Home / 2016 / Maggio (Pagina 29)

L’ingegnere Paolo Filippo Pitisci, originario di Santo Stefano Quisquina, si è rivolto al Tribunale di Palermo per chiedere la condanna dell’Eas, l’ Ente acquedotti siciliani, al pagamento del compenso per l’attività da lui svolta quale ingegnere capo dei lavori di costruzione della Diga Blufi sul fiume Imera meridionale, in ragione di un incarico ufficialmente affidatogli dall’ Eas. Il Tribunale di Palermo ha condannato l’Eas al pagamento a Pitisci di oltre 170mila euro, oltre 8mila euro di interessi e spese legali. L’ Eas non ha eseguito la sentenza. E l’ ingegner Pitisci, tramite l’ avvocato Girolamo Rubino (nella foto), ha presentato un ricorso al Tar. L’ Avvocatura dello Stato si è costituita in giudizio per resistere. Ebbene, il Tar, ritenendo fondate le tesi dell’avvocato Rubino, ha accolto il ricorso, dichiarando l’obbligo dell’Eas di eseguire il giudicato entro 60 giorni, nominando commissario ad acta, per l’ipotesi di ulteriore inadempienza, il Segretario Generale della Presidenza della Regione. L’Eas è stato condannato anche al pagamento delle spese del giudizio di ottemperanza, per 2mila e 500 euro.

20160521-151800.jpg

Polo universitario. Il comune con un impegno di 150.000€ di sicuro sta facendo la sua parte mentre lo stesso non può dirsi degli altri attori di questa vicenda. Impegni chiari e senso di responsabilità questo chiede la cittadinanza, basta con terapie dell’ultimo minuto che lasciano il cupa in un perenne stato di incertezza ma una programmazione che possa segnare la strada da percorrere per non dover ogni anno assistere all’agonia dell’Università agrigentina. Il gruppo agrigento cambia si augura che la ferma posizione del comune di Agrigento possa essere da esempio per tutti quei soggetti coinvolti, che ad oggi si sono trincerati dietro promesse non mantenute, affinché , finalmente alle parole facciano seguire i fatti.
Il Vice Capo Gruppo Agrigento Cambia
Dott.Gioacchino Alfano
20160521-151527.jpg


Si informa che da Lunedì 23 maggio  e fino al prossimo venerdì 3 giugno, e comunque sino al completamento delle attività, saranno presenti sul territorio comunale di Sambuca di Sicilia, incaricati della Girgenti Acque SpA per le attività di foto-rilevazione dei consumi idrici.
I suddetti incaricati saranno muniti di apposito tesserino e di idoneo documento di riconoscimento, sono autorizzati ad eseguire la rilevazione dei consumi idrici con foto-lettura dei contatori e non sono in alcun modo autorizzati a richiedere somme di denaro.
Si rammenta inoltre che la rilevazione dei consumi è presupposto fondamentale per una corretta fatturazione anche ai fini dell’applicazione delle nuove tariffe approvate dall’Ato Ag9.
Si ricorda infine che è obbligo degli utenti, nel loro preciso interesse ed onde consentire il reale conteggio dei consumi, lasciare il contatore libero da impedimenti per un’agevole lettura dello stesso.
E’ inoltre possibile comunicare la lettura del proprio contatore collegandosi on line all’indirizzo: www.girgentiacque.com (autolettura del contatore).
Per informazioni sulle attività di lettura:

Fax 0922.441877

A Realmonte è stato costituito un Comitato per il sì al referendum costituzionale di ottobre, ad opera di un gruppo di giovani professionisti che così annuncia alla stampa l’ iniziativa : “Il comitato è composto principalmente da simpatizzanti del Partito Democratico non tesserati, Renziani doc, che vogliono promuovere nel territorio della città della Scala dei Turchi il pluralismo democratico, il confronto ed il dibattito incentrato su un tema di grande attualità ed importanza che permetterà di cambiare le sorti dell’Italia. La prima riunione si è già svolta, scegliendo una sede “neutra”, non quella del Partito democratico: una scelta simbolica, di apertura ai non iscritti, ai semplici cittadini e a quanti, a prescindere dai colori politici, credono che questa riforma cambi realmente le sorti del nostro paese. Il comitato proporrà tante altre iniziative a sostegno delle ragioni per cui votare sì”.

Ieri si è assistito all’ultimo atto dell’Assemblea dei Soci del CUPA, atto che ormai assomiglia sempre più ad un gioco delle parti, ad una farsa.
I termini della vicenda sono abbastanza noti. L’ex provincia di Agrigento delibera di recedere dal Consorzio, l’Assemblea nella seduta di ieri ne prende atto, ma il Commissario dell’ex Provincia dichiara di farne parte a tutti gli effetti, perché, a suo dire, la Regione avrebbe sciolto il nodo finanziario per un contributo straordinario. Ma a supporto di tale tesi non viene esibito alcun documento ufficiale.
Evidente il tentativo del Commissario Barbieri, terminale di decisioni altrui, di perdere ulteriore tempo, non essendo in grado di assumere alcun impegno in merito.
Giova ricordare che questa incertezza sul finanziamento del CUPA sta provocando nel nostro territorio un senso di sfiducia e di incertezza nelle famiglie e nei giovani, per cui è necessario che le decisioni di chi debba essere socio e sui finanziamenti da elargire vangano presi in tempi rapidi.
Il Comune di Agrigento, con il suo Sindaco, Lillo Firetto, da tempo ha già deliberato un contributo di euro 150.000, che da solo è sicuramente insufficiente, ma che al momento rappresenta l’unico presupposto sicuro e concreto per aggregare gli altri Soci.
Il Gruppo Consiliare Agrigento Rinasce auspica che i dante causa del Commissario dell’ex Provincia di Agrigento si attivino in tempi rapidi alla ricerca di una soluzione immediata del problema, e che tale soluzione sia corredata da impegni scritti, al fine di scongiurare il rischio di chiusura che in atto è sempre più presente.
Agrigento, li 21.05.2016

