Home / Agrigento  / Lampedusa. Stop ai voli aerei: interventi Fontana e Bosco
   

Lampedusa. Stop ai voli aerei: interventi Fontana e Bosco

 

“La sospensione dei voli da e per Lampedusa a partire dal prossimo 5 maggio  rappresenta un fatto di una gravità eccezionale e conferma lo stato comatoso in  cui versa la Regione siciliana a causa della fallimentare esperienza di governo del presidente Lombardo. La mancanza di collegamenti aerei rischia di assestare un colpo mortale all’economia dell’isola di Lampedusa proprio alla vigilia della stagione estiva,  nel momento in cui gli operatori turistici contano di rifarsi dopo i risultati
deludenti della scorsa estate, a causa dei continui sbarchi di clandestini e  della perenne emergenza legata alla gestione dei centri accoglienza, che  avevano tenuto lontano i turisti. Tenuto conto che dal 5 maggio saranno sospesi i collegamenti di Meridiana, e  l’isola sarà raggiungibile soltanto in traghetto, considerato che la Regione  Siciliana non è nelle condizioni di garantire alcuna iniziativa idoneaa  sbloccare la situazione occorre un intervento immediato del Governo nazionale  per garantire la continuità di un servizio fondamentale a presidio di una  tratta sociale e per consentire anche lo svolgimento del turno elettorale delle  amministrative di maggio”. Lo afferma in una nota il deputato nazionale del Pdl, Vincenzo Fontana.
 “La notizia del disimpegno di MeridianaFly nel garantire il collegamento aereo con l’Isola di Lampedusa getta nello sconforto una comunità che, dopo le drammatiche vicende degli sbarchi, cerca di ricostruire l’economia dell’Isola”. Lo dice Nino Bosco – coordinatore provinciale del Pdl ad Agrigento e parlamentare all’ARS – dopo aver appreso che la compagnia aerea ha valutato insufficienti i 10 milioni di euro garantiti dal governo nazionale per preservare i collegamenti con la Sicilia e il territorio nazionale. “Il governo regionale resta in silenzio – sottolinea Bosco – di fronte all’ennesima drammatica notizia che accresce le difficoltà per i lampedusani che attendono l’avvio della stagione turistica per ridare ossigeno all’economia di Lampedusa. I tour operator sono nel panico, ma il governo di Lombardo non ha reso neppure una dichiarazione di solidarietà per Lampedusa e i suoi cittadini. Ritengo che da un governo regionale maestro di “esercizi provvisori” e leggi finanziarie impugnate dal Commissario dello Stato non ci si possa aspettare più di tanto, ma è certo che la dismissione della tratta aerea che collega Lampedusa significherà gettare nell’isolamento totale una parte importante del nostro territorio. Da subito – conclude – insieme ai colleghi parlamentari del PDL annuncio la presentazione di un’atto ispettivo con carattere d’urgenza che alla ripresa dei lavori assembleari, il 9 maggio prossimo, verrà posto all’ordine del giorno”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO