Home / 2012 / Aprile (Pagina 13)

Continua con molta determinazione l’attività di controllo del territorio della Polizia Locale, protesa a garantire la sicurezza stradale per tutti gli utenti. I servizi hanno riguardato le aree della città a più elevato traffico veicolare, ed hanno riguardato le condotte indisciplinate aventi riflessi sulla sicurezza e incolumità pubblica:
Doppie e triple file al viale della Vittoria, invasione di auto in piazza Pirandello dinanzi il Palazzo comunale, intralci alla circolazione veicolare in via Imera, in via XXV Aprile, in via Manzoni, via Dante e nell’area intorno allo stadio, caos in piazza Rosselli e non rispetto del divieto di transito per auto e moto veicoli all’interno della stazione degli autobus, soste pericolose in prossimità di intersezioni.
Il rafforzamento dei servizi di pattuglia e la razionalizzazione dei turni di servizio, in aggiunta ad alcune innovazioni nella regolazione del traffico cittadino, hanno permesso di indirizzare i servizi repressivi verso le infrazioni macroscopiche del codice della strada costituenti causa di intralcio alla circolazione e di pericolo per l’utenza pedonale.
NUMERO VERBALI
Totale n. 1850
Quadro specifico delle piu’ comuni violazioni
SOSTA IN ZONA DISCO ORARIO, SOSTA IN DOPPIA FILA
SOSTA NELLO SPAZIO RISERVATO AGLI INVALIDI
SOSTA IN SPAZI RISERVATI AD ALTRE CATEGORIE DI UTENTI
SOSTA SUI MARCIAPIEDI
SOSTA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI
USO DEL TELEFONINO DURANTE LA GUIDA
Il comandante dice:
“Abbiamo preordinato
–         l’attenta e costante rilevazione delle infrazioni al codice della strada da parte di ciascun agente, con priorità a quelle che maggiormente incidono sulla sicurezza dei pedoni e sulla regolarità del traffico veicolare nelle aree più critiche;
 
–         particolare attenzione nel servizio di pattuglia in tutte le principali arterie di traffico e nelle intersezioni ove è più alta l’incidenza degli infortuni stradali.
 
Contro le condotte irresponsabili degli automobilisti che mettono a rischio l’incolumità degli utenti della strada, si deve essere inflessibili nel far rispettare la legge, agendo sempre con equilibrio, senza mai travalicare in atteggiamenti vessatori, ma nel pieno rispetto delle procedure di legge e con finalità educative!”
INFORTUNISTICA STRADALE
RILEVATI
N.22 INCIDENTI SENZA FERITI
N.12 INCIDENTI CON FERITI
 
EDILIZIA
CANTIERI CONTROLLATI N.33 ED IN 11 DEI QUALI SONO STATE RISCONTRATE IRREGOLARITA’. DI QUESTE, N. 6 IN ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO PAESAGGISTICO E N. 1 IN ZONA DI INEDIFICABILITA’ ASSOLUTA.
DUE IMMOBILI SOTTOPOSTI A SEQUESTRO.
IN PARTCOLARE SI SEGNALA L’OPERAZIONE CONDOTTA IN CONTRADA MADDALUSA OVE IN UN PRIMO BLITZ E’ STATO SCOPERTO E SEQUESTRATO UN IMMOBILE ABUSIVO  A TRE ELEVAZIONI DI CIRCA 170 MQ.
IN UN SECONDO BLITZ SULLO STESSO SITO E’ STATA TROVATA IN FLAGRANZA UNA SQUADRA DI OPERAI INTENTI A CONTINUARE LE OPERE DEL SUDDETTO IMMOBILE, QUNIDI CON VIOLAZIONE DEI SIGILLI, I QUALI SINO STATI IDENTIFICATI SUCCESSIVANEBTE IN QUANTO DATISI A PRECIPITOSA FUGA AL MOMENTO DELL’INTERVETO DEGLI AGENTI DEL NUCLEO ANTIABUSIVISMO, ABBONDONANDO EFFETTI PERSONALI SUL POSTI
 
