Home / 2012 / Aprile (Pagina 29)

Il figlio di Toto’ Riina, Giuseppe Salvatore junior,che dopo aver scontato quasi 9 anni di carcere è stato ammesso al regime di affidamento ai servizi sociali, e’ arrivato a Padova : da lunedi’ lavorera’ per un’associazione che si occupa di lotta alla droga e all’emarginazione. Protesta la Lega Nord, che ha organizzato per il 21 aprile una manifestazione e una raccolta di firme : “basta con questa emigrazione al nord”.

Dopo l’invito ai consiglieri candidati al Comune di Agrigento di prendere a cuore un argomento, si delineano i primi progetti e le prime adozioni. Un segnale forte, quello lanciato dal’art director Cristian Moncada, che attraverso l’investitura politica dei consiglieri permette di prendere corpo a un vasto progetto sociale e di sviluppo.
 “Questi sono i primi progetti e i primi impegni che si presentano al pubblico – dichiara Cristian Moncada –  ma sono anche, il risultato di appena un paio di giorni di incroci, tra il progetto Agrigento2020 e “la politica”. Sicuramente è proficuo lavorare in tal senso in periodo elettorale, così da creare un movimento trasversale, di pensiero, che racchiuda una coscienza collettiva intrinseca. Oltre a una dimostrazione di come sia possibile la realizzazione immediata di alcuni progetti “a costo 0” quando si ha una visione più ampia di dove si vuole arrivare. Stiamo elaborando altri progetti con altri consiglieri, l’invito è rivolto a tutti, indipendentemente dal colore politico o dal gruppo di appartenenza, affinché si partecipi in maniera costruttiva. La proposta ai consiglieri rimane la stessa: adotta un progetto anche tu!”
Di seguito i primi candidati e i primi progetti:
Progetto “Comunicazione e programmazione degli eventi” (eventi e promozione)
Simona Carisi (Agrigento Bene Comune – Assessore designato, Carta sindaco);
Progetto “Educazione stradale come attività extracurriculare” (viabilità)
Alfonso Alcozer (Patto per il territorio – Zambuto sindaco);
Progetto “I giovani in centro storico” (centro storico)
Alessandro Cacciato (Grande Sud – Pennica sindaco);
Progetto “Il rugby ad Agrigento” (sport):
Vito Boschetti (Patto per il territorio – Zambuto sindaco)
Progetto “Una guida hotspot per turisti” (turismo)
Ciro Fuschino (Epolis – Pennica sindaco)
Progetto “Valorizzazione del quartiere ellenistico-romano” (valle dei templi)
Davide Prinzivalli (PD – Lo Bello sindaco)

Da oggi fino  al 22 aprile si celebra in tutto il Paese la XIV settimana della cultura. Anche ad Agrigento sono state promosse per l’occasione diverse iniziative che vedono impegnati insieme l’Amministrazione civica ed il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi.
Proprio nella Valle, il cui accesso in tale periodo è gratuito, al pari di tutti i musei, i monumenti e le gallerie, vengono eccezionalmente resi fruibili le necropoli paleocristiane della collina dei templi e sono organizzate visite guidate nell’area del santuario di San Biagio (a cura dell’Archeoclub, sabato e domenica dalle 9 alle 18), dove a conclusione della settimana, domenica alle ore 12, verrà celebrata una messa.
Da lunedì a venerdì, per iniziativa dell’assessorato comunale dei beni e delle attività culturali, verranno invece effettuate, dalle ore 9, delle visite guidate nel centro storico. In particolare saranno al centro dell’attenzione, specialmente degli studenti delle scuole medie, il chiostro del complesso monumentale chiaramontano di S. Spirito, il settecentesco ex collegio dei padri Filippini ed il teatro “Pirandello”.
Lunedì, giovedì e domenica, dalle ore 10 alle 18, a cura del gruppo archeologico Kamsa si svolgeranno, con raduno a villa Aurea, le visite guidate alle necropoli paleocristiane.
Martedì lo stesso gruppo, nei medesimi orari, a villa Aurea, promuove l’attività “I monumenti disegnati dai bambini”
Sempre martedì, ancora per iniziativa del Comune, alle ore 17.30, presso la biblioteca comunale “La Rocca”, avrà luogo l’incontro con gli operatori culturali Giusy Carreca, Alfonso Gueli, Adalgisa Morreale e Lia Rocco su “Leggere la Città: ruoli e protagonisti del territorio”. Nel corso della serata si inserirà Diego Romeo con “Breve la resurrezione felice di san Calò”.
La stessa amministrazione comunale giovedì 19, alle ore 18, propone poi, all’ex collegio dei Filippini, il concerto di musica da camera sul tema “Il romanticismo tra virtuosismo e ricerca espressiva”, con l’intervento di Rita Capodicasa al pianoforte e di Roberto Saccà al clarinetto.
Le iniziative proseguono venerdì 20, alle ore 19, a casa Sanfilippo, con il “Grand tour della poesia” (Cinzia Accetta, Maria Attanasio, Biagio Guerrera, Luciano Mazziotta, Stefano Raimondi, Claudio Recalcati e Margherita Rimi) e “Fiumara d’arte” di Antonio Presti.
Sabato 21, si ritorna all’ex collegio dei Filippini, dove l’assessorato comunale dei beni e delle attività culturali alle 9.30, propone il convegno “La politica della bellezza” con lo stesso Antonio Presti.
A fine giornata, dalle ore 20 alle 23, sarà possibile effettuare la visita serale della collina dei templi con ingresso tanto dal lato del tempio di Giunone che da quello di Ercole.

