Home / 2016 / Maggio (Pagina 36)

Proseguono le nomine dei coordinatori comunali di Forza Italia Giovani nella provincia di Agrigento. La coordinatrice provinciale Lilly Di Nolfo ha nominato Erika Maggio coordinatrice comunale del movimento giovanile a Cammarata. La stessa Di Nolfo afferma : “Erika Maggio è una ragazza da sempre impegnata politicamente e socialmente, laureanda in giurisprudenza, attiva e militante all’interno del partito. Sono certa che renderà il movimento fiero del suo operato e che saprà calamitare quanti più giovani possibile, promuovendo attività programmatiche nel suo territorio”. Ed Erika Maggio afferma : “E’ una scelta che mi riempie di orgoglio e gioia. Il mio sarà un impegno fermo e costante per avvicinare il mondo giovanile cammaratese alla politica, all’impegno per il nostro territorio e concorrere alla crescita di Forza Italia. Ringrazio per la fiducia Lilly Di Nolfo e il Coordinatore provinciale di Forza Italia, Vincenzo Giambrone”.

Ad Agrigento l’avvocato Ausilia Eccelso, che ne è la referente, annuncia che è attivo il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale di Agrigento, e che al Comune di Agrigento sono disponibili i moduli per la raccolta firme dei referendum sulla legge elettorale cosiddetta “Italicum”. Il primo quesito referendario è per l’abolizione delle liste bloccate. E il secondo è per l’abolizione del premio di maggioranza al partito più votato. Lo stesso Coordinamento comprende anche due Comitati. Il primo è per sostenere i due referendum sulla legge elettorale. Il secondo è per sostenere la campagna del no al referendum costituzionale di ottobre. Ausilia Eccelso commenta : “Il combinato di ambedue le leggi, la elettorale e la costituzionale, causerà uno squilibrio democratico perché espropria la sovranità al popolo e la consegna a una minoranza parlamentare che solo grazie al premio di maggioranza si impossessa di tutti i poteri”.

20160519-132309.jpg

20160519-132301.jpg
Ieri a Porto Empedocle in via Catania dalle ore 17:30 fino alle ore 19:30 si è svolto il comizio del candidato a Sindaco Orazio Guarraci, comizio partecipato da tanti componenti delle liste che lo sostengono, quali Partito Democratico, Vertenza Porto Empedocle e PDR-Sicilia Futura dell’ On. Michele Cimino.
Tanti candidati, tanti giovani hanno sperimentato per la prima volta il loro impatto con il pubblico, hanno comiziato ed evidenziato le ragioni che li hanno spinti a candidarsi, a metterci la faccia, a scendere in campo ed a determinare le condizioni di cambiamento dal punto di vista dei giovani. Tantissimi giovani che hanno parlato ed hanno dimostrato che i ragazzi, i giovani ed i meno giovani nutrono una grande speranza per la città di Porto Empedocle.
Questo comizio è stato infatti un bagno di folla, una moltitudine di cittadini che hanno partecipato con entusiasmo ed attivamente agli argomenti trattati durante il comizio. La gente si è emozionata, in quanto ha riscontrato la possibilità del vero cambiamento di questa città, si è emozionata perché ha sentito risuonare nel proprio cuore gli argomenti utili ed indispensabili per alimentare una speranza di crescita, indispensabile per una convivenza civile.
Tanti gli argomenti trattati: il candidato a Sindaco ha evidenziato il tentativo maldestro di alcuni soggetti che promettono posti di lavoro individuali, promettono posti di lavoro come voto di scambio, atteggiamento ignobile, denunziato fortemente anche dai Parroci Empedoclini che hanno ottenuto il ringraziamento da parte di Orazio Guarraci per la loro opera di educazione, non solo civile ma soprattutto morale. Ovviamente la campagna di Orazio Guarraci continuerà inesorabilmente verso un rapporto di verità, di lealtà, di rispetto e confronto con i cittadini; il candidato ha più volte ribadito la necessità di confronti tra i candidati reali e leali, pubblici, dove tutti possono ascoltare le vere intenzioni, i veri programmi e le vere finalità dell’impegno che si sta cercando di profondere a beneficio della collettività.
I cittadini sono invitati ad analizzare con attenzione e precisione qualsiasi comportamento ed atteggiamento dei candidati a Sindaco ed al consiglio comunale e scelgano i soggetti che più di altri hanno le caratteristiche culturali, personali, le esperienze politiche ed amministrative utili ed indispensabili affinché la nostra citta, Porto Empedocle, possa sperare e guardare ad un futuro migliore.

Giovedì, 19 Maggio continua nella mattina il giro presso gli uffici del comune di Favara e dell’Asp del candidato Sindaco Gaetano Airò con i tre assessori designati : Vincenzo Castelli, Claudia Distefano, Rosetta Morreale. Nel pomeriggio dalle16:30 una passeggiata con partenza dal comitato e destinazione in piazza Cavour dove si terrà l’incontro con gli operatori.

20160519-131850.jpg

L’associazione “Missione sociale per il bene comune” di Porto Empedocle ha organizzato per venerdì 20 dalle ore 17:00 alle ore 20:00 un confronto di idee e di programmi tra i candidati a Sindaco di Porto Empedocle. Il candidato Orazio Guarraci, come promesso a tutti i cittadini, sarà presente e svilupperà un ragionamento in cui evidenzierà le linee programmatiche necessarie, utili ed indispensabili affinché la città di Porto Empedocle possa uscire dal coma finanziario nel quale è stata scaraventata, ed iniziare un recupero lento ma inesorabile, un recupero concreto, che veda proiettata la nostra città verso un risanamento e la costruzione di un futuro migliore per tutti i concittadini.

Pertanto tutti i cittadini di Porto Empedocle sono invitati a partecipare a questa iniziativa di “Missione sociale per il bene comune” affinché si rendano conto delle proposte programmatiche dei candidati in modo tale da poter fare la scelta più opportuna e la scelta più serena per rilanciare la nostra Porto Empedocle verso uno sviluppo economico ed occupazionale.


“Non è possibile intrappolare i cittadini in una fascia di territorio definita di mezzo lasciandoli al totale sbaraglio per decenni. Favara Ovest vive tra le mille difficoltà sia in ordine al rilascio di autorizzazioni, concessioni edilizie, certificazioni di agibilità ed attestazioni urbanistiche sia alla più banale erogazione dei servizi pubblici essenziali ”.
Ad esporsi oggi il Capogruppo del PDR- Sicilia Futura, Nuccia Palermo che insieme al collega Salvatore Borsellino sottolineano la necessità di mettere da parte polemiche sterili per affrontare seriamente il gravoso problema che attanaglia la popolazione in questione.
“Abbiamo letto il parere della commissione bilancio che evidenzia giustamente le negatività di un minor introito per le casse comunali – continua il Capogruppo Palermo – e ci viene spontaneo domandarci come mai allora non si provveda all’erogazione dei giusti servizi che ad oggi sono quasi inesistenti”.
“Nella proposta di deliberazione che verrà votata in consiglio comunale – sostengono i due consiglieri del PDR, Palermo e Borsellino – in diversi passaggi, della premessa, vengono riportate nero su bianco tutte quelle difficoltà che negli anni queste famiglie hanno dovuto affrontare per poi ad ogni tornata elettorale sentire illusorie promesse come per una profetica liberazione”.
“Qualsiasi introito per l’ente è atto all’erogazione di servizi – ribatte il Capogruppo del PDR(S.F.)  –  quindi se quest’ultimi vengono a mancare cade non solo la logica intrinseca del pagamento di tasse ed imposte ma anche lo spirito del saper amministrare”.
“Chiediamo dunque che tipo di posizione prenda il primo cittadino, Lillo Firetto, massima espressione della maggioranza in consiglio – concludono i due consiglieri del PDR – che ad oggi, dopo gli ultimi accadimenti,  sembra non aver proferito parola in merito alla questione. Infine non comprendiamo come la proposta di delibera sia corredata dal parere favorevole di regolarità contabile in presenza delle difficoltà espresse dalla commissione bilancio”.
Il Capogruppo del PDR (S.F.)
Nuccia Palermo

