Home / 2016 / Maggio (Pagina 35)

20160518-221452.jpg
Favara si è fermata. Annullate tutte le manifestazioni elettorali previste nella giornata di oggi. Regna il mutismo, il dramma, l’inverosimile, ma non la rassegnazione.
Maurizio Vullo, 53 anni, stimatissimo professionista favarese, fratello di Totò, vecchia gloria del calcio italiano e Direttore Sportivo dell’Akragas, sta lottando tra la vita e la morte in un lettino della sala di rianimazione dell’ospedale di Caltanissetta.
Un incidente, questa mattina, lungo la statale 115 nei pressi del bivio di Palma di Montechiaro. Maurizio, informatore medico scientifico, era a bordo di una moto quando per cause ancora poco chiare ed in corso di accertamento, ha avuto una collisione con una autovettura.
Impatto violentissimo con gravissime conseguenze per il centauro. Subito trasportato in elisoccorso al Sant’Elia di Caltanissetta è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla testa. I medici hanno fatto il possibile.
Le condizioni permangono gravi, gravissime, disperate. Altro non aggiungiamo.
E già da stasera Favara si è fermata. Per Maurizio è stata organizzata una veglia di preghiera dove hanno partecipato in massa amici, conoscenti e semplici cittadini.
Queste solo le scarne e gelide notizie fino ad ora pervenute. Altro non bisogna fare, se non pregare.

L’associazione “Missione sociale per il bene comune” di Porto Empedocle ha organizzato per venerdì 20 dalle ore 17:00 alle ore 20:00 presso l’auditorium “San Gerlando” un confronto di idee e di programmi tra i candidati a Sindaco di Porto Empedocle. Il candidato Orazio Guarraci, come promesso a tutti i cittadini, sarà presente e svilupperà un ragionamento in cui evidenzierà le linee programmatiche necessarie, utili ed indispensabili affinché la città di Porto Empedocle possa uscire dal coma finanziario nel quale è stata scaraventata, ed iniziare un recupero lento ma inesorabile, un recupero concreto, che veda proiettata la nostra città verso un risanamento e la costruzione di un futuro migliore per tutti i concittadini.
Pertanto tutti i cittadini di Porto Empedocle sono invitati a partecipare a questa iniziativa di “Missione sociale per il bene comune” affinché si rendano conto delle proposte programmatiche dei candidati in modo tale da poter fare la scelta più opportuna e la scelta più serena per rilanciare la nostra Porto Empedocle verso uno sviluppo economico ed occupazionale.

“Qualche settimana fa – informa Vincenzo Fontana – ho presentato un
disegno di legge finalizzato all’istituzione della figura
professionale dell’autista soccorritore in Sicilia.
Pur sapendo che su questa materia la competenza è del Governo
centrale, ho voluto mettere in risalto un tema tanto delicato quanto
di fondamentale importanza visto che riguarda la salute dei
cittadini”.
“L’autista soccorritore, infatti – prosegue il vicepresidente della
commissione Salute – non è un medico ma collabora attivamente e
direttamente con il personale medico negli interventi di emergenza e
di urgenza. Istituirne la figura professionale serve per tutelare la
loro professionalità e per garantire un servizio efficiente ai
cittadini. Emblematico ora risulta essere il caso di Agrigento, dove
qualche giorno fa un’autista, il signor Marcello Maraventano,
nonostante non fosse in servizio, è riuscito con un intervento
tempestivo a salvare una bimba di quattro anni che davanti all’asilo
aveva avuto una grave crisi convulsiva e difficoltà respiratorie”.
“Questo testimonia – conclude Fontana – la professionalità de facto
che queste figure hanno assunto negli anni di servizio e mi batterò
affinché a Roma si acceleri l’iter di approvazione del ddl già
presentato dai deputati di Area Popolare”.

20160519-184954.jpg

Il presidente del 118 soccorso Seus, Gaetano Montalbano, ha inviato una lettera di encomio a Marcello Maraventano (nella foto), 43 anni, di Agrigento, l’autista – soccorritore del 118 che, praticandole subito le operazioni di rianimazione, ha salvato pochi giorni addietro la vita a una bambina di 4 anni in crisi convulsiva e respiratoria innanzi ad un asilo nella zona dello stadio Esseneto ad Agrigento. Il presidente Montalbano, rivolgendosi a Marcello Maraventano, afferma : “Il non facile intervento da lei compiuto è indice di profondo attaccamento al proprio lavoro e dimostra con quanta passione e sensibilità lei svolga il delicato compito di autista – soccorritore. Le esprimo un forte segno di ringraziamento e di riconoscenza, per l’intervento tempestivo, svolto sebbene al di fuori del turno lavorativo. La sua è un’azione davvero encomiabile e che contribuisce a dare lustro e prestigio a tutti i lavoratori della Seus”.

I Carabinieri della Compagnia di Sciacca e della Tenenza di Ribera, agli ordini del capitano Salvatore Marchese, hanno arrestato, in flagranza di reato, Rosario Failla, 33 anni, di Ribera, per porto abusivo di arma comune da sparo, e Rafik Bassir, 35 anni, immigrato dalla Tunisia, per violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a Pubblico ufficiale. Nel corso di una perquisizione nel “Bar Nicolas”, gestito da Failla, i militari hanno scoperto e sequestrato una pistola calibro 38 special con 6 munizioni, ed un grammo di cocaina. Nel corso della perquisizione è sopraggiunto il tunisino Bassir, ubriaco, che prima si è scatenato in un diverbio con i dipendenti del bar, e poi ha tentato di aggredire i Carabinieri minacciandoli. Failla è ristretto in carcere. Bassir ai domiciliari.

