Home / 2016 / Maggio (Pagina 66)

In quel tempo, il 13 dicembre 2012, la Polizia e la Direzione distrettuale antimafia hanno arrestato a Licata 6 persone, denunciandone altre, accusate, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso e intestazione fittizia di beni, nell’ ambito dell’ inchiesta cosiddetta “Ouster”. Poi, il 22 aprile 2015 il Tribunale di Agrigento ha emesso la sentenza di primo grado. 3 condannati : 8 anni e 4 mesi di reclusione a Pasquale Antonio Cardella, 64 anni di età, presunto riferimento di Cosa Nostra a Licata. 6 anni e 6 mesi ad Angelo Occhipinti, 61 anni, di Licata. E 6 anni a Giuseppe Galanti, 57 anni, di Licata. Il giorno dopo la sentenza, il 23 aprile 2015, a Licata la Polizia ha compiuto un gesto di testimonianza simbolico e concreto. Il capo della Squadra mobile di Agrigento, Giovanni Minardi, e il dirigente del Commissariato di Licata, Marco Alletto, hanno passeggiato nel centro cittadino insieme all’imprenditore Francesco Urso, che è stato il più rilevante testimone di accusa nell’ ambito dell’ inchiesta “Ouster”. E’ stato Francesco Urso a denunciare le estorsioni per le quali sono stati condannati i 3 imputati. Anche la commissaria, all’epoca, del Comune di Licata, l’ex deputato e sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara, ha consegnato una targa con un elogio a Francesco Urso, e ha incaricato il dirigente del settore Finanze del Comune di Licata di predisporre un regolamento per esentare Francesco Urso, e altri che ne seguiranno le impronte, dal pagamento dei tributi locali. Adesso si è concluso il processo in secondo grado. E la Corte d’Appello di Palermo ha modificato, in parte, la sentenza del Tribunale di Agrigento. Pasquale Antonio Cardella, difeso dall’avvocato Lillo Fiorello, è stato assolto dal reato di estorsione a danno di Francesco Urso, “perché il fatto non sussiste”, è stato scarcerato e di nulla sarà debitore verso le Parti civili. Poi è stata ridotta la condanna ad Angelo Occhipinti e a Giuseppe Galanti, difesi dagli avvocati Giovanni Castronovo e Nino Gaziano. A Occhipinti da 6 anni e 6 mesi a 5 anni e 4 mesi. E a Galanti da 6 anni a 4 anni e 3 mesi. Confermata l’assoluzione di Giuseppe Cardella, 35 anni, di Licata, nipote di Pasquale Cardella, e di Giuseppe Claudio Cardella, 40 anni, di Licata, figlio di Pasquale Antonio Cardella.

CONFARTIGIANATO: LA DITTA TATANO SRL TRA LE 30 AZIENDE SCELTE DALLA BOCCONI COME ESEMPIO IMPRENDITORIALE
Agrigento, 09 Maggio 2016. Nella città di Lodi, è stato presentato il libro Il futuro nelle mani. Viaggio nell’Italia dei giovani artigiani, nel quale racconta la storia di un’imprenditoria fatta di sogni, di voglia di mettersi alla prova e di rischiare. Un compendio di aziende che hanno scelto l’innovazione, la cura del prodotto e una nuova generazione di dirigenti pronta a dettare le prossime regole del mercato. Tra le aziende indicate dalla Prof.ssa Marina Puricelli, Docente del dipartimento di Management dell’Università Bocconi di Milano e autrice del Libro, è presente la Tatano srl già vincitrice del Concorso in Expo in partnership con Confartigianato “Nutrire il futuro. Energie dalla tradizione”.
Il Presidente di Confartigianato Imprese Agrigento, Francesco Giambrone, dichiara la sua soddisfazione – Che una aziende siciliana sia premiata con una tale onorificenza è sempre una grande soddisfazione per i suoi conterranei, ancor più in questo caso, che sia della nostra provincia e faccia parte della famiglia Confartigianto.