20160521-121420.jpg

La Fortitudo basket è stata sconfitta anche in gara 3 a Bologna, 68 a 64, ed è fuori dai play off promozione in serie A 1. A conclusione della gara, l’ allenatore Franco Ciani ha commentato : “Abbiamo giocato una partita di altissimo livello per 30 minuti, riuscendo a limitare quelli che erano stati i loro punti di forza nelle ultime due partite, giocando con lucidità. Poi nell’ultimo quarto abbiamo perso un po’ di fluidità di gioco, c’è da dire che la fisicità che è stata concessa alla difesa della Fortitudo è nettamente superiore rispetto a ciò che era stato concesso fino a quel momento, e chiaramente questo ci ha tolto un po’ di ritmo e abbiamo fatto fatica. Poi siamo arrivati ai possessi finali e lì un paio di errori ci sono costati la partita. La squadra ha comunque dimostrato grande carattere al PalaDozza davanti a cinquemila persone, sotto il profilo agonistico sicuramente abbiamo giocato alla pari, con grande qualità, questo significa che la squadra ha dimostrato di non mollare mai, di non voler arretrare di un passo davanti agli avversari, e questi sono aspetti che, per quanto adesso ci sia l’amarezza di essere stati eliminati, danno un senso importante a questa serie di playoff”.

“Senza regole si vanifica il lavoro degli operatori ecologici che ogni mattina ripuliscono le strade cittadine da ogni tipo di rifiuto”.
Lo dice l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi in merito all’aumentato fenomeno del “volantinaggio selvaggio”, che dopo un periodo in cui sembrava essere in diminuzione, è tornato a registrarsi sia in centro che nelle frazioni agrigentine.
“Solo ieri mattina – continua Alongi – ci è stato segnalato che tutte le autovetture in sosta in via Garibaldi, via Porta di Mare, via Empedocle, via Acrone e tante altre zone cittadine, avevano sotto i tergicristalli volantini pubblicitari che hanno finito per diventare tappezzeria di asfalto e marciapiedi. Molte persone infatti li gettano in terra senza nemmeno guardarli, altri li appallottolano e gli fanno fare la stessa fine, altri vengono spazzati via non appena le auto partono”.
Insomma, una situazione ingestibile che fa il paio con quella di altre campagne pubblicitarie con intere brochure che vengono lasciate all’interno dei portoni, non sempre nelle cassette della posta, oppure appoggiati alle ringhiere dei portoncini dei centri storici o delle villette delle periferie. E anche in questo caso, il risultato non cambia.
“Lanciamo un appello – continua Alongi – sia ai cittadini affinchè facciano la cosa giusta, come dice il nostro slogan, gettando nella spazzatura ciò che non interessa e non per strada, ma anche ai commercianti che fanno stampare questi volantini perché si attengano alle precise disposizioni fissate dall’ordinanza del sindaco dello scorso anno che prevede sanzioni
fino a 600euro per chi viola la disposizione e vieta a tutte le attività economiche di effettuare voltantinaggio e/o affissione di manifesti sui pali della luce o della segnaletica stradale, alberi o qualsiasi altro supporto, di distribuire volantini e opuscoli o manifesti sotto le porte di accesso, nei portoni e negli androni della abitazioni private o sui veicoli. Inoltre è fatto divieto di distribuire gli stessi ai conducenti o al passaggio delle auto in prossimità di incroci, di lanciare bigliettini o volantini e buoni sconto».

Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale della provincia di Agrigento, impegnato nella raccolta delle firme per il referendum contro la legge elettorale Italicum, e nella campagna per il no al referendum costituzionale di ottobre, ha organizzato un incontro – dibattito domani, domenica 22 maggio, a Raffadali, nella biblioteca comunale, alle ore 18. Coordina il professor Lombardo, e intervengono il sindaco Silvio Cuffaro, e gli avvocati Gueli e Ausilia Eccelso (nella foto).

Mercoledì, 18 Maggio ore 18:00, il candidato Sindaco Gaetano Airò con i tre assessori e i candidati delle liste che lo sostengono incontreranno la cittadinanza e le attività commerciali in piazza della Vittoria (Castè) e a seguire comizio ore 20:00 in via Agrigento.
Sabato, 21 Maggio ore 16:00, il candidato Sindaco Gaetano Airò con i tre assessori e i candidati delle liste che lo sostengono incontreranno al comitato in via Aldo Moro 192 la delegazione abitanti zona cimitero nuovo.

20160521-115832.jpg

Angelo Messinese incontra i cittadini
Continua il ciclo di incontri del candidato a sindaco della città di Favara, Angelo Messinese, nei quartieri e frazioni cittadine. Un momento dedicato ai residenti perché possano avere l’opportunità di esporre a coloro che si impegnano a rappresentarci le loro proposte, i suggerimenti e le criticità.
Oggi, il candidato a sindaco Angelo Messinese sarà presente:
nella trasmissione “Opinioni”;
Al Castello Chiaramonte di Favara con l’iniziativa organizzata dalla Confcommercio “Sviluppo economico imprenditoriale della nostra città”
Alle 17:00 in contrada Portella incontrerà i cittadini di Favara Ovest
Alle ore 17:30 incontro al Palazzo Cafisi
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare a queste importanti occasioni di confronto e condivisione.