Home / 2016 / Maggio (Pagina 61)

A Ragusa, un poliziotto della Volanti, libero dal servizio, ha sorpreso in un supermercato a rubare un agrigentino di 46 anni, Antonino Savitteri, di Ravanusa, colto all’ atto di nascondere 7 bottiglie di liquore dentro al giubbotto per un valore di 150 euro. Savitteri, già con numerosi precedenti per furto di bevande alcoliche negli esercizi commerciali, risponderà di furto aggravato. Lo stesso Savitteri, peraltro, è risultato non ottemperante alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Ravanusa. Adesso è detenuto nel carcere di Ragusa.


Grandi manovre a San Leone in vista dell’ormai imminente apertura della stagione estiva. Sono infatti stati potenziati tutti i servizi di decespugliamento e relativo spazzamento della principale località balneare agrigentina con una particolare attenzione al lungomare Falcone – Borsellino e agli impianti sportivi in esso ricadenti. Il personale delle ditte Iseda e Sea sta infatti provvedendo a ripulire da erba, rami secchi e ogni genere di sterpaglie marciapiedi e lungomare in genere anche seguito alle segnalazioni che arrivano alla mail comunicazioneiseda@hotmail.com.
Ad Agrigento città, gli interventi riguardano invece in via San Vito, Via Cicerone, la via Solferino, Via Giovanni XXIII, Via Nino Bixio e via Federico Confalonieri. Interventi che proseguiranno in questi giorni anche nel centro storico e nelle vie del centro urbano.

Basta chiacchiere! Si, basta chiacchiere- così dichiara l’On. Fontana, già Presidente della Provincia di Agrigento che negli anni si è battuto per la crescita ed il mantenimento del Cupa di Agrigento.
Il Problema del Consorzio universitario di Agrigento – continua Fontana – Non è stato e non è il management, chi vuole attribuire colpe al Presidente e all’intero CDA, non fa altro che una sterile polemica, volta solo al mero ricambio del CDA, senza andare ad individuare le vere responsabilità, che sono da attribuire esclusivamente a questo Governo Regionale.
Le sorti del polo universitario di Agrigento sono nelle mani di questo Governo regionale, che deve trovare una rapida soluzione in merito al trasferimento delle risorse che ogni anno sono state garantite dalla ex provincia.
Bisogna salvare il Cupa  e, purtoppo, si è perso molto tempo ed oggi la situazione è veramente drammatica. il Cda e l’attuale commissario dell’ex provincia non potevano far altro che constatare la mancanza di risorse bastevoli a garantire l’offerta formativa agli studenti.
La situazione economica in cui versa l’università agrigentina è disastrosa e da mesi gli studenti e tutto il comparto accademico vivono nell’incertezza, ed a causa di questo si è registrato un netto calo delle iscrizioni.
Il mio appello va all’Assessore Marziano ed al Presidente Crocetta, affinchè venga istituito subito un vertice con i soci del consorzio per stabilire il da farsi.
E’ bene che il Governo giochi a carte scoperte per chiarire, una volta per tutte, cosa intenda fare del Cupa e, con esso, del futuro dei dipendenti e dei numerosi studenti, che ancora oggi convintamente frequentano i corsi presso il consorzio agrigentino.