20160509-093948.jpg

OGGI  LUNEDI  9 MAGGIO 2016 ALLO STADIO ” ESSENETO ” DI AGRIGENTO DALLE ORE 8,00 ALLE ORE 13,00 SI SVOLGERA’ LA MANIFESTAZIONE SPORTIVA STUDENTESCA ” UNITI NELLO SPORT,LEGALITA’ E SOLIDARIETA’ “….CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA..!!!
ALLA MANIFESTAZIONE SPORTIVA DI CALCIO A 11 PARTECIPERANNO IL LICEO LEONARDO ( ISTITUTO ORGANIZZATORE ), L’I.T.C. SCIASCIA, L’I.P.I.A. FERMI , L’I.T.C. FODERA’ , L’ I.S.P.  RITA LEVI MONTALCINI ,, L’I.P.S.C.E.O.A. GALLO .
SI CONFRONTERANNO IN INCONTRI DI CALCIO FEMMINILE E MASCHILE COME DA PROGRAMMA POSTO IN LOCANDINA ALLEGATO.
LA MANIFESTAZIONE OLTRE CHE IL CARATTERE SPORTIVO , HA LO SCOPO DI SENSIBILIZZARE GLI STUDENTI AI VALORI POSITIVI DELLA LEGALITA’ E SOLIDARIETA’.
INFATTI I RAPPRESENTANTI DEI VARI ISTITUTI PARTECIPANTI STANNO RACCOGLIENDO DEI CONTRIBUTI DEGLI STUDENTI DI TUTTE LE CLASSI CHE VERRANNO CONSEGNATE DIRETTAMENTE NELLE MANI DI DON FRANCO MONTENEGRO , CHE SARA’ PRESENTE ALL’EVENTO, DA DEVOLVERE ALLA MENSA DEI POVERI DI AGRIGENTO.
INOLTRE PER CARATTERIZZARE LA GIORNATA DI LEGALITA’ E CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA, VERRA’ PREMIATA LA TIFOSERIA STUDENTESCA DI UN ISTITUTO PARTECIPANTE, CHE AVRA’ DIMOSTRATO PIU’ CORRETTEZZA ED ENTUSIASMO.
ALLA MANIFESTAZIONE SONO STATI INVITATI A PARTECIPARE TUTTE LE AUTORITA’ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO.
QUESTA BELLA GIORNATA DI SPORT,LEGALITA’ E SOLIDARIETA’ E’ STATA VOLUTA DALLA DIRIGENTE SCOLASTICA DOTT.SSA V.IERNA , DAL VICARIO PROF. P. MANGIONE E DAI DOCENTI DI SCIENZE MOTORIE DI TUTTI GLI ISTITUTI PARTECIPANTI.
TUTTI GLI STUDENTI SARANNO ALLO STADIO ” ESSENETO ” DALLE ORE 8,00 PER PRENDERE LE PRESENZE E POI ASSISTERE ED ESSERE PROTAGONISTI DI UNA GIORNATA SPORTIVA DA RICORDARE..

Guai per 3 uomini di Porto Empedocle, rispettivamente di 23, 30 e 31 anni, sorvegliati speciali che in violazione della misura cui erano sottoposti, ad un controllo delle forze dell’ordine, non sono stati trovare in casa negli orari d’obbligo e cione tra le ore 20 e le ore . I tre sono stati deferiti all’autorità competente.

Una quarantina di migranti, tra i quali otto minori e cinque donne, stanno manifestando dall’altro  ieri mattina nella piazza principale di Lampedusa dove hanno anche trascorso la notte. I promotori della protesta chiedono di accelerare il trasferimento dall’isola, lamentano le cattive condizioni del Centro di accoglienza e soprattutto denunciano di essere stati costretti a forza a rilasciare le impronte digitali nell’hot spot aperto a Lampedusa. I migranti – in gran parte sudanesi, eritrei e yemeniti – sono stati assistiti dai volontari di alcune associazioni dell’isola che li hanno riforniti con coperte e cibo.