Home / 2016 / Maggio (Pagina 57)


Ieri il Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Palermo ha deliberato la chiusura di tre Corsi di Laurea del CUPA, il Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento, ossia Architettura, Giurisprudenza e Beni Culturali, Corsi di Laurea tra i maggiori per numero di iscritti.
La Confcommercio di Agrigento giudica un grave errore questa decisione sottolineando che tali tagli provocheranno certamente enormi ripercussioni sul tessuto economico della città. Il Presidente Provinciale, Francesco Picarella, appoggia oggi la possibile soluzione proposta dal Sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, cioè quella di spostare la sede dell’Università al centro storico della città, così favorendo grazie alla notevole presenza di studenti la rinascita del centro città e l’apertura di nuove attività commerciali di vicinato.
“E’ fondamentale per tutta la nostra provincia evitare che il CUPA subisca una così grave perdita. Utilizzare il patrimonio immobiliare del Comune di Agrigento come possibile sede dell’Università”, afferma Picarella, “potrebbe essere una soluzione per favorire il mantenimento e il rilancio dell’Università come già la Federalberghi aveva proposto lo scorso anno durante la campagna elettorale”.
Ribadendo l’importanza della presenza del CUPA sul nostro territorio, la Confcommercio di Agrigento è al fianco dei sindacati che con la loro sollecitazione hanno per primi manifestato preoccupazione per la vicenda, e le istituzioni che si stanno impegnando per la risoluzione della questione, prima fra tutte il Comune di Agrigento con il Sindaco Calogero Firetto, ed invita le altre istituzioni, la politica e la società civile ad adoperarsi, mettendo da parte strategie ed interessi personali e perseguendo l’unico obiettivo utile per la comunità: la salvezza del CUPA.

A Porto Empedocle i poliziotti del locale commissariato, capitanati dal vice questore, Cesare Castelli (nella foto), hanno arrestato due fratelli, Antonio e Calogero Falzone, di 29 e 31 anni, figli di Pietrino Falzone, il pescatore di 57 anni arrestato la notte fra il 26 e 27 maggio del 2014 per avere ucciso il figlio Marco di 24 anni, e poi condannato in abbreviato, per eccesso colposo in legittima difesa, a 3 anni di carcere. I due fratelli hanno litigato dentro casa e, quando sono intervenuti i poliziotti, Antonio Falzone, già sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, si sarebbe scatenato in escandescenze, minacciando di morte il fratello.


Il Comando provinciale dei Carabinieri e la Direzione distrettuale antimafia di Palermo hanno arrestato altri 7 presunti affiliati ai mandamenti di “Porta Nuova” e di “Bagheria”, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Commercianti e imprenditori sono stati costretti a pagare somme di denaro, con cadenza mensile o in occasione delle festività di Pasqua e di Natale. Gli arrestati in carcere sono i palermitani Antonino Abbate, 39 anni, Gaspare Parisi, 39 anni, Vincenzo Vullo , 42 anni, Giuseppe Minardi, 68 anni, Salvatore Ingrassia, 51 anni, e Bartolomeo Militello, di Villabate, 69 anni. Poi Salvatore Martorana, 70 anni, di Bagheria, consigliere comunale di minoranza a Santa Flavia. Alcuni negozianti del “Borgo Vecchio” hanno scavalcato il muro dell’omertà e hanno resto ampia collaborazione agli inquirenti.