NUCLEO PUBBLICA INCOLUMITA’
PERIDO DA 1 GENNAIO A 31 MARZO
ACCERTAMENTI EDILIZIA CENTRO STORICO N. 11
ACCERTAMENTI IMMOBILI NEL CENTRO STORICO PER PUBBLICA INCOLUMINTA’ N. 23
PERSONE SGOMBERATE DA ALLOGGI PER MOTIVI DI PUBBLICA INCOLUMITA’ N. 16
PERSONE DENUNCIATE ALL’AG. PER VIOLAZIONE LEGGE URBANISTICA N. 14

La candidata sindaco di Agrigento, Mariella Lo Bello, questa sera, a partire dalle ore 22, sarà a San Leone per incontrare i giovani avventori della frazione balneare. “Voglio incontrare i giovani agrigentini nei luoghi dove tradizionalmente si riuniscono nelle ore serali, per parlare con loro, conoscere i loro problemi ed individuare insieme le possibili soluzioni”, ha detto Mariella Lo Bello.
Anche il candidato sindaco Totò Pennica assieme ai candidati al consiglio comunale, amici e simpatizzanti si trasferiranno in piazzetta San Francesco, antistante il locale ‘Mojo’ per incontrare i giovani. La serata che avrà inizio alle ore 23,00 nasce dal desiderio di Pennica di trascorrere qualche ora in compagnia con i ragazzi, assicurando loro buona musica e qualche risata.  

Oggi, 24 Aprile 2012, a Monserrato (accanto al chiosco) il candidato sindaco di Agrigento Totò Pennica terrà un nuovo comizio. L’appuntamento è alle ore 19:00. A prendere la parola saranno alcuni candidati al Consiglio comunale delle liste che sostengono Totò Pennica (Epolis, Pdl, Grande Sud e Cantiere Popolare) in particolare quei candidati che vivono a Monserrato e che pertanto sono i primi conoscitori dei problemi di questo quartiere.

Si parlerà dei problemi legati al passaggio dalla Tv analogica a quella digitale, nel corso del Work Shop organizzato dal presidente della Provincia Regionale di Agrigento Eugenio D’Orsi e dal Corecom Sicilia, il Comitato per le Comunicazioni, organo di consulenza della Regione Siciliana e dell’Ars, che ha da tempo avviato iniziative per minimizzare l’impatto sui cittadini.
L’incontro è stato organizzato per venerdì prossimo, 27 aprile alle 15.30, nell’Aula Pellegrino di via Airone e sono stati invitati a parteciparvi i sindaci di tutti i Comuni dell’agrigentino, i rappresentanti dell’Upi, l’Unione delle Province, quelli dell’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni siciliani, dell’Ispettorato delle Comunicazioni, della Rai e di Rai Way.

“Quella di Mariella è stata una scelta di grande coraggio, perché ha lasciato il proprio percorso, ha messo da parte le proprie aspettative per mettersi al servizio della città. Lei sarà la svolta per Agrigento”.
 Dal deputato regionale dell’MpA Roberto Di Mauro arrivano sinceri attestati di stima nei confronti della candidata sindaco Mariella Lo Bello, impegnata in questi giorni al fianco dei candidati al Consiglio Comunale della propria coalizione. Ieri la candidata ha partecipato alla presentazione delle candidature di Renato Arcidiacono e Alfonso Vassallo, entrambi candidati nella lista dell’MpA.
 “Grazie a Mariella Lo Bello – sono parole di Roberto Di Mauro – questa città potrà vivere momenti esaltanti e potrà tornare ad essere governata con responsabilità e amore”.
 La candidata, dal canto suo, ha inviato cittadini e sostenitori a partecipare alle prossime elezioni rivendicando il proprio diritto al voto.
 “Dobbiamo assumerci la responsabilità di cambiare questa città. Non possiamo mollare e lasciare spazio a chi in questi anni ha solo preso da questo territorio senza dare mai. Agrigento ha bisogno di gente che se ne prenda cura con amore, e ogni voto che riusciremo a raccogliere è un passo avanti che compiamo verso questo obiettivo”, ha quindi concluso Mariella Lo Bello.