Il Tribunale di Agrigento ha condannato a tre mesi e a 300 euro di multa la senatrice della Lega Nord, nonchè vicesindaco di Lampedusa, Angela Maraventano perché, secondo l’accusa, non avrebbe pagato i contributi Inps a un dipendente del suo ristorante. A segnalare il caso fu lo stesso Istituto di previdenza che fece così scattare le indagini. Secondo l’accusa la cifra indebitamente trattenuta sarebbe di circa 4.200 euro. Il caso sembrava chiuso con un decreto penale di condanna, ma la difesa della senatrice della Lega aveva chiesto un processo. Il Pm aveva proposto la condanna a 4 mesi e 400 euro di multa. “Ho già pagato per questa vicenda – ha detto Angela Maraventano – ma evidentemente al giudice non è bastato. Vuol dire che proporremo ricorso in appello”.

Paolo Minacori, Daniela Catalano e Carmelo Terrasi sono i primi nomi designati per la sua squadra di governo, da Totò Pennica candidato sindaco di Agrigento sostenuto dal Movimento Civico Epolis, e dai partiti Pdl, Grande Sud e Cantiere Popolare.
La presentazione della prima tranche di assessori è avvenuta questa mattina, presso la sede del comitato elettorale, in via Giovanni XXIII.
Orgoglioso e convinto della scelta, condivisa con il Direttivo di Epolis, Totò Pennica ha sottolineato che in caso di elezione, un ruolo prioritario all’interno della sua giunta verrebbe ricoperto da Angelo Vullo, socio fondatore di Epolis e da Salvatore Rizzo, revisore dei conti. Al momento i due non hanno ricevuto incarico formale.
“Ad entrambi riconosco un valore aggiunto che io non possiedo – dichiara in conferenza stampa Pennica – di natura tecnica il prof. Rizzo, di carattere politico Vullo. Sono certo che saprebbero contribuire fattivamente e senza pretese alla ripresa culturale, sociale ed economica della nostra città”.
Al centro dei lavori è il terzetto di assessori, di spessore umano e professionale. Il primo nome è quello del Dott. Paolo Minacori, noto imprenditore della città dei templi e cuore pulsante di Epolis. “E’ un uomo generoso – ha detto Pennica ai giornalisti – su cui la comunità di Epolis ha espresso convergenza sin dal primo momento. Nella squadra amministrativa di Palazzo dei Giganti, dovrebbe essere il motore organizzativo, espletando la carica di vice sindaco”.
L’altro assessore designato è il Prof. Carmelo Terrasi, conoscitore del centro storico di Agrigento. “Una personalità – ha detto il candidato sindaco – che non ha esitato critiche nei confronti dell’amministrazione comunale uscente. A  lui affiderei delega in bianco per risolvere i problemi del vecchio quartiere.”
Unica donna nella squadra di Pennica è l’Avv. Daniela Catalano, nella dirigenza del coordinamento cittadino Pdl. Una candidatura sulla quale si sono levati rumors alla luce di due dati oggettivi: la sua adesione al Popolo delle Libertà ed il rapporto di stretta parentela con il parlamentare europeo Salvatore Iacolino, di cui è nipote. Ma Pennica scardina qualsiasi errata convinzione: “Daniela Catalano gode della mia stima e di un’altissima considerazione per il suo portato culturale e umano. E’ affabile, preparata ed assolutamente competente. Il fatto che sia la nipote di un deputato europeo è semplicemente una circostanza, di cui non possiamo certamente fargliene una colpa. Sono pronto a difenderla da qualsiasi attacco demagogico e/o strumentalizzazioni”. Poi rivolgendosi alla stessa Catalano: “Ti chiedo un supplemento di pedalata in questa campagna elettorale, proprio per la forza del partito (il Pdl) che rappresenti.”
E non è mancato, a margine della conferenza stampa, un nuovo appello ai partiti che sostengono la candidatura di Totò Pennica: “A codeste forze chiedo un impegno concreto per Agrigento e di coagulare attorno a me il valore aggiunto della politica.”
Infine il pensiero del candidato sindaco va ai primi cento giorni di governo, ai tre impegni individuati quali prioritari: abbattimento delle barriere architettoniche offrendo la possibilità dei diversamente abili di fruire delle strutture; creazione di un “Front Office” al Municipio di Agrigento per la tracciabilità elettronica delle pratiche; richiesta alla politica dei partiti, di reperire i fondi per la messa in sicurezza del costone della Cattedrale di San Gerlando. Salvare il Duomo sarà priorità assoluta.
“Se nell’arco dei primi due anni di mandato non dovessi concretizzare questi impegni, per me fondamentali,  mi dimetto da sindaco e torno a fare l’avvocato – conclude Pennica -.”

