Home / 2012 / Aprile (Pagina 25)

Calogero Dalli Cardillo è stato nominato responsabile del Dipartimento Artigianato e Commercio all’interno dell’Esecutivo provinciale del Partito UDC.  “Con l’incarico assegnato a Dalli Cardillo– afferma il Responsabile Enti Locali della Provincia di Agrigento, Giuseppe Licata – è evidente, soprattutto in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, l’impegno posto dall’UDC nello studiare e conseguentemente proporre soluzioni che servano a rinnovare l’impresa artigiana nella nostra provincia e che possano farci guardare oltre, verso mercati più favorevoli ad accogliere la nostra arte, senza pregiudizi culturali. Le aziende devono investire in conoscenza ed innovazione e avvicinarsi sempre di più ad una coscienza globale, con forte umiltà e spirito pioneristico”.

“Siamo seriamente preoccupati per il fatto che la SO.GE.I.R. AG1 S.p.A., non ha ancora pagato, ai dipendenti, lo stipendio del mese di marzo, versando in maniera unilaterale un acconto di solo 500.00 €. Questo significa che la Società non è in grado di rispettare i dettami del CCNL Federambiente il quale statuisce che gli stipendi devono essere versati entro la fine del mese cui si riferisce la remunerazione”.  Lo afferma in una nota Enzo Iacono della Cgil Funzione Pubblica di Agrigento.  “E’ finita la favola della pretesa virtuosità della Società d’ambito che gestisce il servizio dell’igiene ambientale nella Città di Sciacca e in altri 16 Comuni – prosegue Iacono – i lavoratori annunciano una vasta mobilitazione e hanno dichiarato lo stato di agitazione per evitare che anche in questo ambito si ripetano i gravi disagi che subiscono i lavoratori e le popolazioni dei Comuni dell’Agrigentino. “ La FP CGIL chiede che vengano versate immediatamente le somme rimanenti ed avverte che se ciò non avvenisse proporrà alle altre Organizzazioni Sindacali di categoria, un calendario di  iniziative di lotta non escludendo la convocazione di uno sciopero in tutti i Comuni dell’ambito, al fine di sensibilizzare la Società e gli Enti interessati, ognuno per la propria competenza, ad attivarsi per la definitiva risoluzione del problema, per restituire la necessaria serenità ai lavoratori e alle loro famiglie.

Sono sbarcati questa mattina a Lampedusa i mezzi dei vigili del fuoco che saranno utilizzato per i lavori di ripristino e messa in sicurezza dei padiglioni del Centro di prima accoglienza di contrada Imbriacola distrutti da un incendio doloso appiccato nel settembre scorso da un gruppo di immigrati tunisini. La struttura, che potrà ospitare fino a un massimo di 300 immigrati rispetto ai 900 del passato, dovrà essere consegnata entro trenta giorni

Al via la seconda edizione del Master per “Ricercatore esperto di Nanotecnologie e Nanomateriali per i Beni Culturali” organizzato dall’ Università degli studi di Palermo e dal Polo Universitario della Provincia di Agrigento e coordinato dalla Prof.ssa Patrizia Livreri.
Dopo il successo della prima edizione, che ha visto gli interventi di professori  e specialisti settore, come Ulderico Santamaria, Direttore dei Laboratori Scientifici dei Musei Vaticani, di Marco Vittori Antisari, responsabile della “Unità Tecnica Tecnologie dei Materiali” dell’ENEA C.R. Casaccia,  di Piero Baglioni, Direttore del Consorzio inter-univeristario per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase e di Luigi Dei, docente di Chimica dei materiali presso l’Università degli Studi di Firenze, si sono aperte le iscrizioni per la seconda edizione.
Il master, si propone l’obbiettivo di formare nuove figure professionali con competenze interdisciplinari nell’ambito delle nanotecnologie applicate alla conservazione, valorizzazione e gestione dei Beni Culturali, con strumenti di ultima generazione per la creazione di un esperto altamente specializzato in un settore trainante per l’economia della Regione Siciliana quale la gestione del Patrimonio culturale.
Al termine delle lezioni frontali, sono previste attività di tirocinio presso aziende altamente qualificate nel settore sia italiane che estere. Il master è rivolto a chi è in possesso di una laurea vecchio ordinamento, specialistica o magistrale, in discipline tecnico scientifiche (Chimica, Fisica, Ingegneria, Architettura, Scienza dei Materiali, o affini) coerenti con l’ambito d’intervento del master, rilasciata da un’Università italiana o titolo equipollente.
La domanda dovrà essere consegnata alla Segreteria del Polo Universitario di Agrigento, sita in via Quartararo n. 6 ad Agrigento entro le ore 13:00 del giorno 23/04/2012. 
E’ possibile reperire il bando e la documentazione varia sul sito del master www.masternanotechag.it oppure sul sito del Polo di Agrigento www.uniag.it oppure sul sito dell’Università di Palermo www.unipa.it
La partecipazione al master è totalmente gratuita.

