Home / 2012 / Aprile (Pagina 10)


”Mi dimettero’ prima del verdetto, sia di assoluzione o di condanna”. Lo ha affermato il governatore della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, che sta riferendo all’Assemblea regionale sul suo caso giudiziario. ”Sappia quest’aula – ha aggiunto – che non esiste un solo video, ne’ un contatto illecito, ne’ una relazione di servizio, non una telefonata, ne’ un solo fatto, ne’ uno scambio, non un procurato vantaggio che mi possa legare al cimine organizzato”.

Risultati e classifica 29° giornata – Girone A
 Akragas – Parmonval 4-0
Kamart – Terrasini 3-0
Palermitana – Audace Monreale 0-6
Valderice – S. G. Gemini 2-3
Alcamo – Castellamare 0-0
Mazara – Sancataldese 1-0
Atl. Campofranco – Folgore 2-1
Riviera Marmi – Ribera 3-3
 Classifica
Ribera 67
Alcamo 58
Akragas 57
Atl. Campofranco 55
Kamarat 54
Riviera Marmi 45
Audace Monreale 44
Sancataldese 43
Mazara 42
Valderice 40
S. G. Gemini 34
Parmonval 33
Castellamare 31
Folgore 26
Terrasini 13
Palermitana 6

Domani, giovedi’ 26 aprile, ad Agrigento, alle ore 18, si riunira’ il Consiglio provinciale convocato dal presidente, Raimondo Buscemi. Nel corso della seduta, che si svolgera’ presso l’ aula Silvia Pellegrino, in via Acrone, saranno affrontati 8 punti all’ordine del giorno tra cui la relazione del presidente D’Orsi del primo semestre 2011 e la proposta di modifica della deliberazione del Consiglio provinciale per l’approvazione del nuovo schema dello statuto del Consorzio universitario in riferimento, tra l’altro, alla riduzione del numero dei componenti del Consiglio di amministrazione.

“Nessun comizio, ma una occasione utile per incontrare i giovani agrigentini, lontano da microfoni e telecamera, in una normale serata  primaverile”. La candidata sindaco di Agrigento, Mariella Lo Bello, ieri sera ha voluto incontrare i giovani avventori della frazione balneare di San Leone per ascoltare le loro proposte e condividere con loro il sogno di una Agrigento normale. Niente birre, al massimo qualche gelato, e tanta voglia di stare in mezzo alla gente e ai ragazzi.
“Non credo – è il commento di Mariella Lo Bello – alle iniziative mirate al tentativo di svecchiare i candidati, nel tentativo di farli apparire simpatici agli occhi dei cittadini. Io sono cresciuta nelle piazze, ho lottato per strada con i lavoratori, con i precari, con i disoccupati e con i giovani. Per me incontrarli, e ascoltarli, rappresenta la normalità. A loro ho voluto dare coraggio, spronandoli a guardare al voto non come merce di scambio con una politica clientelare e mafiosa che da anni infesta questa terra, ma come al più alto dovere e al contempo sacro diritto di ogni cittadino”.
“Il non voto, o un voto dato in attesa che il “don” di turno ci garantisca un posto, è cedere terreno a chi non vuole la crescita di questa terra, a chi ha sfruttato la nostra Agrigento, prendendo senza dare mai”, ha concluso Mariella Lo Bello.

E’ stata conferita allo scrittore Matteo Collura la cittadinanza onoraria del Comune di Cefalù. A conferirla il sindaco Giuseppe Guercio. Matteo Collura (Agrigento 1945) è autore, tra le altre cose, del Maestro di Regalpetra – Vita di Leonardo Sciascia che tanto successo ha riscosso in Italia e all’estero. A Sciascia ha dedicato anche Alfabeto eretico. Ha pubblicato, fra l’altro Eventi – Il racconto dell’Italia del Novecento e Associazione indigenti. Giornalista culturale del Corriere della Sera, vive a Milano.