20160519-131941.jpg
Sabato 21 maggio pv alle ore 11,00, presso la sede provinciale del Partito Democratico, via Giovanni XXIII, 28, si terrà una conferenza stampa per l’avvio della campagna referendaria sulla Riforma Costituzionale.
“La sede rimarrà aperta l’intera giornata per un confronto con i segretari dei circoli e i dirigenti agrigentini e con quanti, anche non iscritti, intendano costituire un comitato referendario a sostegno della riforma – afferma il segretario provinciale Peppe Zambito – Sarà costituito un coordinamento organizzativo che avrà il compito di promuovere iniziative sul territorio e supportare il lavoro dei comitati, il nostro obiettivo è di raccogliere almeno 8.000 firme in provincia.”
Presso la sede del PD, sarà disponibile il materiale per la raccolta firme e il vademecum per la costituzione dei comitati, per quanti sono interessati è possibile contattare il PD tramite mail: pdagrigento@gmail.com per ricevere il materiale online.

“L’atteggiamento ondivago ed incerto della ex Provincia di Agrigento e della Camera di Commercio, che hanno chiesto il recesso dalla qualità di soci dal Consorzio Universitario di Agrigento, rischia di portare alla chiusura dello stesso Consorzio con un danno gravissimo per il territorio e per tantissimi giovani della nostra provincia.
Di fronte a questa incertezza e alla conseguente carenza di prospettive, si rischia di generare un circolo vizioso, con la sfiducia e lo sconforto che portano meno iscrizioni, aggravando ulteriormente la situazione.”
Lo ha dichiarato oggi Roberto Di Mauro, presidente dei parlamentari MpA all’Assemblea Regionale Siciliana, commentando la situazione del CUPA, il Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento.
Da Di Mauro viene un appello ai sindaci:
“Di fronte a questa situazione e alla certa impossibilità che la ex Provincia si faccia ulteriormente carico degli oneri che le spettano, tutti gli enti locali del territorio devono mobilitarsi ed incontrarsi per trovare insieme una soluzione al più presto, affinché non vada disperso il patrimonio storico e di competenze di questa importante istituzione culturale.”
“Il CUPA – ricorda Di Mauro – ha progressivamente ridotto le proprie attività (prima aveva 5 corsi ed oggi ne ha solo 2 – Assistente Sociale e Archeologia) e il CdA nell’ultimo triennio ha svolto con impegno il proprio lavoro riducendo i costi pur mantenendo l’offerta formativa di qualità e di grande importanza per il nostro territorio.
Ciò nonostante, resta un costo strutturale che non è sostenibile.”
Per il parlamentare regionale, “occorre quindi che si affianchi un serio lavoro di razionalizzazione della struttura e riduzione della spesa con il coinvolgimento di soggetti privati ed un nuovo e più forte impegno degli enti locali che potrebbero contribuire, per esempio, ognuno in proporzione alla popolazione residente.”

20160519-145922.jpg

PREMIAZIONE DEI VINCITORI DEL CONCORSO
DI POESIA IN LINGUA SICILIANA “GIUSEPPE SERROY”

Sabato prossimo,  21 maggio, alle ore 17,30 nei locali dello Stoai di Agrigento si svolgerà la cerimonia di premiazione  del concorso di poesia in lingua siciliana, dedicato a Giuseppe Serroy, poeta, storico, studioso delle tradizioni popolare, medico, scienziato, politico, patriota antiborbonico e fautore dell’unità d’Italia.  L’iniziativa, giunta alla sua seconda edizione, è promossa dalla Cna Pensionati di Agrigento, retta dal presidente Francesco Curaba e dalla segretaria Lia Spallino: entrambi, il primo nelle vesti di presidente e la seconda di componente, fanno parte della giuria. Gli altri membri sono Enzo Argento, Tonina Rampello ed Enzo Alessi. Questo il verdetto emesso:
–         1°  premio a Liliana Arrigo
–         2 ° premio ex aequo a Giuseppina Iacono Baldanza e a Silvia Cusumano
–         3 ° premio ex aequo a Rosalia Lo Bue e ad Enza Pecorelli.
Segnalati al merito sono stati i poeti: Rosario Cascio, Giuseppe Cardella, Serena Lo Giudice, Giovanni Rizza e Letizia Sferrazza. Durante la cerimonia saranno, inoltre, consegnati premi speciali a Giuseppina Mira, per la brillante carriera poetica, a Giovanni Gentile, dell’ISMET di Palermo per l’impegno profuso nel campo della medicina, a I.M.D, della squadra mobile di Palermo, per il libro la “Catturandi”, e a Marilena Barbera per le proficue attività imprenditoriali. Sono previsti, infine, interventi musicali di Lea Vella e del suo gruppo “I Diapason”, del gruppo folkloristico “Città di Agrigento” e dei musicisti Giuseppe Sirena  – fisarmonica classica -, Riccardo Pancucci – chitarra classica -, Aldo Passarello    – cantante – e l’intervento poetico di Enzo Argento. La conduzione della cerimonia è affidata al giornalista Raimondo Moncada.

Ad Agrigento, sabato prossimo, 21 maggio, al Villaggio Mosè, al Grand Hotel Mosè, alle ore 17.30 inizia un incontro dibattito sul tema dell’ accoglienza organizzato dal Masci, il Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani della Zona agrigentina. Parteciperanno oltre 300 Adulti Scout provenienti da tutte le province siciliane. I lavori, coordinati dalla Segretaria regionale del Masci, Rosanna Scuto, proseguono anche domenica 22 maggio con la rappresentazione degli elaborati sul tema dell’accoglienza e delle migrazioni realizzati, nel corso dell’anno, dalle varie Comunità siciliane del Masci.