L’amministrazione comunale informa che sul sito istituzionale www.comune.agrigento.it, alla pagina iniziale, è pubblicato il bando di gara privata per giovani imprenditori promosso da “Villaseta srl”, società promotrice del centro commerciale “Città dei Templi”.
Si tratta di un progetto imprenditoriale che prevede la realizzazione di un’attività commerciale all’interno del suddetto centro che aprirà ad Agrigento entro l’estate 2012.
Al vincitore verrà offerto per un anno gratuitamente (senza costi di affitto e spese comuni) un ramo d’azienda insistente su un locale di circa 70 mq (tra area vendita e magazzino) all’interno del centro.
Il candidato dovrà presentare, a pena di esclusione, la domanda di partecipazione in un’unica busta chiusa che dovrà essere inviata a mezzo posta raccomandata a/r e dovrà essere recapitata entro le ore 18 del 19.05.2012 all’indirizzo postale “Villaseta Srl”, via Anton Cechov 48, 20151 Milano.
 

Dopo l’ultimazione dei lavori che hanno interessato la via Esseneto, al fine di consentire agli utenti di raggiungere la citata via in modo agevole per quanti provengono dalle diverse direzioni della piazza Marconi, il Sindaco, ha ritenuto opportuno attivare il doppio senso di circolazione dalla stessa piazza Marconi fino all’intersezione con la via Esseneto.
Pertanto, con apposita ordinanza, dall’apposizione della segnaletica che avverrà entro sabato la circolazione nelle suddette vie sarà regolamentata come segue: nella via Acrone viene istituito il doppio senso di circolazione dall’intersezione con via Esseneto fino a piazza Marconi, osservando in uscita la direzione obbligatoria per via Crispi; nel tratto tunnel Piedigrotta-intersezione via Esseneto, viene confermato il senso unico di marcia.
Inoltre, quanti provengono dal parcheggio attiguo ai binari ferroviari e dall’Istituto “Pirandello”, prima di immettersi nel flusso veicolare, devono dare precedenza. La nuova disposizione impone, altresì, il divieto di sosta permanente con rimozione forzata in ambo i lati. Sono, infine, revocati gli stalli di sosta per le autovetture sulla via Acrone.

Si è costituito ieri  il comitato pro Fondazione di Arte moderna e contemporanea al Palazzo Tomasi che prende le mosse da un’iniziativa di Nello Basili, presidente del Centro Studi Erato di Agrigento.
Il Comitato si propone di sollecitare la creazione di un polo espositivo d’eccellenza per l’arte moderna e contemporanea nel centro storico di Agrigento. Il nucleo di tale pinacoteca dovrebbe essere la cllezione privata di un noto professionista agrigentino che, disponibile a metterla a disposizione della città, ha invece già ricevuto altre proposte in tal senso da altre amministrazioni interessate.
In questi giorni la questione è stata alla ribalta della cronaca ed il sindaco uscente, Marco Zambuto, ha dato ampia disponibilità, ma ovviamente a questo punto si attendonde l’esito delle ormai imminenti elezioni e un impegno simile si auspica anche da parte degli altri candidati. Il neonato Comitato Fondazione di Arte moderna e contemporanea al Palazzo Tomasi ha già incassato il sostegno del Consorzio Turistico Valle dei Templi e del Distretto Turistico Valle dei Templi oltre che di quasi l’unanimità della cittadinanza e della cultura agrigentina.
Fra gli aderenti infatti figurano anche persone quali: Giada Attanasio e Francesco Novara per l’Associazione Koinè, Gaetano Pendolino per il Distretto Turistico, Paolo Pullara
per il Consorzio Turistico, Gigi Montalbano in rappresentanza delle guide turistiche, ed ancora, Gianni Provenzano, Franco Fasulo, Toto Cacciato, Angelo Pitrone, Lia Spallino, Enzo Bellomo, Avv.Troia, Mario Passarello, Antonella Lo Porto, Mario Trapani, Gaspare Agnello, Gaetano Licata, Giuseppe Agozzino, Annalisa Basili, Manuel Sciarratta e Giusy Michelon.