Sandro Ficarra, coordinatore provinciale del Movimento Nazionale Cristiano Liberale interviene sull’attuale convulso  momento politico vissuto dai partiti ma anche dalla popolazione:
“Il riassetto politico cui tende l’Italia, pone l’MNC in una posizione di riflessione, di meditazione, sulle strategie che i vari partiti stanno cercando di adottare per il riassetto dell’equilibrio democratico. C’è una grande tendenza all’intercettamento dei moderati e si cerca di proporre il nuovo. Ma la purificazione all’interno dei partiti sta avvenendo? Qual è il migliore servizio che si vuole offrire alla Nazione?Il fallimento della politica che ci ha consegnati al governo tecnico di Monti, con conseguenze di estremo rigore per le famiglie italiane, sta generando sfiducia e allontanamento dalla politica di tanti cittadini. Le ultime notizie di BANKITALIA indicano il debito pubblico ancora elevato nonostante il calo a 1928 miliardi, registrato nel mese di febbraio. Monti annuncia di volere tagliare la spesa di 25 miliardi ma dai dicasteri Difesa, Interno, Giustizia, Istruzione ed Esteri arriva un freno sul taglio ai loro bilanci (TGCOM 24) per il timore di non farcela. Il popolo sta facendo con spirito di sacrificio la sua parte, la politica dia lo stesso esempio. In questo palcoscenico del trasformismo sembra che non si vuole cambiare nulla. Emergono progetti di mutamento che mostrano l’ironico sorriso quando si leggono i nomi che da uno schieramento passano all’altro. Si propone “ il nuovo” cercando di riciclare “il vecchio”. Sempre gli stessi personaggi, le stesse facce, le stesse idee. Il popolo è stanco, vuole credere e sperare cercando di riconoscere il vero. La proposta del Movimento Nazionale Cristiano Liberale ai leader politici è di rinnovare i direttivi e liberarsi del vecchio. Il popolo vuole gente nuova, capace di determinare la svolta con maggiore equità sociale. Diamo sovranità al popolo che ha chiesto di ridurre la spesa del finanziamento ai partiti, aboliamo il numero delle provincie come si è sempre affermato, riduciamo gli stipendi che sono altissimi rispetto la media europea. Dalla purificazione delle nullità la politica acquisterà sicuramente maggior prestigio – conclude Ficarra -.”

“Il centrodestra, intendendosi per tale sia lo schieramento ex democristiano che fa capo a Zambuto, De Francisci, Calabrese, Falzone, sia l’altro schieramento, sempre ex democristiano che fa capo a Pennica, Capitano, Angelino Principato, Paolo Minacori, stanno provocando un notevole degrado in termini di vera e propria rissa tra loro in questa campagna elettorale”. Lo afferma in una nota il candidato sindaco di Agrigento, Giuseppe Arnone.
“Occorre – spiega Arnone – invertire la tendenza, e intendo utilizzare parole chiare per condannare gli eccessi dell’una e dell’altra squadra.  E in tale quadro, esprimo condanna per l’anonima aggressione subita da Angelino Alfano con un costoso volantino a colori, rigorosamente anonimo, che insulta Alfano definendolo “nemico di Agrigento”.  Alfano è il mio principale avversario, ed io sono da sempre il suo. Ma l’essere a capo degli opposti schieramenti, essere in democrazia antagonisti e avversari politici, portatori di idee diverse, non consente l’utilizzo di simili fascistoidi e vili sistemi. E’ indegno trincerarsi dietro l’anonimato per realizzare costosissime speculazioni aggressive di tale tenore.  Ma condanno anche la sfacciataggine dei manifesti e dei volantini del PDL, quelli con le immagini di Zambuto tra i cassonetti dell’immondizia, con le immagini del centro storico crollato, con le immagini del mare con le bolle.  Il PDL tende a scaricare su Zambuto colpe che in larga parte, addirittura maggioritaria, sono del PDL medesimo e dei suoi uomini. E su questo torneremo tra breve. Ma ciò che è più comico è che il PDL, l’on. Alfano, il candidato Pennica dimenticano che Zambuto e Alfano hanno governato strettamente abbracciati dal febbraio 2008 alla fine del 2011, cioè per quasi quattro anni. E Zambuto ha nominato, anche su indicazione di Alfano, assessori importanti come Buscaglia, Iacono, Putrone e Sciortino. Quest’ultimo, addirittura, è stato nominato nell’agosto 2011, nel corso della riunione nella villa estiva di Alfano”.
“Zambuto e Alfano, – continua – adesso, appaiono come due amanti che se ne dicono – con scarso equilibrio e serenità – di tutti i colori.  Se il centro storico è a pezzi, le principali responsabilità, in modo addirittura trasbordante, ricadono sulle amministrazioni Sodano e Piazza, fortemente ispirate dai berlusconiani, da Alfano e dallo stesso Salvatore Iacolino, ieri assessore con Sodano, oggi big sponsor di Pennica tanto da piazzare in giunta la nipote, perpetuando una “brillante” tradizione familiare. Lo stesso può dirsi per i problemi del mare e della depurazione, incancrenitisi grazie all’asservimento di Sodano, Piazza e dell’alfaniano Claudio Lombardo ai desiderata della lobby del Villaggio Peruzzo. Tema, quello della depurazione, sul quale Pennica continua a mantenere fortissima ambiguità.  Per quanto riguarda l’immondizia, lì forse le colpe vanno ripartite equamente. Lo storico buco dell’ATO Gesa e il disastro delle tariffe e del sistema fiscale del Comune di Agrigento, va attribuito largamente e storicamente ai berluscones locali, di cui è parte Sodano. I danni economici dagli appalti truccati, denunziati solo da Arnone e Legambiente, li viviamo ancora oggi.  Però qui Zambuto ha messo il “carico da 11”, con l’ulteriore assunzione, da lui pretesa e ottenuta, di 50 operai “fuori previsione”, assunzione che sta alla base dell’odierno disastro dei conti e delle relative proteste”.
 “Questa campagna elettorale – conclude – ci consente di rimarcare le differenze di una proposta politica, la nostra, tutta di merito, che si fonda sulla messa al bando delle pulcinellate, degli scaricabarile e degli incompetenti nei posti di responsabilità. Affronteremo e risolveremo, con una serietà che spesso è mancata in passato, le vere grandi questioni che affliggono gli agrigentini, restituendogli dignità e diritti.”