“A proposito dell’uso disinvolto delle Istituzioni spieghi l’assessore alla Salute le ragioni dell’incontro tenutosi presso l’Azienda Sanitaria di Palermo nei giorni scorsi alla presenza del Direttore Generale, dei Direttori di quest’ultimo ed in particolare di Direttori di Distretto e di Dipartimento recentemente nominati  dopo una procedura “laboriosa” di diciotto mesi dallo stesso Cirignotta.
Le modalità spregiudicate di ricerca del consenso dell’assessore regionale alla Salute – e dei deputati del Movimento per l’Autonomia che provincia per provincia “invadano” le sedi istituzionali del Servizio Sanitario Regionale –  rappresentano un vulnus istituzionale che mortifica il diritto alla salute dei siciliani costretti  a rincorrere la protezione di tale diritto alla salute spesso in strutture pubbliche depotenziate e prive delle necessarie attrezzature”.
Lo affermano in una nota l’europarlamentare Salvatore Iacolino, il deputato regionale Nino Bosco, il coordinatore provinciale di Palermo, Francesco Scoma e i deputati nazionali Vincenzo Fontana e Giuseppe Marinello.
“Se il pulpito istituzionale dal quale negli ultimi quattro anni sono stati espressi annunci e propositi di buon governo della sanità è quello dell’assessore regionale pro tempore – e del suo presidente della Regione – i siciliani avranno perso una opportunità  di riscatto per la garanzia di quel diritto alla cittadinanza che si esprime con modalità e contenuti inconciliabili con il metodo antidemocratico dell’attuale Governo regionale”, concludono i deputati del Popolo della Libertà.

“La notizia di un patrimonio artistico di cospicuo valore che sta per lasciare per sempre la citta’ di Agrigento ci addolora come persone, ci mortifica come agrigentini e ci preoccupa come imprenditori del turismo.” E’ quanto dichiara Paolo Pullara presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi. “Si tratta di un’importante collezione artistica appartenente ad uno stimato professionista agrigentino che ora sarebbe disposto a renderla fruibile, ma che sinora non ha trovato ad Agrigento degna collocazione – sottolinea Pullara -. Tanto che a malincuore starebbe meditando di accettare la proposta di una lungimirante amministrazione che si e’ resa disponibile ad accogliere la preziosa collezione nei locali di un edificio storico. Agrigento non puo’ permettersi di perdere una simile opportunita’ culturale che coincide con un’ulteriore tassello nell’offerta turistica cittadina. Le istituzioni facciano il proprio dovere e si attivino concretamente in questo senso, trovando locali adatti ad ospitare questo patrimonio che deve diventare una risorsa della nostra citta’ – conclude Pullara -.”

 Alitalia ha firmato il contratto per l’acquisizione di attività della compagnia aerea Wind Jet, nata nel 2003 per volontà del presidente del Catania Calcuio, Antonio Pulvirenti, relative al trasporto passeggeri di linea. Con questa operazione, spiega Alitalia in una nota, il Gruppo “mira ad acquisire il know-how sviluppato da Wind Jet nei voli a basso costo”. “Sono estremamente soddisfatto – ha commentato l’a.d. di Alitalia, Andrea Ragnetti -. Si aprono prospettive di grande rilevanza legate a un’offerta low cost di qualità”.