Sabato 21 aprile alle ore 10 al Giardino Patti di Porta di Ponte Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà – Federazione della Sinistra – Movimenti Civici hanno promosso un’iniziativa politica a sostegno del candidato sindaco di Agrigento, Giampiero Carta e della lista “Agrigento Bene Comune”. Alla manifestazione interverrà il Capogruppo di Idv al Senato, Felice Belisario.

“Dittologie Congelate”, edizioni Cerrito, è la seconda opera poetica di Federico Li Calzi, protagonista di un tour provinciale nelle diverse sale culturali, in un crescendo di sensibilità e curiosità da parte dei lettori. Dopo Agrigento, il secondo incontro si è svolto domenica pomeriggio a Grotte presso il Centro polifunzionale San Nicola, su iniziativa dell’ideatore del Premio di poesia “Nino Martoglio” Aristotele Cuffaro. Sala gremita ed applausi scroscianti sono stati chiari segnali di interesse e attenzione verso la produzione firmata Li Calzi. All’incontro dibattito sono intervenuti l’ assessore alla Cultura del Comune di Grotte Salvatore Rizzo e la Presidentessa del Lions Club Zolfare Giovanna Zaffuto, i quali non hanno mancato di rimarcare le capacità e il fervore culturale che a Grotte vedono protagonisti in prima linea i giovani. Aristotele Cuffaro, nei panni di moderatore, si è soffermato sulla difficoltà per un giovane d’ oggi di auto identificarsi, per via di quell’equilibrio messo a repentaglio dalla crisi attuale, non solo economica, denominandola “Fardello Giovanile”. Il racconto delle “Dittologie Congelate”, nel suo significato più intimo e complesso, è stato affidato al noto critico letterario e docente universitario Prof. Nuccio Mula, curatore della prefazione. Nel suo intervento, ha sottolineato il percorso di crescita poetico- letteraria dell’ autore, calamitando l’ attenzione del pubblico intervenuto.
“Nella conclamata impoeticità dell’oggi – dichiara il prof. Nuccio Mula – è veramente impagabile la soddisfazione di avere riunito più di cento persone, a Grotte, per l’incontro con l’Autore dedicato proprio ad un volume di liriche, ‘Dittologie Congelate’ di Federico Li Calzi, autore giovane ma già affermatosi in campo nazionale con la sua raccolta d’esordio, ‘Poetica Coazione’, e che sta bissando con questa nuova produzione il grande successo di critica e di fruitori. Un vero e proprio evento, quindi, ma non ‘più unico che raro’, come si suol dire, in quanto sono sicuro che anche gli altri appuntamenti in provincia previsti a breve termine avranno altrettanti consensi, così come quelli precedenti relativi sia a questa raccolta che alla precedente. In ogni caso, però, è ‘più unico che raro’ che sia un giovane autore emergente e non una firma affermata ad attestarsi a così alti e costanti livelli, e questa è un’ulteriore conferma della validità delle proposte editoriali di Federico Li Calzi che sta facendo veramente ‘storia’ nell’editoria non solo territoriale ma italiana – conclude Mula –“.
La lettura delle poesie è stata affidata a Salvatore Milano che con sentita interpretazione ha intervallato le interlocuzioni. Le conclusioni, come da programma sono state tratte dal giovane poeta canicattinese Li Calzi che ha ringraziato i partecipanti per la dimostrazione di affetto. “Ringrazio Aristotele Cuffaro per aver accostato la comunità grottese alla mia figura di scrittore ed alla mia opera – afferma Li Calzi – . Un sentito ringraziamento va anche al Prof. Mula che con grande dedizione segue le iniziative itineranti delle Dittologie Congelate, mettendo in luce sempre nuovi ed importanti aspetti del libro.” Particolarmente interessante il trasformismo, da Poetica Coazione a Dittologie Congelate, dei sentimenti, carichi di passione nel libro d’esordio che poi divengono congelati nel secondo. Simbolica, in tal senso, la scelta cromatica delle copertine, rossa quella di Poetica Coazione, di color ghiaccio per le Dittologie Congelate”.
Fotografo ufficiale della serata Angelo Anzalone

