Home / 2016 / Maggio (Pagina 41)

A Palma di Montechiaro, i poliziotti del locale Commissariato, capitanati da Angelo Cavaleri, hanno arrestato Franco Lo Manto, 43 anni, di Palma, per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo Manto è stato sorpreso in atteggiamento sospetto intento ad inserire un involucro all’ interno di uno sportellino fuori alla propria abitazione. I Carabinieri hanno scoperto dentro lo sportello, adibito a contenitore del contatore idrico, l’ involucro contenente 6,4 grammi di cocaina e un bilancino di precisione. Nel frattempo Lo Manto si è chiuso in casa, ma è stato rintracciato e arrestato.


Oggi mercoledì 18 maggio 2016 si terrà il comizio di apertura della campagna elettorale del candidato a Sindaco Orazio Guarraci.
Il candidato, sostenuto dalle liste Partito Democratico, Vertenza Porto Empedocle e PDR – Sicilia Futura, incontrerà i suoi sostenitori e tutti i cittadini che si riconoscono nel progetto di rilancio della città di Porto Empedocle, in via Catania alle ore 17.30.

Dopo il grande successo, ottenuto al  comizio di Domenica sera , durante il quale il candidato sindaco Gianni Hamel ha illustrato in modo chiaro i punti cardini del suo programma elettorale, la lista  Primavera Empedoclina con i suoi candidati continua attivamente ad incontrare la gente per ascoltare le loro richieste e loro aspettative.
Altresì, informa la cittadinanza che nei prossimi  giorni, insieme al candidato sindaco Gianni Hamel si svolgeranno diversi comizi nei vari quartieri di Porto Empedocle, per dare un forte segnale di vicinanza e condivisione delle problematiche della città.

A proposito della carente programmazione sui fondi ex Legge 328 del comune di Agrigento,interviene Giorgia Iacolino, consigliere comunale di Forza Italia: “Poca solidarietà per persone non autosufficienti ed anziani, così come per altre patologie invalidanti che costringono alla marginalita’,senza una vera programmazione per utilizzare i fondi della Legge 328 attraverso concreti piani di zona. Non si può garantire l’integrazione socio assistenziale senza una accurata analisi dei bisogni della popolazione ed un’approccio interdisciplinare che privilegi il partenariato con associazioni ed enti del privato sociale.
È quanto sta accadendo al comune di Agrigento dove è assente l’iniziativa politica per interventi-di concerto con l’Azienda sanitaria provinciale-di solidarietà a beneficio di categorie di persone particolarmente bisognose e fragili. Non vorremmo-conclude Giorgia Iacolino- che il comune di Agrigento venga commissariato per questa grave inadempienza e che ingenti risorse siano sottratte alla comunità agrigentina per le carenze registrate in danno ad anziani e persone non autosufficienti privati di servizi e prestazioni essenziali per le incapacità del Comune di Agrigento”

A Favara i Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato ai domiciliari, per violazione degli obblighi imposti dalla Sorveglianza speciale, Antonio Russello, 30 anni, con obbligo di soggiorno nel Comune di Favara. Russello è stato sorpreso dai militari in via Capitano Callea alla guida di una Fiat Bravo senza patente perchè revocata dalla Prefettura di Agrigento a seguito dell’applicazione della misura di prevenzione.

Ad Agrigento una ragazza è corsa in ospedale, al “San Giovanni di Dio”, al pronto soccorso, perché è stata vittima di un malore dopo avere ingerito delle pillole per interrompere una gravidanza. Si tratta di una giovane nordafricana, di 18 anni, che ha tentato di nascondere quanto accaduto alla propria famiglia. I genitori però sono stati informati dai poliziotti della Squadra Volanti, che si sono occupati di quanto accaduto.

Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, l’ 11 dicembre 2014, a conclusione del giudizio abbreviato, il Giudice per le udienze preliminari, Francesco Provenzano, ha condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere Alessandro Manzone, 26 anni, di Siculiana, imputato di omicidio colposo plurimo e lesioni per l’incidente che la notte tra il 12 e il 13 agosto 2012 ha provocato la morte di Giuseppe Piparo e Cristian Russo, tutti e due di 15 anni di età. I due studenti, al rientro da una festa in una villetta a Maddalusa, hanno imboccato la strada statale 640 in direzione Villaseta quando l’ automobile Alfa Romeo 147 di Manzone ha travolto 3 ciclomotori con a bordo altrettante coppie di ragazzi. Piparo e Russo, insieme sullo scooter, sono deceduti. Altri 4 hanno subito ferite. Ebbene, adesso, in sede civile, il Tribunale ha riconosciuto il risarcimento del danno, per alcune decine di migliaia di euro, ai genitori dei due ragazzini morti, assistiti dall’ avvocato William Giacalone, che spiega : “E’ stato riconosciuto il diritto al risarcimento e conseguentemente dato il giusto ristoro a chi, quella tragica notte, ha vissuto un inferno. Sono orgoglioso di aver contribuito a dare giustizia a questi poveri ragazzi. E’ la prima sentenza emessa che riguarda questo incidente, ma data la moltitudine di soggetti coinvolti farà da apri strada a tutti gli altri risarcimenti dei danni richiesti dalle altre parti. Il tribunale ha riconosciuto un concorso di colpa pari al 20 percento per i conducenti del mezzo a due ruote, tra l’altro uno deceduto, in quanto responsabili di aver effettuato una manovra errata immettendosi controsenso nella strada statale 115, e pertanto il loro indennizzo verrà decurtato della percentuale di corresponsabilità. Nessuna colpa, invece, per i trasportati ai quali invece è stato riconosciuto il totale indennizzo” .

A Lampedusa un incendio doloso ha danneggiato un padiglione del Centro di primo soccorso e accoglienza. Attualmente sono 517 i migranti ospiti delle struttura. I Vigili del fuoco hanno domato le fiamme, che hanno bruciato il padiglione che ospita i migranti adulti maschi, già a fuoco in altri due incendi nel 2009 e nel 2001, appiccati da migranti in rivolta. Anche adesso il rogo sarebbe stato scatenato da alcuni migranti tunisini, allarmati perché timorosi di essere rimpatriati in quanto non aventi diritto all’ asilo politico. Sono stati sottoposti in stato di fermo 4 tunisini, sorpresi intenti ad allontanarsi dal Centro.

“L’avvocato Gaetanò Airò, brillante professionista, giovane intraprendente e da sempre attento alle istanze sociali della sua città, è senza dubbio la personalità più appropriata per reggere le sorti di Favara nei prossimi 5 anni”.
Così afferma il commissario provinciale di Agrigento di Forza Italia, l’ onorevole Vincenzo Giambrone (nella foto), che aggiunge :
“L’ amico Gaetano Airò vanta ottime esperienze amministrative al Comune di Favara, non è un neofita dell’ amministrazione della cosa pubblica, rifugge da ogni improvvisazione e, così come nel suo lavoro, predilige preparazione e competenza. La sua scelta di candidarsi a sindaco di Favara, condivisa e sostenuta anche da Forza Italia, è frutto di una consolidata determinazione personale, diretta esclusivamente a rilanciare la città e i suoi cittadini, le attuali e le future generazioni. L’ avvocato Gaetano Airò merita il consenso del popolo favarese, e noi siamo dalla sua parte”.




Dopo le zone interne e il lungomare Falcone – Borsellino, sono iniziati gli interventi di pulizia straordinaria in altre zone della frazione balneare di San leone. Così come previsto dal capitolato d’appalto infatti, gli operai di Iseda e Sea, stanno eseguendo interventi di pulizia, potatura, discerbamento e spazzamento straordinario al lungomare le Due, in vista dell’apertura della stagione estiva fissata per il Primo giugno prossimo.
Le imprese hanno infatti predisposto servizi speciali per la pulizia da erba, rami secchi e ogni genere di sterpaglie marciapiedi e lungomare in genere anche seguito alle segnalazioni che arrivano alla mail comunicazioneiseda@hotmail.com.
Oltre al Viale delle Dune, interventi sono in corso in via degli Svevi, la scalinata tra via degli svevi e via monti, via Silvio Pellico, Parco del Mediterrane, la scalinata tra via Monti e via Rapisarda, via Conte Ruggero d’Altavilla, via Cuoco, via Minerva primo tratto, 2° tratto discesa Mirati, 1° e 2° scalinata tra via Manzoni e via Rapisardi e completamento scalinata tra via Polibio e via Manzoni.