SICILIA FUTURA
SICILIA; ELEZIONI AMMINISTRATIVE: SCALA (SICILIA FUTURA), NOSTRI
CANDIDATI A SINDACO E LISTE IN GRAN PARTE DEI COMUNI SICILIANI CHE
VANNO AL VOTO IL 5 GIUGNO, SICILIA FUTURA RADICATA IN TUTTO IL
TERRITORIO SICILIANO
PALERMO 11 maggio 2016 – “Sicilia Futura sarà presente alle elezioni amministrative
del 5 giugno con propri candidati a sindaco e liste con il nostro
simbolo in quasi tutti i Comuni nei quali si vota con il sistema
proporzionale. La presenza dei nostri candidati è il chiaro segno del
forte radicamento del nostro partito in tutto il territorio siciliano
che registra continue adesioni”. Lo afferma Giacomo Scala, segretario
organizzativo di Sicilia Futura.
In ordine per provincia abbiamo presentato liste in:
Prov di AG:
CANICATTI: LISTA E CANDIDATO SINDACO Gaetano RIZZO di SICILIA FUTURA
FAVARA: LISTA E CANDIDATO SINDACO Angelo MESSINESE di SICILIA FUTURA
PORTO EMPEDOCLE: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato
Sindaco Orazio Guaracci del Pd
Prov di CT:
CALTAGIRONE : LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato
Sindaco On Gino Ioppolo
GIARRE: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato Sindaco
Tania Spitaleri del Pd
Prov di EN:
BARRAFRANCA: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato
Sindaco Fabio accardi espressione della società civile
Prov di ME:
PATTI: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato Sindaco Aquino Mauro
Prov di PA:
TERRASINI: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato Sindaco
Massimo Cucinella
Prov di RG:
VITTORIA: LISTA E CANDIDATO SINDACO On. Francesco Aiello di SICILIA FUTURA
Prov di SR:
LENTINI: LISTA di SICILIA FUTURA in appoggio al candidato Sindaco
Andrea Zarbano del Pd
Prov di TP:
ALCAMO: LISTA E CANDIDATO SINDACO GRIMAUDO MARIELLA di SICILIA FUTURA

I Carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Cammarata hanno arrestato M C, sono le iniziali del nome, 59 anni, di Cammarata, perché, insieme alla madre ed alla sorella, dopo aver distrutto, con un’ascia e senza alcun motivo, una cappella votiva in cemento, costruita su suolo pubblico, si è scagliato con calci e pugni contro un militare dell’Arma, in servizio di pattuglia, provocandogli contusioni su varie parti del corpo. L’uomo, in attesa del rito direttissimo, è stato ristretto ai domiciliari.

A Canicattì sono state presentate questa mattina le liste con le relative candidature alle amministrative del 5 giugno.
In città si daranno battaglia ben 9 candidati con 15 liste collegate e 360 aspiranti alla carica di consigliere comunale.
Questi i nomi e le rispettive liste che li sostengono:
Candidato sindaco Gaetano Rizzo, appoggiato da “Sicilia Futura” e “Un Passo Avanti”; assessori designati Patrizia Bennici, Ivan Trupia, Mauro Zanchi.
Candidato sindaco Ettore Di Ventura, sostenuto da Partito Democratico. Uniti per Canicattì e “Soprattutto Canicattì” Assessori designati Enzo Di Natali, Katia Farrauto, Massimo Muratore e Alberto Tedesco.
Candidato sindaco Antonio Scrimali sostenuto dalla civica “Con Scrimali per Canicattì”; assessori designati: Fabio Di Benedetto, Matteo Martines e Rossana Giannetto Pantano.
Candidato sindaco Ivan Paci, sostenuto liste civiche “Canicattì Riparte” “Paci Sindaco” “Nuova Canicattì”. Assessori designati: Dario Scaglione, Giovanni Insalaco e Dina Nicosia.
Candidato sindaco Angelo Caico appoggiato dall’Udc. Assessori designati: Giuseppe Merulla, Teresa Giarratana, Lina Curtopelle e Gaetano Piombino.
Candidato sindaco Salvatore Polizzi sostenuto dalla lista “Patto per Canicattì” assessori designati: Giuseppe Milioti, Giuseppina Milazzo, Ignazio Fabbrica, Calogera Ferrante.
Candidato sindaco Gioacchino Asti sostenuto da“I Canicattinesi- Asti Sindaco” e “Fare con Tosi” assessori designati Mariella Pansica, Katia Eleonora Fazio e Raimondo Diego Gucciardo.
Candidato sindaco Giovanni Salvaggio “Canicattì Unica”. Assessori designati Daniela Marchese Ragona, Irene Sacheli e Gioacchino Castellana.
Candidato sindaco Sandro Marchese Ragona Movimento Cinque Stelle. Assessori designati Giuseppe Cassaro, Amalia Castrogiovanni e Salvatore Messina.
Si potrà votare nella sola giornata di domenica 5 giugno e le urne rimarranno aperte dalle 7 alle 23. Immediatamente dopo inizierà lo scrutino delle schede. Una curiosità e una riflessione, a Milano 9 candidati a Sindaco per circa 700.000 votanti; anche a Canicattì abbiamo 9 candidati, ma con circa 23.000 votanti.


CANDIDATO SINDACO GABRIELLA BRUCCOLERI (Area popolare, Pd e Sicilia Futura)

Pd
Fanara Luana
Cordaro Mariano
Mossuto Laura
Campanella Antonio
Vetro Calogero
Sgarito Salvatore
Riccobene Anna Maria
Lentini Angela
La Manna Vincenzo
Chianetta Rosaria (detta Sara)
Moscato Angela
Crapanzano Carmelo Fabrizio
Salvaggio Salvatore
Pitrone Alfonso
Failla Elisa
Pitruzzella Alessandro (detto Ale)
Sciumè Vincenzo (detto Enzo)
Distefano Giacomo
Petrino Almerinda Elisabetta
Lombardo Mariano
Castronovo Calogero
Bellavia Salvatore
Sutera Sardo Giuseppa (detta Giusy)
Cusumano Diego

Favara popolare
Agliata Gaetano
Alaimo Calogero
Brunone Mimmo
Caramazza Sergio
Contino Sabrina
Cuffaro Giuseppe
Fanara Salvatore
Fanello Francesca
Infurna Daniela
Maragliano Giovanni
Mendolia Diego
Mignemi Giuseppa
Morreale Giovanna
Nobile Stefano
Patti Rosaria Anna
Priolo Giorgio
Priolo Maria
Rizzo Annamaria
Rizzo William
Russotto Vincenzo (detto Zuzù)
Salvaggio Rosanna
Sorce Antonio
Vaccaro Agata
Varisano Anna Lisa

Uniti per Favara
Alaimo Paolo
Barba Anna
Bennardo Carmelo
Buggea Alessandro
Bunone Paolo
Chiapparo Marili
Crapanzano Giovanna
Crapanzano Stefano
Luparello Giovanna
Iacolino Dario
Morreale Michele
Nicotra Carmelo
Pitruzzella Francesco
Trupia Rosalia
Sutera Tonino
Zambito Aldo
Presti Maria Pia
Sciumè Carmelo
Navarra Emanuele
Sammartino Emanuele
Kessler Federico
Restivo Antonietta
Sgarito Angelo
Vaccaro Maria


CANDIDATO SINDACO ANGELO MESSINESE

Sicilia futura
Alaimo Mariagiovanna
Arnone pasquale
Butticè Erica
Cipolla Linda
Costa Rita
Crapanzano Salvatore
Cusumano Calogero
Di Rosa Oscar
Liotta Claudia
Maccarrone Angelica
Maglio Vito
Maria Salvatore
Pecoraro Salvatore
Picillo Carmela
Pirrera Angelo
Presti Lavinia
Scalia Antonio, detto Tonino
Sorce Gaetania, detta Tania
Trupia Antonio
Tuzzolino Adele
Vaccaro Marianegla
Vinciguerra Stefano
Virone Carmen
Zambito Marsala Massimo


CANDIDATO SINDACO ANNA ALBA

Movimento 5 stelle
Alba Anna 33 anni
Baio Danila 26 anni
Bellavia Giuseppe 45 anni
Caramazza Leonardo 26 anni
Costa Carmelo 26 anni
Cusumano Carmelina 29 anni
Di Naro Salvatore 46 anni
Failla Selenia 29 anni
Fallea Marianna 30 anni
Francolino Salvatore 54 anni
Lentini Vincenzo 54 anni
Liotta Massimo 37 anni
Piazza Laura 34 anni
Pirrera Calogero 36 anni
Presti Aldo 47 anni
Russello Gaetano 58 anni
Sanfilippo Salvatore 21 anni
Sanfratello Carmelo 32 anni
Sciacca Rosaria 24 anni
Sciara Giusy 27 anni
Sciortino Giovanni 28 anni
Sciumè Giovanni 22 anni
Sorce Giuseppe 29 anni
Vaccaro Rosalba 42 anni

