Home / Agrigento  / Progetto “Hermes”, l’Università e gli altri partners ringraziano la Provincia di Agrigento
   

Progetto “Hermes”, l’Università e gli altri partners ringraziano la Provincia di Agrigento

 

Mobilità elettrica sostenibile, la Provincia Regionale di Agrigento contribuisce al completamento del Progetto portato avanti dall’Università di Palermo ed altri partners. Si tratta del Progetto “Hermes, una piattaforma ICT per nuove tecnologie di logistica e mobilità per le città intelligenti“, della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo (Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica)  che ha l’obiettivo di realizzare una piattaforma ICT (cioè l’insieme delle tecnologie che consentono di elaborare e comunicare l’informazione attraverso mezzi digitali) in grado di rendere efficiente e sostenibile la mobilità di persone e beni su scala urbana e interurbana, con impiego di mezzi a trazione elettrica per abbattere l’impatto ambientale.
 La Provincia ha infatti aderito al progetto, che ha come partners, oltre all’Università di Palermo, anche C.N.R., Italtel spa, Campione industries spa e Maggiora srl, dando la disponibilità ad ospitare la sperimentazione e ad acquisire il prodotto finale. E nei giorni scorsi i partners hanno inviato una lettera di ringraziamento al Presidente D’Orsi, esprimendo gratitudine per aver dato, attraverso l’adesione, la  possibilità di completare il progetto per la partecipazione al  bando del MIUR  sul PON R&C 2007-2013 “Smart Cities and Communities and Social Onnovation”. “La  Vostra  adesione  – hanno scritto – contribuirà  allo  sperato successo che, qualora confermato,  darà  lavoro  e  occupazione  alla  nostra  provincia  e porterà, ci auguriamo, una nuova speranza di crescita nella nostra triste terra”. 
“E’ un’ulteriore gratificazione al buon lavoro svolto dal Servizio Politiche Comunitarie del Settore Ambiente-  dice il Presidente D’Orsi –  la nostra adesione si inquadra in un’ottica di razionalizzazione dei trasporti e dell’abbattimento di emissioni causate dai veicoli tradizionali”. Soddisfatto l’Assessore all’Ambiente Francescochristian Schembri: “E’ un progetto molto articolato, che può senz’altro contribuire a migliorare la qualità ambientale delle nostre città e dei trasporti e al tempo stesso, proprio per i dettagli tecnici, fornire opportunità di lavoro qualificate e preziose nel nostro territorio”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO