Home / 2012 / Aprile (Pagina 8)

Una serata sensuale ispirata ai sapori intriganti del vero Burlesque con uno spettacolo ‘live’ travolgente. ‘Oggetto’ di tutte le attenzioni, direttamente dalla Lombardia, è la modella, attrice e naturalmente Burlesque Performer Mademoiselle Zazie, per la prima volta sulle scene agrigentine.
L’evento, in programma venerdì 4 maggio 2012 a partire dalle ore 20,00 nasce dalla proposta dell’Agenzia ‘Divine Events’, esclusivista per il Burlesque in Sicilia, immediatamente accolta dall’imprenditore Carlo Vella, manager di “Folli Follie luxury brand” – azienda da decenni impegnata nella vendita al dettaglio di pelletteria ed accessori moda. Nel centralissimo Viale della Vittoria, all’interno dell’innovativo “Folli Follie Café”, si apre così una “vetrina” sul patinato mondo del Burlesque.
 “La nostra Agenzia – dichiara Andrea Greco titolare della ‘Divine Events’ – cura particolarmente la qualità degli spettacoli proponendo Performers Burlesque di indiscusso valore. Lo spettacolo che terrà Mademoiselle Zazie nel prestigioso locale di Viale della Vittoria rappresenta l’inizio di un ciclo di appuntamenti nella provincia di Agrigento che siamo certi saprà innalzare il livello degli spettacoli cui si è assistito in questi anni.  Il mio personale consiglio è diffidare dalle imitazioni e dal qualunquismo, per evitare di imbattersi in aspettative errate o delusioni – conclude -. ”
“Ho accolto con entusiasmo e curiosità la proposta dell’agente Andrea Greco- commenta Carlo Vella, responsabile commerciale ‘Folli Follie luxury brand’. Amo la moda e l’innovazione. Il tema del Burlesque ha suscitato subito la mia attenzione appunto perché rientra in un contesto molto in voga in questo periodo nei più grandi locali di Europa. Ho voluto cogliere questa opportunità per dare anche agli agrigentini la possibilità di avvicinarsi a questa arte ironica, sensuale e iconica come la moda.”
L’evento verrà messo letteralmente in ‘vetrina’, all’interno del concept store del Viale della Vittoria che ospita anche il Folli Follie Café. Con l’occasione – conclude Vella – presenteremo le ‘nuove collezioni’ accessori moda 2012 dei nostri brand, gusteremo dei ricercati piatti accompagnati da buon vino o champagne, sicuramente in ottima compagnia.”
Mademoiselle Zazie contesa tra i migliori locali  della Lombardia e d’Italia, vanta un curriculum di tutto rispetto, con apparizioni in Tv (Mediaset, Sky, Fashion Tv, Tu Style, Corriere della Sera, Cosmopolitan), e performance sui palcoscenici nazionali, sognando quelli d’oltreoceano.
 Anche gli spettatori agrigentini potranno ammirarla in esibizioni particolari, di cui l’organizzazione si riserva non comunicare i dettagli.  Un’occasione di rivivere “il Burlesque”, antica forma di spettacolo nata nella seconda metà dell’Ottocento nell’Inghilterra Vittoriana e successivamente importata negli Stati Uniti
Pizzi, piume, merletti, busti e bolle di sapone in un’insolita cornice, coronata dalla bellissima danzatrice. Mademoiselle Zazie, grazie all’intermediazione dell’Agenzia specializzata  “Divine Events”, suggella l’atteso sodalizio con la città di Agrigento, dove la ballerina tornerà presto ad esibire le sue grazie.

Sabato alle 10,30 presso le Stoai verrà presentata la prima edizione  dell’Agrigento Arkeofestival dedicata alla preistoria dal titolo “Le prime conquiste dell’homo”. La manifestazione è articolata in 12 laboratori didattici che si svolgeranno dal 2 al 5 maggio dalle 9.00 alle  18.00 presso le Stoai, centro dell’artigianato artistico ed è organizzata dalla Societa’ coop. Agrigento Arkeopark in collaborazione con l’Associazione Archeologia Sperimentale di Prato di Alfio Tomaselli noto esperto di tecnologia preistorica, e  con l’Associazione Arkeolodida e l’Archeoclub di Campobello di Licata. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato al Turismo della Provincia Regionale di Agrigento,  del Parco Archeologico di Agrigento, della Camera di Commercio e della Pro.Gest di Agrigento, della fondazione AgireInsieme di Salvatore Moncada.

“Il recente dibattito animato dal Centro Studi Erato in merito alla collocazione delle ricca collezione artistica di proprietà di un noto professionista agrigentino rappresenta uno spunto per affrontare l’importante argomento del ruolo della cultura nello sviluppo del territorio. Il turismo è un comparto che garantisce il miglioramento non solo economico, ma anche sociale.” A dirlo è Gaetano Pendolino del Distretto Turistico Valle dei Templi. 
“Chi si sobbarca ad un lungo viaggio per raggiungere la nostra terra lo fa principalmente con l’aspettativa di arricchire se stesso attraverso una serie di esperienze uniche.
E’ quindi responsabilità di chi amministra di promuovere lo sviluppo e la sussistenza dell’offerta museale, monumentale, paesaggistica e culturale nell’accezione più ampia del termine.
Pertanto,  in merito alla questione sollevata dal Centro Studi Erato, salutando con favore l’impegno già promesso da uno dei candidati sindaco, si auspica che ognuno degli altri concorrenti alla carica di primo cittadino possa parimenti impegnarsi per una soluzione della questione, agendo concretamente a favore della crescita di Agrigento – conclude Pendolino -“.

Si parlerà dei problemi legati al passaggio dalla Tv analogica a quella digitale, nel corso del Work Shop organizzato dal presidente della Provincia Regionale di Agrigento Eugenio D’Orsi e dal Corecom Sicilia, il Comitato per le Comunicazioni, organo di consulenza della Regione Siciliana e dell’Ars, che ha da tempo avviato iniziative per minimizzare l’impatto sui cittadini.
L’incontro è stato organizzato per domani pomeriggio, 27 aprile alle 15.30, nell’Aula Pellegrino di via Airone e sono stati invitati a parteciparvi i sindaci di tutti i Comuni dell’agrigentino, i rappresentanti dell’Upi, l’Unione delle Province, quelli dell’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni siciliani, dell’Ispettorato delle Comunicazioni, della Rai e di Rai Way.

E’ stata trovata morta la ragazza di 20 anni, Vanessa Scialfa, scomparsa due giorni fa a Enna. Il convivente della giovane stamani aveva raccontato di aver avuto una lite con Vanessa nella tarda mattinata di martedì. La ragazza nel pomeriggio, secondo il racconto dell’uomo, avrebbe lasciato l’abitazione dove i due vivevano, facendo perdere le tracce.

Solo questa mattina il padre, Giovanni Scialfa, aveva pubblicato un appello su Facebbok, per cercare di raccogliere segnalazioni e informazioni sulla figlia. “Vi prego di diramare questa foto, è mia figlia, non abbiamo sue notizie da martedì 24 aprile – ha scritto l’uomo sul social network -. Non prendete alla leggera questo messaggio, non è stato un litigio in famiglia, è uscita di casa senza più farvi ritorno. Vi prego, aiutateci”.

Si chiama “I colori delle donne”, il concorso di scrittura al femminile, giunto alla dodicesima edizione ed organizzato dalla Commissione pari opportunità della Provincia regionale di Ascoli Piceno ed aperta anche alla partecipazione delle donne dell’agrigentino. Il concorso, a tema libero, è aperto a tutte le donne dai 15 anni in su e gli elaborati inediti, dovranno essere consegnati entro il prossimo 31 luglio. Il regolamento può essere visionato e scaricato dal sito www.provincia.ap.it/polsoc.
 

“In merito alle polemiche sulla designazione del Dott. Vittorio Messina nella squadra del candidato sindaco Marco Zambuto appare opportuno chiarire che il Presidente della CCIA con una dettagliata nota inviata a tutte le associazioni ed ai componenti del Consiglio Camerale e agli organi di informazione già 20 giorni fa ha in maniera inequivocabile ribadito la sua decisione di continuare il suo impegno al vertice dell’ente Camerale”. Lo afferma in una nota Salvatore Argento componente del Consiglio Camerale.
 “Inoltre, – prosegue – il Presidente Messina, ha spiegato che la designazione andava vista come un segnale di attenzione, non già alla sua persona, bensì al mondo imprenditoriale agrigentino e provinciale, che rappresenta. In questo senso eventuali tentativi di interpretare in modo non corretto questa vicenda appare priva di ogni appiglio perché la questione è stata rimossa alla radice da un pronunciamento che non lascia spazio ha interpretazioni diverse anche a salvaguardia dell’autonomia dell’Ente Camerale”.