I deputati nazionali del Partito Democratico, Capodicasa, Iacono, Lauricella e Moscatt hanno inviato una lettera al Presidente della Regione Crocetta tramite cui, dichiarandosi disponibili ad un incontro, si chiede un intervento urgente e immediato per la soluzione dei problemi che investono l’ ex Provincia di Agrigento. In particolare, la rescissione del contratto per esaurimento dei fondi di bilancio di oltre un centinaio di dipendenti a tempo determinato della stessa ex Provincia di Agrigento, poi la imminente chiusura dei corsi di laurea in Giurisprudenza e Architettura al Consorzio universitario di Agrigento, e la chiusura delle Terme di Sciacca. Angelo Capodicasa, in particolare, afferma : “Siamo seriamente preoccupati per come stanno evolvendo alcune vertenze dell’agrigentino. Il rischio serio é che, ai danni per l’occupazione e lo sviluppo provocati dalla crisi generale, si aggiungano gli effetti negativi dovuti al precipitare di alcune vicende che nel nostro territorio interessano centinaia di lavoratori ed utenti. Auspichiamo che il presidente Crocetta convochi, quanto prima, una riunione con parlamentari, sindacati ed enti locali per affrontare i problemi della provincia di Agrigento”.

Il Tribunale di Agrigento, accogliendo le istanze del difensore, l’avvocato Giuseppe Barba (nella foto), ha scarcerato dai domiciliari Antonio Russello, 33 anni, di Favara, e gli ha imposto l’ obbligo di firma. L’ arresto di Russello, per violazioni delle prescrizioni della sorveglianza speciale e per guida senza patente, è stato convalidato, e la Procura ha proposto l’ aggravamento della misura cautelare, dai domiciliari al carcere, non accolto dal Tribunale