“Gero Acquisto e Nino Stella della Uil di Agrigento esprimono soddisfazione per l’importantissimo risultato raggiunto per il ritorno al lavoro dei dodici operatori ecologici licenziati dalle ditte lo scorso Luglio, che  ha lasciato per dieci mesi in sospeso il destino di lavoratori a cui riconosciamo che per primi, hanno lottato con civiltà per il mantenimento del loro posto di lavoro avendo fiducia nella risoluzione positiva della vertenza che oggi si è chiusa definitivamente.
Il bando biennale sulla gestione dei rifiuti aveva portato tensioni e momenti drammatici con il licenziamento da parte delle ditte costituite in Ati (capogruppo l’Iseda), che aveva lasciato a tutti troppe perplessità. Per questo Nino Stella della Uil trasporti, assieme ai sindacalisti di Cgil e Cisl provinciale hanno cercato in ogni modo di arrivare ad una soluzione per far rientrare i lavoratori che ad agosto erano stati licenziati con troppa facilità. Ecco perché, continua, Nino Stella, abbiamo duplicato le forze per trovare una soluzione che fin dall’inizio pensavamo si potesse trovare. Lo stesso Segretario Generale Territoriale  Confederale della Uil Gero Acquisto, in autunno al momento della sua elezione al congresso straordinario, ha indicato la vertenza degli operatori ecologici, il primo punto del suo programma.  Abbiamo ottenuto non solo la riassunzione dei dodici lavoratori, che con la firma di oggi da giovedì saranno regolarmente al lavoro, mantenendo tutte le garanzie e tutele occupazionali pre-licenziamento. Mantenimento dei livelli contrattuali, tempo indeterminato, l’art. 18, il rimborso delle spese legali. E soprattutto la serenità dei dodici operatori e delle loro famiglie che per 10 mesi hanno vissuto un autentico calvario e uno stato di tensione emotiva che oggi finalmente possono scaricare nel migliore dei modi. Un ringraziamento va al Prefetto Dott. Nicola Diomede per il ruolo instancabile di coordinatore nel tavolo di crisi e alla pazienza e la voglia di andare a concludere la vertenza da parte delle imprese, dell’Amministrazione comunale di Agrigento e delle organizzazioni sindacali di categoria e confederali che attraverso un lavoro sinergico lungo e non facile tutti assieme abbiamo ottenuto il massimo risultato con il ritorno al lavoro di questi operatori che avevano perso la tranquillità e la serenità quotidiana.”


La Girgenti Acque esprime piena solidarietà e grande sostegno al sindaco Angelo Cambiano per l’evento delittuoso perpetrato nei suoi confronti e nei confronti della sua famiglia.
Stigmatizza i comportamenti di coloro che si oppongono all’applicazione della legge e reagiscono con atti inconsulti contro chi ha il dovere di farla rispettare.
Il rispetto delle regole è il principio inderogabile cui deve attenersi ogni cittadino e, soprattutto, chi ricopre ruoli istituzionali. E’ il fondamento della convivenza civile del benessere sociale di ogni collettività.
La Girgenti Acque invita il sindaco Cambiano ad andare avanti con tenacia e serenità nella sua azione di amministratore in un comune ed in una provincia “difficili”, fra mille difficoltà, ma con immense potenzialità.
Come è noto, in passato anche la Girgenti Acque ed il proprio personale hanno subito azioni delittuose da parte di chi ha ritenuto di reagire con la violenza contro chi opera nel rispetto delle regole.
La Girgenti Acque, con tutto il proprio personale, sostiene con forza tutti coloro che agiscono per la difesa della legalità nella provincia e si sente vicina al sindaco Cambiano.