L’Assessore provinciale al Turismo Angelo Biondi, su indicazione del Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi, invierà una nota all’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente Sebastiano Di Betta per chiedere il potenziamento dell’ufficio provinciale del Demanio Marittimo per evitare il rischio di gravi danni all’attività degli operatori Balneari.
Per l’Assessore Biondi “il grido di allarme lanciato dal Sindacato degli operatori Balneari aderenti alla Confcommercio di Agrigento, ci obbliga ad intervenire al più presto per scongiurare la possibile perdita di posti di lavoro in uno dei settori strategici del nostro turismo. Per questo motivo invieremo una lettera all’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente Sebastiano Di Betta perché trovi adeguate risposte alla richiesta degli operatori balnerari. Ci attiveremo, inoltre, per un incontro nei prossimi giorni con l’Assessore Di Betta per assicurare un intervento immediato a favore della categoria degli operatori balneari.
Pur condividendo la scelta di delocalizzare gli uffici del demanio marittimo, riteniamo che sia assolutamente necessario mettere in condizione questi uffici di essere operativi ed efficienti, affinché si diano le giuste riposte agli operatori balneari della nostra provincia che devono essere messi nelle condizioni di potere lavorare con serenità, in prossimità della imminente stagione estiva.  Già viviamo una tragica situazione economica a causa della congiuntura internazionale, della carenza di risorse economiche per finanziare lo sviluppo. Riteniamo che gli operatori del settore balneare che vanno da Licata a Menfi, incluse le Isole Pelagie, debbano potere contare su uffici efficienti e in grado di dare risposte celeri. Il turismo estivo, per la sua stagionalità, non può subire rallentamenti o intoppi burocratici, di nessuna sorta che possono compromettere la stagione balneare”.

Il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, continuando nel suo programma di incontri con la popolazione, ieri ha incontrato i cittadini del quartiere di via Demetra.
Durante il dialogo avuto – si legge in una nota – si è soffermato, in particolare, sull’attualissimo problema del finanziamento pubblico dei partiti che, già bocciato dalla maggioranza degli italiani con l’apposito referendum, è stato di fatto reintrodotto in termini di rimborsi per le spese elettorali sostenute dalle varie formazioni politiche.
Già nei giorni scorsi Marco Zambuto aveva tuonato contro tale scandalo, ricevendo le critiche da parte degli altri competitori dell’attuale campagna elettorale. Ma, per come ha precisato ieri, adesso questa idea di moralizzazione si sta facendo avanti in maniera concreta, tanto che i leader di due dei più importanti partiti italiani, Casini per l’UDC e Bersani per il PD, hanno avanzato precise proposte di riduzione di almeno il 50 % di detti rimborsi che, per ogni competizione elettorale comportano una spesa i circa 200 milioni di euro. “Se tutti siamo chiamati a fare dei sacrifici – commenta Zambuto – che comincino i partiti a dare l’esempio. E che non si assista più ai vergognosi episodi di queste settimane.”

Il Consiglio provinciale, convocato dal Presidente del Consiglio Provinciale Raimondo Buscemi, riprenderà i propri lavori stasera alle ore 18:00, nell’aula Silvia Pellegrino. Otto le proposte di deliberazione inserite all’ordine del giorno. I lavori inizieranno con la lettura ed approvazione dei verbali delle sedute precedenti. Seguiranno le comunicazioni del Presidente. Di seguito saranno trattate tre interrogazioni. Due sono state presentate dal Consigliere Avarello: la prima sullo stato precario riguardante il liceo pedagogico giudici “Saetta e Livatino” di Ravanusa. La seconda interrogazione riguarda i lavori di sistemazione della strada provinciale Ravanusa – Licata. L’interrogazione del consigliere Spoto riguarda, invece, i lavori di sistemazione della strada provinciale Raffadali – Cattolica Eraclea. Successivamente saranno discusse la relazione del presidente del I^ semestre 2011 e la proposta n. 1 del 20 gennaio del settore politiche del lavoro riguardante la modifica della deliberazione del Consiglio Provinciale per l’approvazione del nuovo schema dello statuto del Consorzio Universitario della provincia di Agrigento.
Le nuove modifiche approvate dall’assemblea dei soci del Cupa riguardano la riduzione del numero dei componenti del consiglio di amministrazione e altre modifiche statutarie. Variazioni che sono state esaminate, congiuntamente, dalle commissioni “Affari Generali” della Provincia e del Comune di Agrigento nelle scorse settimane. Dal lavoro congiunto delle Commissioni sono scaturite delle modifiche allo statuto che, prima, dovranno essere approvate dall’assemblea dei soci del Consorzio Universitario e poi inviate a tutti i soci per l’approvazione definitiva. Infine  sono in discussione due debiti fuori bilancio per circa 22 mila euro.