CANDIDATO SINDACO ANTONIO PALUMBO
Assessori designati: Schembri Emanuele, Patti Calogero, Signorino Gelo Rosetta.
Favara per i beni comuni
Palumbo Antonio 09/07/1977
Lombardo Michele 05/05/1964
Urso Giuseppe 21/10/1973
Agrò Anna Lisa 08/02/1980
Fedele Loredana 08/11/1981
Baio Caludia 28/07/1991
Schembri Francesco 29/05/1996
Sannino Caludio 23/03/1960
Quaranta Gabriella 13/11/1976
Bruccoleri Marianna 26/04/1973
Mendola Angelo 21/09/1987
Distefano Giovanni 24/06/1994
Vaccaro Nicolò 17/06/1968
Priolo Maria 04/08/1973
Cutro Salvatore Domenico 12/10/1968
Campione Alessandra 21/01/1983
Maniscalco Calogero 29/03/1972
Vella Paolo 15/10/1967
Puccio Antonia 31/10/1945
Cutitta Paola 18/10/1964
Alaimo Laura 09/11/1982


CANDIDATO SINDACO GAETANO AIRO’

Insieme a Gaetano Airò sindaco
Agrò Antonio (detto Marco)
Castronovo Rossana
Costa Angela
Crapanzano Antonio
Di Caro Alessia
Di Stefano Giuseppe
Limblici Antonio
Marotta Massimo
Martorana Giacoma
Meli Giuseppa Valeria Lucia
Miliolo Giuseppe
Pletto Rosa
Rizzo Andrea
Russo Mario
Signorino Gelo Rosetta
Vaccaro Pasquale
Vinciguerra Salvatore
Zucchetto Domenico
Novara Andrea
Lazzano Salvatore
Marotta Salvatore
Drago Calogero
Strazzanti Alessandro

Favara riparte
Arcadipane Francesca
Belluzzo Gabriele
Caramanno Angelo
Crapanzano Paola
Dalli Cardillo Paolo
Di Francesco Roberta
Di Carlo Michela
Gebbia Sasha
La Manna Mario
Mallia Giuseppina
Montalbano Mariaantonietta, detta Federica
Montalbano Vincenzo, detto Enzo
Morreale Evelin
Nobile Giuseppe
Puma Piero
Valenti Stefano
Venezia Accursia
Virone antonino
Zambito Marsala Annarita
Alfano Valerio Angelo
Riggi Antonio
La Porta Antonino

CANDIDATO SINDACO GERLANDO NOBILE
Assessori designati: Marzia Angela Vinciguerra, Michelangelo Pecoraro, Pierluigi Patti, Carmelo Pullara.
Candidati al consiglio comunale:
Nobile Gerlando
Patti Pierluigi
Costanza Anna
Schifano Giovanna
Russello Francesca
Puccio Antonio
Morello Baganella Gaetano
Giudice Maria
Rea Vanessa
Venzaprone Gaetani
Stagno Calogero
Dandolo Alessandra Maria
Amato Salvatore
Parisi Pietro
Palumbo Elisa
Gramaglia Gaetano
Guardini Savaerio
Calafatello Antonio


CANDIDATO SINDACO ANTONIO VALENTI

Rivoluzione cristiana
Valenti Antonio
Capraro Giusy
Civiltà Angela
Corrao Riccardo
Costa Giovanna
Di Caro Salvatore
Ferro Marika
Fioretto Lorena Candida
Iacolino Calogero
Laurino Adele
Montalbano Angelo
Fucà Annamaria
Nigro Giuseppe
Nobile Francesco
Palumbo Salvatore
Presti Giuseppe
Rotondo Calogero
Sorce Carmelo
Vella Alberto Salvatore