A RAFFADALI i Partiti del Centrosinistra si schierano a fianco dell’Avv. Di Stefano nella polemica scaturita dalla raccolta di firme contro le Privatizzazioni di Beni e Servizi Comunali, deliberate di recente dall’Amministrazione del Sindaco Silvio Cuffaro.
Con un comunicato stampa tutti i consiglieri di opposizione: La Longa Salvatore, Mangione Giovanni, Lombardo Salvatore, Maria Bruno, Giglione Caterina, Bartolomeo Giuseppe, Alaimo Giusi, Mirella Iacono Manno e i rappresentanti dei Partiti e Liste del centrosinistra esprimono solidarieta’ all’Avv. Di Stefano, che e’ stato oggetto di attacchi, anche sul piano personale, sulla vicenda delle privatizzazioni.
L’iniziativa della raccolta delle firme, si ribadisce, e’ di tutta l’opposizione e non solo dell’Avv. Di Stefano e non si capisce il perche’ si sia cercato di trasformarla in una vicenda privata tra Di Stefano e l’amministrazione.
Tutta l’opposizione e’ contraria sia all’affidamento alla CAPIT della gestione e organizzazione degli eventi culturali che si svolgeranno nella Biblioteca del Comune e nella Sala Consiliare, per un costo presuntivo di OTTOMILA EURO l’anno, che all’affidamento a privati della gestione della Villa Comunale intestata ai Giudici: SAETTA e LIVATINO. Non si comprendono le ragioni di pubblico interesse di queste privatizzazioni visto che, oltretutto, il Comune ha in dotazione un numero rilevante di dipendenti comunali.
Gli attacchi all’Avv. Di Stefano, anche sul piano personale, tirando fuori vicende del passato con il chiaro intento di convincerlo a tacere, rappresentano l’ennesima manifestazione di scarsa democrazia e rispetto della libera espressione delle opinioni, da parte dell’Amministrazione, nonche’ di persone a questa vicina, che invece di rispondere nel merito della vicenda, cercano di impedire agli oppositori di parlare.
Nella stessa direzione vanno il rifiuto a concedere la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale per presentare l’iniziativa e i tentativi fatti nei giorni scorsi di dissuadere alcuni componenti dell’opposizione, paventando rischi di eventuali denunce per il contenuto di un manifesto affisso per le vie del paese. Tutto con il chiaro fine di bloccare e dividere il centrosinistra.
Questo atteggiamento viene fermamente condannato da tutta l’opposizione di Raffadali che e’ compatta e non si lascera’ intimidire da NIENTE E NESSUNO.
Anzi, in segno di protesta, le opposizioni hanno volutamente disertato le Celebrazioni dello scorso 25 APRILE e non si sono neanche presentate al Consiglio Comunale, svoltosi qualche giorno fa e chiedono al Sindaco e all’amministrazione di cambiare atteggiamento e di revocare le due delibere.
Tutta l’opposizione, ferma nelle proprie posizioni, valutera’ l’opportunita’ di interessare della vicenda le Autorita’ preposte.
La raccolta delle firme, che sta avendo un vasto consenso, continuera’ nei prossimi giorni in Piazza e al Voltano, Sabato 14 e Domenica 15 Maggio e Sabato 21 e Domenica 22 Maggio.
Partito Democratico Svolta Popolare Area Popolare Ama la Tua Citta’
Tutti i consiglieri comunali di opposizione



Sempre più stringenti i collegamenti tra il Piano della Performance e gli obiettivi del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione per rendere più efficiente e trasparente l’attività amministrativa del Libero Consorzio Comunale di Agrigento.
Il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Roberto Barberi, su proposta del Direttore/Segretario Generale Giuseppe Vella, ha approvato infatti l’integrazione del Piano della Performance con alcuni degli obiettivi del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione. Lo scopo principale del provvedimento attraverso l’integrazione dei due piani è quello di impedire il manifestarsi di fatti riconducibili alla corruzione attraverso apposite misure di controllo.
In pratica gli obiettivi operativi individuati nel provvedimento diventano comuni a tutti i settori e agli organi d’indirizzo politico del Libero Consorzio Comunale di Agrigento e diventano obiettivi che devono essere raggiunti dai responsabili dei vari settori e dalle posizioni organizzative. Nello specifico i dirigenti e le posizioni organizzative dovranno, ad esempio, prevedere che alcuni divieti ed obblighi che riguardano i dipendenti si estendano a tutti i collaboratori e consulenti di cui l’Ente voglia avvalersi. Inoltre dovranno essere adottate disposizioni interne per assicurare la rotazione del personale operante nelle aree a rischio con funzioni di responsabilità.