Quasi 20.000 piante distrutte dal 2005 al 2011: le cifre della devastazione arrecata dal Rynchophorus ferrugineus o Punteruolo rosso in Sicilia nel giro di soli 6 anni sono spietate, e non rappresentano che solo l’inizio di un ciclo che potrebbe portare alla totale scomparsa delle Palme in Sicilia e alla cancellazione di uno degli aspetti più peculiari del nostro paesaggio. E per definire un’azione unitaria di prevenzione e di lotta contro le infestazioni, ieri, su iniziativa della Provincia Regionale di Agrigento, si è svolta nell’aula convegni “Silvia Pellegrino” una riunione operativa con i rappresentanti di 20 dei 43 Comuni della provincia. Presenti alla riunione l’Assessore Provinciale al Territorio e Ambiente, Francescochristian Schembri, su delega del Presidente Eugenio D’Orsi, il funzionario tecnico responsabile del Giardino Botanico della Provincia, dr. Agr. Giovanni Alletto, il dr. Agr. Luigi Sicilia, dirigente tecnico responsabile dell’Unità Operativa n. 64 dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura (controlli fitosanitari e del settore vivaistico) e referente per l’emergenza Punteruolo rosso, e gli ispettori fitosanitari Salvatore Truncali e Pasqualino Lo Presti.
L’Assessore Schembri ha rimarcato l’importanza di questo incontro, voluto dalla Provincia, per affrontare un’emergenza che non è soltanto fitosanitaria ma anche economica, visto che la distruzione progressiva delle varie specie di Palme, oltre a causarne la scomparsa da giardini e parchi urbani, comporta costi notevoli per i privati e gli stessi Comuni per la rimozione e lo smaltimento del materiale vegetale dopo la morte delle piante attaccate dal parassita. Il dr. Alletto ha rilevato, con rammarico, che soltanto 20 Comuni hanno partecipato alla riunione, nonostante la rilevanza sociale ed economica di questa emergenza sul nostro territorio, ed il continuo e inarrestabile degrado del paesaggio e degli arredi urbani. L’emergenza è ormai sotto gli occhi di tutti, per cui è necessario portare a conoscenza delle amministrazioni i protocolli da seguire per il monitoraggio e la prevenzione.
Il dr. Sicilia ha offerto la massima collaborazione dell’Unità Operativa della Regione e al tempo stesso, nell’apprezzare l’iniziativa della Provincia, ha illustrato la normativa comunitaria, nazionale e regionale che rende obbligatoria la lotta al pericoloso parassita e i metodi di controllo e lotta, e soprattutto il piano d’azione regionale nei suoi vari aspetti. Molti Comuni sono già a conoscenza del grave problema, che riguarda anche l’incolumità fisica dei cittadini qualora, come avviene nella quasi totalità dei casi, le piante colpite si trovino in contesti urbani. In tutto sono 158 i Comuni siciliani nei quali il Punteruolo rosso ha causato gravi danni. “La strategia da seguire deve essere unitaria, come del resto contemplato dalla normativa, – ha chiarito – il rischio, gravissimo, riguarda nell’immediato le Palme ornamentali, ma in futuro, poiché si tratta di un parassita collocato al di fuori del suo ambiente naturale, nulla esclude che possa cambiare atteggiamento, attaccando anche piante di interesse agricolo. Con quali ulteriori conseguenze è facile da immaginare”.