Lo stato dell’arte del turismo, motore (in avaria) dell’economia agrigentina, e la salute (precaria) del commercio sono stati al centro del dibattito fra i rappresentanti di Federalberghi e Confcommercio ed il candidato sindaco di Agrigento, Totò Pennica. L’incontro con i vertici delle associazioni di categoria, rispettivamente Francesco Picarella e Filippo Danile si è tenuto ieri pomeriggio, nei locali della Confcommercio, alla presenza di vari operatori turistici. E’ un interessante, in quanto propositivo, scambio di idee sui fronti turismo e commercio, di vitale importanza per una città come Agrigento priva di anima industriale.
Non ho la ricetta per risolvere tutti i problemi di Agrigento, ma certamente voglio introdurre per la prima volta il metodo della concertazione. Pubblico e privato devono coesistere nella progettualità – dice Pennica .”
Le proposte avanzate dal candidato sindaco per una rinascita del comparto turistico alberghiero non mancano e sono fattibili:
–          Valorizzazione, promozione e diffusione del brand “Valle dei Templi
–          Creazione di un marchio di qualità da rilasciare alle strutture alberghiere che si conformeranno a un sistema di qualità dell’ospitalità di cui il Comune si fa garante
–          Promuovere la diffusione del sistema dell’albergo diffuso e del suo standard di qualità
–          Allestimento di una segnaletica turistica, regolamentando quella delle strutture alberghiero – ricettive  
–          Rivedere gli orari delle corse della Tua ed istituire servizi di bus navetta per i turisti
–          Valorizzare la Via Atenea, lanciando un concorso di idee
–          Costruire un evento unico al mondo sfruttando a pieno le peculiarità, ad esempio gastronomiche, di Agrigento
–          Rivedere la gestione (ad oggi improduttiva) del Palacongressi del Villaggio Mosè per l’avvio del turismo congressuale
–          Promuovere il turismo della terza età e della “non autosufficienza”
Domanda particolarmente sentita dagli albergatori è stata quella su Imu e tassa di soggiorno. Pennica: “Sono contrario alla tassa di soggiorno per i turisti, perché lo ritengo un balzello oneroso. Piuttosto baderei a innalzare il livello qualitativo dell’ospitalità ricettiva delle strutture. Per quanto riguarda l’Imu, tale imposta deve essere pagata e regolamentata, alleggerendo nella misura in cui è possibile, il carico al cittadino.”
Per quanto riguarda l’introito dei ticket d’ingresso alla Valle dei Templi,  a detta del candidato sindaco Totò Pennica, esso va reinvestito a favore esclusivamente del turismo, per come previsto dalla legge e non per realizzare eventi, che programmati all’ultimo momento, non recano alcun beneficio al territorio. Un esempio? La Sagra del Mandorlo in Fiore, ridotta a festa di paese e non ad occasione di vera promozione turistica.  
Pennica: “La sagra è una festa storica che appartiene agli agrigentini, ma va programmata dal punto di vista dei fondi e dell’organizzazione un anno prima, arrivando al mese  di febbraio con un programma perfetto.”  Purtroppo eventi ed attività in questi 5 anni di amministrazione si sono caratterizzati per la totale assenza di programmazione e di un “Piano economico programmato”. Da qui l’idea del candidato sindaco Totò Pennica, se verrà eletto, di istituire un Ufficio Programmazione, diverso dall’ufficio tecnico e dalle sue incombenze. Il primo infatti si occuperebbe delle attività a lungo termine, mentre il secondo dell’ordinario e di ciò che è eseguibile nell’immediato.
Altro obiettivo per il candidato sindaco Totò Pennica sarà la valorizzazione e promozione del patrimonio archeologico della Valle dei Templi, all’interno di un sistema territoriale\paesaggistico (Scala dei Turchi, Giallonardo etc) e monumentale più ampio. Occorre aprire al visitatore Beni prestigiosi della città che allo stato attuale risultano fruibili in orari non compatibili al turista: dal Teatro comunale Luigi Pirandello, alla Chiesa di Santa Maria dei Greci ed ancora valorizzare i tesori della Biblioteca Lucchesiana.

Sabato prossimo 28 aprile alle ore 19.00, piazza Cavour si tingerà di arancione. Un grande palco accoglierà i candidati della lista di Grande Sud ed i dirigenti del partito tra musica ed intrattenimento. Previsti gli interventi del leader di Grande Sud, l’On. Michele Cimino, del candidato sindaco l’Avv. Salvatore Pennica. Condurrà la serata lo scrittore Cesare Sciabarrà. Gli amici, i simpatizzanti e la cittadinanza tutta – si legge in una nota – sono  invitati  a partecipare alla festa della Città che vuole cambiare volto