SCOMPARSO GIACOMO RALLO, IL CORDOGLIO DELL’ANCISICILIA
“A nome dell’AnciSicilia e mio personale, esprimo partecipazione al dolore dei familiari per la scomparsa del Cavaliere del Lavoro Giacomo Rallo, esponente e leader dell’imprenditoria siciliana di eccellenza nel settore vitivinicolo e agroalimentare”.
Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente dell’AnciSicilia, che aggiunge: “Esprimiamo, inoltre, grande ammirazione e gratitudine per le sue grandi capacità e per l’innata esperienza imprenditoriale con cui, il cavaliere Rallo, ha dato vita ad una grande realtà come quella di Donnafugata. Un’azienda ricca di cultura, innovativa e tradizionale al tempo stesso, e capace di diffondere fuori dai confini dell’Isola qualità e immagini positive”.

XXV Concorso Provinciale “Il Dono del Sangue” che avrà luogo Sabato 14 Maggio 2016 presso l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Turistici e della Pubblicità ”Nicolò Gallo” C/da Calcarelle Agrigento alle ore 9,30
Programma Premiazione degli alunni delle scuole della provincia di Agrigento che si sono distinti per il senso di solidarietà, il messaggio, l’originalità dei loro lavori. Interventi: Gruppo musicale I.C. San Giovanni Bosco Naro Gruppo Folk “Trinacria” Scuola Primaria I.C. Manzoni Raffadali Gruppo Ginnastica Ritmica I.C. Manzoni Raffadali Presenta Lucia Alessi

“Lumie di Sicilia” chiude la stagione Teatrale 2015-2016
al Teatro Pirandello di Agrigento
Impressioni del pubblico nel dopo spettacolo “Lumie di Sicilia -Lo straordinario destino di Micuccio Bonavino tra valzer e arie di operette” di Luigi Pirandello.
Libero adattamento e regia di Mario Gaziano.
Teatro Pirandello-Agrigento 6-7-8-Maggio 2016:
Anna Montenotte – Console emerito MdL-Catania
“Ringrazio moltissimo per questo spettacolo veramente bello.
Io amo Pirandello e ho avuto il piacere anche di visitarne la Casa natale al Caos.
Lo spettacolo è stato presentato in una veste veramente originale e moderna e la commedia di Pirandello è rivisitata anche in chiave moderna in una maniera efficace ed elegante.
E’ piaciuto a tutti. Uno spettacolo straordinario. “
Ettore Porrovecchio- Agrigento
“Sono felicissimo stasera perchè ho avuto il grande piacere e il privilegio di assistere a questa manifestazione che è stata veramente favolosa. Complimenti a tutti, alla compagnia, allo scenografo e in particolare al regista Mario Gaziano.
Complimenti al bellissimo Coro.”
-Vincenzo Farina- Palermo
“E’ stato uno spettacolo molto piacevole e molto ben recitato.”
Franco Messina – Presidente Console MdL-Agrigento
“Sono felice di avere inserito nel programma del 35.mo Convegno Nazionale dei Maestri del Lavoro la commedia “Lumie di Sicilia”.Un bello spettacolo.
Abbiamo apprezzato la professionalità degli artisti e tutti i 500 convegnisti arrivati da ogni parte d’Italia sono stati felicissimi della rappresentazione. Abbiamo ricevuto complimenti da parte di tutti. Una commedia fantastica.”
Giuseppe Migliore- Agrigento
“ E’ stato veramente eccezionale,perchè fra serio e faceto hanno tirato fuori quello che era lo spirito della commedia pirandelliana e la drammaticità di un uomo che scopre dopo tanti anni che i sacrifici fatti per aiutare l’arte bellissima del canto della ragazza di cui Micuccio è stato sempre innamorato si rivelano vani. Eccezionale la compagnia che ha saputo veramente conciliare la vera arte di Pirandello con l’amenità che era attuale rispetto allo stesso concetto che Pirandello voleva esprimere.”
Carmelo Cantone -Imprenditore e operatore Turistico
“E’ veramente un bel lavoro in cui sono sublimati le qualità degli artisti agrigentini: attori,attrici,coro, ballerini.e la giovanissima cantantina.
Un gran bello spettacolo,in onore di Pirandello che chiude brillantemente la stagione teatrale 2015-2016 nel SUO teatro”..