20160519-014726.jpg
Continua l’intervista “da vicino” ai candidati sindaco della prossima tornata elettorale. Oggi è il turno di Orazio Guarraci, appoggiato dal Pd e da altre due liste.
Quale motivazione l’ha spinta a impegnarsi in prima persona per la città diPorto Empedocle?
“Le motivazioni in realtà sono molte. In primis il fatto che la proposta alla mia candidatura è sostenuta da persone liste partiti che io stimo profondamente sia dal punto di vista umano che come Uomo politico . Il secondo motivo risiede sicuramente nella proposta politica che noi andiamo a fare alla città. Una proposta in cui mi riconosco, perchè attuale e orientata ad un futuro utile non solo per la nostra città, ma anche a livello regionale e oltre”.
Quali ritiene siano i punti di forza del suo programma elettorale?
“Il punto di forza del nostro programma elettorale è quello di coniugare una visione ampia e di lungo periodo alla concretezza. Lo spirito che stiamo cercando di far passare è che: qualsiasi traguardo, per lontano che possa apparire, lo si raggiunge facendo un passo alla volta. E più ogni singolo passo è ben poggiato per terra e più i passi possono essere rapidi e sicuri. Questo motto mette in luce il taglio concreto ma ambizioso del nostro programma.Tra le linee guida c’è sicuramente una forte attenzione per la persona in tutti gli aspetti che riguardano la sua vita, noi poniamo la persona al centro. Un punto importante sarà il lavoro, una forte attenzione per cercare di contrastare la crisi economica in corso. Stiamo ragionando con le varie categorie produttive su cosa potrà fare il Comune per permette a queste categorie di investire sul territorio sia dal punto di vista commerciale e industriale che turistico. L’attenzione al lavoro sarà mirata anche ai giovani cercando di incentivare le loro idee e capacità. Ecco il perché della presenza massiccia di ragazzi nelle liste che mi sostengono. Soprattutto quando si parla di nuove tecnologie e di software ci piacerebbe investire in una struttura che fornisca a questi giovani la consulenza legale, finanziaria e contabile per realizzare il loro progetto di impresa. Dall’altro lato stiamo lavorando molto sulle fasce deboli del nostro territorio per capire le loro reali esigenze. Un altro punto fondamentale del programma riguarda la città e il porto. Sicuramente dobbiamo puntare ad una Porto Empedocle più efficiente, ma riteniamo anche che questo passaggio debba essere graduale e ben organizzato. “Sfruttare le potenzialità infrastrutturali” dice il candidato sindaco Guarraci. Il primo passo sarà quello di “guardare il passato e ciò che le recenti amministrazioni hanno distrutto”. Quindi chiedere alle varie realtà locali imprenditoriali un dialogo aperto e pretendere chiarezza ed azioni risolutive”.
Quali politiche della precedente amministrazione vorrebbe modificare?
“Certamente delle cose andranno modificate. Il nostro punto di vista è che quando si presentano nuovi problemi occorrono nuove soluzioni: la situazione economica che stiamo attraversando oggi è disastrosa, Porto Empedocle per troppo tempo è stata umiliata e poi derisa”, e quindi serve, per fronteggiarla nel migliore dei modi, un passo in avanti e un superamento di quella che è stata fino a poco tempo fa la logica della precedente gestione amministrativa. Questo superamento dovrà essere attuato parlando in modo più diretto con tutte le categorie, dai sindacati al mondo imprenditoriale. Un altro aspetto che vogliamo cercare di migliorare è la comunicazione con il cittadino e con il turista. Crediamo infatti che Porto Empedocle abbia delle grosse potenzialità. Auspico uno sviluppo alberghiero attraverso il progetto del porticciolo turistico che si estenderà dal porto fino alla scala dei turchi, attraverso il progetto del colore o il progetto che coinvolge la zona circostante alla casa Pirandelliana e i vari percorsi auspico uno sviluppo socio-culturale”.
Avete già pensato ai nomi dello staff che andrebbe a comporre la vostra Giunta?
“La definizione del mio staff avvenuta di concerto con le liste che mi sostengono. I due fattori tenuti presenti nella scelta dei nomi sono stati : le indicazioni dei cittadini e quindi i risultati delle liste e la competenza. Per ogni singolo assessorato voglio una persona che sia competente nell’ambito che andrà ad affrontare. Abbiamo presentato liste e assessori, Gianni Marianelli e Flavia Ferrara, radicatisul territorio in cui l’unico punto di riferimento è la politica locali senza ingerenze esterne. Infine, ma non per importanza, motivo per me fondamentale è il programma  elettorale con cui la coalizione si presenta in cui io mi rispecchio completamente.”
In una società ormai globalizzata, che ruolo pensa dovrebbe assumere Porto Empedocle ?
“Ci sono due aspetti su cui vorrei porre l’attenzione: uno a livello microterritoriale e l’altro a livello macroterritoriale.Il primo punto riguarda il fatto che dobbiamo renderci conto che la nostra città si dovrà assumere una responsabilità forse maggiore rispetto a quella che oggi ha nei confronti del territorio circostante. Per quel che riguarda il secondo aspetto la mia città può ricoprire secondo me un ruolo strategico: non dobbiamo pensare che sia solamente un confine, ma come una città di collegamento industriale (affrontando anche la questione del rigassificatore), commerciale a vocazione marinara. Perché non dobbiamo dimenticare che Porto Empedocle ha un porto di seconda categoria, prima classe, di interesse nazionale. Su questi punti bisognerebbe puntare . Un investimento mirato che potrà portare un forte ritorno in termini di turismo e di economia. Un ruolo che se giocato bene può essere utile per tutto il territorio e anche per la città”.
Conclusioni
“Credo che, i cittadini sa.ppiano distinguere le capacità, le responsabilità e l’onestà di  chi come noi, gente semplice tra la gente, che ama la propria Porto Empedocle si presenta con l’obiettivo di riprogrammare le sorti della propria città.”
Grazie e in bocca al lupo!!!