Al voto il 5 giugno domenica dalle ore 7 alle ore 23 Porto Empedocle, Favara, Canicattì e Montevago. A Porto Empedocle i candidati a sindaco sono 6. Orazio Guarraci sostenuto dalle liste Partito Democratico, Sicilia Futura, Vertenza Porto Empedocle e Guarraci sindaco.
Poi Paolo Ferrara con Rivoluzione Democratica.
Poi Gianni Hamel con Cambiamo Rotta.
Poi Calogero Martello sostenuto da Partito Socialista, Udc e due liste civiche.
Poi Andrea Sallì con Città Nuova
E Ida Carmina del Movimento 5 Stelle.
A Favara i candidati a sindaco sono 7.
Antonio Valenti con Rivoluzione cristiana.
Poi Gaetano Airò sostenuto dalle liste Insieme a Gaetano Airò, Favara Domani e Favara Riparte. Poi Gabriella Bruccoleri sostenuta da Partito Democratico, Favara Popolare e Uniti per Favara. Poi Antonio Palumbo con Favara per i beni comuni. Poi Anna Alba del Movimento 5 Stelle.
Poi Gerlando Nobile con Noi amiamo Favara.
E poi Angelo Messinese con Pdr – Sicilia Futura.
A Canicattì i candidati a sindaco sono 9.
Ivan Paci sostenuto dalle liste Canicattì Riparte, Paci Sindaco, e Nuova Canicattì.
Poi Angelo Caico con l’Udc.
Poi Ettore Di Ventura con Partito Democratico, Uniti per Canicattì e Soprattutto Canicattì.
Poi Gaetano Rizzo con Sicilia Futura e Un passo avanti.
Poi Antonio Scrimali con la lista civica “Con Scrimali per Canicattì”.
Poi Salvatore Polizzi con “Patto per Canicattì”.
Poi Gioacchino Asti con “I Canicattinesi – Asti Sindaco” e “Fare con Tosi”.
Poi Giovanni Salvaggio con “Canicattì Unica”.
E poi Sandro Marchese Ragona con il Movimento 5 Stelle.
A Montevago i candidati a sindaco sono due.
Il sindaco uscente Calogero Impastato con “Uniti per crescere”, e la deputata regionale dell’Udc Margherita La Rocca Ruvolo con “Montevago Popolare”.

POST TAGS:

“Il taglio dei corsi di laurea di Giurisprudenza, Architettura e Beni Culturali, non può che rappresentare la morte del Polo Universitario di Agrigento”. Interviene così il portavoce provinciale di Agrigento di Fratelli d’Italia-An, Giuseppe Ciulla, in una nota congiunta con tutta la dirigenza regionale e nazionale del partito, dopo la notizia sul voto del Consiglio di amministrazione dell’Università degli Studi di Palermo che ha deliberato, con voto compatto delle componenti dei docenti e del personale tecnicoamministrativo, il mantenimento presso il Polo Universitario di Agrigento dei Corsi di Studio in Servizio Sociale (triennale) e Archeologia (magistrale). “Si tratta – continua Ciulla – di un fallimento della politica locale e regionale che non ha saputo mostrare attenzione verso uno dei gioielli della nostra provincia. Un territorio, quello di Agrigento, che con la presenza dell’Università è riuscito a svilupparsi sotto molti punti di vista, consentendo altresì a molte famiglie e a molti giovani talentuosi di avere una speranza”. “Una speranza che ieri – continua Ciulla – è stata spezzata senza alcun clamore, ma nel silenzio più assordante di una classe politica e dirigenziale che dovrebbe vergognarsi e lasciare i ruoli di potere che rivestono”. “Agrigento a questo punto ha davvero bisogno di un riscatto da parte di quei giovani che non avranno più alcuna speranza per restare in questa terra. Un territorio che inevitabilmente si impoverirà, relegando una fra le ultime province d’Italia nel baratro più assoluto”. “L’auspicio – conclude il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia – è che ci sia una forte presa di posizione da parte di tutta la politica, senza distinzione di colori, affinchè Agrigento continui il suo percorso di rinascita partendo dall’Università”. Agrigento, lì 11/05/2016 IL PORTAVOCE PRO

Venerdì 13 maggio 2016 dalle ore 16.30, allo Stoai di Agrigento, si terrà il Convegno sul tema ” Agricoltura Sociale”. L’evento nasce con lo scopo di informare e coinvolgere tutti coloro che intendono concretamente realizzare le possibilità offerte dall’Agricoltura Sociale affinché possa diventare per Agrigento un nuovo modello, sostenibile e condiviso, di integrazione e di welfare.
L’incontro intende fare il punto della situazione, mettere a confronto esperienze e progetti, promuovere le opportunità di diversificazione attraverso la creazione e la strutturazione di aziende agricole che esercitano attività assistenziali, educative e sociali rivolte agli anziani, alle persone diversamente abili, all’infanzia, in un contesto di multifunzionalità, promuovendo il concetto di “Agricoltura Sociale” come elemento fondante di una società inclusiva più giusta, più coesa e sostenibile.
In allegato la locandina con il programma.