Da giovane donna e mamma che ama profondamente Agrigento, dopo varie sollecitazioni, ho deciso di spendermi in questa campagna elettorale.
Mi sono schierata con il Patto per il Territorio perché ritengo sia il fondatore Riccardo Gallo, sia il movimento, una base interessante per chi si affaccia alla politica dal basso.
Sono stata sempre vicino al mondo dello sport per i miei trascorsi agonistici, ritenendo questo settore poco attenzionato dalla politica, ecco perché spero che attraverso la mia elezione al consiglio comunale di Agrigento possa cambiare qualcosa per i tanti giovani che trovano una città accogliente per chi pratica l’attività sportiva.
Sicuramente si può e si deve fare di più, il Palazzetto di Piazzale Ugo La Malfa è una struttura che non può andare al macero, l’opera deve essere chiusa al più presto.
Sul parco del Mediterraneo di Villaseta si devono intercettare fondi per il totale recupero di un’area di importanza strategica per la frazione e l’intera città.
Infatti il recupero della piscina comunale è stato un momento di crescita per la comunità.
Sui campetti di San Leone bisogna ripristinare, le strutture ormai obsolete, il Sindaco Zambuto mi ha rassicurato che nella prossima legislatura, queste opere diventeranno primarie nell’azione di governo.
Io voglio lasciare anche in politica, l’impegno costante che ho dedicato allo sport, il Patto per il territorio è proprio il movimento che agevola questo tipo di metodologie politiche.

La sezione prima della Corte d’Appello di Palermo (presidente Gianfranco Garofalo, consiglieri Adriana Piras e Antonina Pappalardo) ha assolto l’ing. Francesco Vitellaro dall’accusa di abuso di ufficio. In  pratica la Corte ha confermato la sentenza di primo grado emessa il 21 luglio 2010. Il processo è quello meglio noto come “Timpa dei palombi”  relativo a presunte lottizzazioni abusive che aveva in origine quarantaquattro imputati che sono stati tutti assolti (tra assoluzioni e prescrizione). Solo l’ing. Vitellaro aveva rinunciato alla prescrizione lasciandosi processare perché convinto della propria innocenza. E i risultati si sono visti: assolto nel merito e senza beneficiare della prescrizione. Nel processo odierno, va detto che la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura di Agrigento, rappresentata da Lucia Brescia, mentre ha assolto nel merito il professionista dato che Legambiente, assistita dall’avv. Giuseppe Arnone, che aveva denunciato il caso, si è costituita parte civile ed ha presentato ricorso avverso l’assoluzione di Vitellaro. Per questa ragione la Corte d’Appello ha disposto  la condanna della parte civile al pagamento delle spese processuali che vanno aggiunte a quelle già indicate nella sentenza di primo grado. Un ulteriore aggravio di 2000 euro più Iva e Cpa – si legge nel dispositivo – anche per le ulteriori spese affrontate da Vitellaro. Adesso si apre un nuovo contezioso, questa volta in sede civile con la richiesta di risarcimento del danno già preannunciata dal professionista che oggi è stato rappresentato in udienza dall’avv. Mauro Mellini (l’altro difensore è l’avv. Antonino Gaziano). (da grandangoloagrigento.it)

Il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, domani sarà in Sicilia per partecipare ad un tour elettorale in vista delle prossime elezioni amministrative del 6 e 7 maggio.  Alle ore 10.00 sarà ad Agrigento, dove parteciperà ad un’ iniziativa pubblica, presso il “Giardino Patti Porta di Ponte”, piazza Aldo Moro, per sostenere la candidatura a sindaco di Giampiero Carta  ed i candidati della lista “Agrigento Bene Comune”L’on Di Pietro sarà accompagnato dal coordinatore Regionale Senatore Fabio Giambrone  e sarà Presentato dal candidato sindaco Giampiero CARTA e dal segretario provinciale Nello Hamel.

Domani  la Comunità di Realmonte festeggia i 100 anni della signora Nunziata Burgio. Al pomeriggio è prevista la celebrazione di una Messa presso la Chiesa Madre e a seguire, in via Recinto, nel centro del paese, la centenaria verrà festeggiata nella piazzetta sotto casa con la tradizionale torta dalle cento candeline. Per l’occasione il sindaco di Realmonte, Piero Puccio consegnerà una targa a ricordo della giornata. Realmonte ancora una volta si conferma paese di centenari: entro la fine del 2012 ne verranno festeggiati altri due mentre il prossimo 28 Ottobre  la signora Raimonda Gatto compirà ben 101 anni e il giorno dopo, 29 Ottobre a compiere 103 anni sarà Alfonso Cottone, in assoluto l’uomo più anziano di Realmonte e forse anche dell’agrigentino. Per ognuno di questi centenari o ultracentenari, l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Piero Puccio ha in programma l’organizzazione di una serie di grandi festeggiamenti.   


Sbarco all’alba a Palma di Montechiaro, dove un gruppo di nordafricani e’ arrivato dopo che la piccola imbarcazione sulla quale viaggiava si e’ arenata sulla spiaggia. Una quindicina di sedicenti tunisini sono poi stati bloccati dalla polizia in contrada Castellazzo. Sono in corso le ricerche di altri migranti che si sarebbero allontanati subito dopo l’approdo. Ieri a Linosa erano approdati altri 78 nordafricani.