rischio di blocco totale dei veicoli nei tratti in cui la carreggiata registra i livelli più elevati di neve.
Si procede a fatica anche sulla SP n. 26-A Cammarata-Castronovo di Sicilia e le altre provinciali e consortili della zona. Ancora bloccata la SP n. 25 Soria-Mussomeli nel tratto superiore (dal bivio Casalicchio in poi), e anche in questo caso si dovrà attende una diminuzione delle precipitazioni nevose per consentire il transito dei mezzi del Libero Consorzio. Si prevede che la fase parossistica di questa nuova ondata di maltempo durerà per tutta la giornata di oggi, come confermato dall’avviso di rischio idrogeologico e idraulico (valido sino alla mezzanotte di oggi) emanato dal Dipartimento Regionale della Protezione Civile, con previsione di forti precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, con quota neve al di sopra dei 500-800, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento dai settori nordoccidentali.

Raccolta differenziata a Porto Empedocle
I cittadini interagiscono con gli operatori ecologici sul nuovo servizio
Ieri giornata formativa sul porta a porta alla scuola media Rizzo

Dopo una partenza un po’ a singhiozzo, sta prendendo “corpo”, il progetto di raccolta porta a porta dei rifiuti che chiede ai cittadini-utenti di Porto Empedocle, di differenziare la spazzatura da lasciare negli appositi contenitori giornalmente ritirati dagli operatori ecologici incaricati delle ditte Iseda, Icos ed Ecoin.
Dopo un avvio caratterizzato anche da alcuni comportamenti poco consoni al vivere civile con alcune multe elevate dai vigili urbani in borghese a persone che hanno lasciato i sacchetti della spazzatura per terra, adesso sono gli stessi cittadini , soprattutto quelli più anziani, che chiedono la collaborazione degli operatori ecologici per capire come meglio comportarsi.
“I nostri impiegati – spiega l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi – ci riportano di un lento ma progressivo cambio di tendenza degli utenti rispetto a quello che sembrava essere un atteggiamento di chiusura verso la novità che abbiamo riscontrato anche durante i diversi incontri con la cittadinanza svolti nei mesi passati quando abbiamo iniziato a presentare le novità del progetto che abbiamo chiamato “Da stasera uscite separati”. Siamo senza alcun dubbio fiduciosi che Porto Empedocle, così come ha fatto Realmonte, saprà rispondere al meglio a questo sforzo che potrà portare sia benefici economici per la collettività che un miglioramento delle condizioni igienico sanitarie della cittadina”.
E proprio per meglio informare il più alto numero di persone sui vantaggi e le modalità della differenziata, si è svolto ieri un incontro fra il personale della società Achab e gli insegnanti e il personale non docente delle scuole Rizzo e Pirandello di Porto Empedocle. All’incontro non è voluto mancare l’assessore comunale all’igiene urbana Salvatore Baiamonte.
Nei mesi scorsi la campagna informativa sul Porta a Porta ha riguardato in particolare gli alunni di tutte le scuole primarie di Realmonte e Porto Empedocle che, con l’ausilio di Capitan Eco, hanno potuto vedere, in maniera interattiva, quali sono i vantaggi del porta a porta per il presente ma soprattutto per il loro futuro.