Home / Agrigento  / Amministrative, Arnone: zambutiani e alfaniani giocano a scaricabarile

Amministrative, Arnone: zambutiani e alfaniani giocano a scaricabarile

“Il centrodestra, intendendosi per tale sia lo schieramento ex democristiano che fa capo a Zambuto, De Francisci, Calabrese, Falzone, sia l’altro schieramento, sempre ex democristiano che fa capo a Pennica, Capitano, Angelino Principato, Paolo Minacori, stanno provocando un notevole degrado in termini di vera e propria rissa tra loro in questa campagna elettorale”. Lo afferma in una nota il candidato sindaco di Agrigento, Giuseppe Arnone.
“Occorre – spiega Arnone – invertire la tendenza, e intendo utilizzare parole chiare per condannare gli eccessi dell’una e dell’altra squadra.  E in tale quadro, esprimo condanna per l’anonima aggressione subita da Angelino Alfano con un costoso volantino a colori, rigorosamente anonimo, che insulta Alfano definendolo “nemico di Agrigento”.  Alfano è il mio principale avversario, ed io sono da sempre il suo. Ma l’essere a capo degli opposti schieramenti, essere in democrazia antagonisti e avversari politici, portatori di idee diverse, non consente l’utilizzo di simili fascistoidi e vili sistemi. E’ indegno trincerarsi dietro l’anonimato per realizzare costosissime speculazioni aggressive di tale tenore.  Ma condanno anche la sfacciataggine dei manifesti e dei volantini del PDL, quelli con le immagini di Zambuto tra i cassonetti dell’immondizia, con le immagini del centro storico crollato, con le immagini del mare con le bolle.  Il PDL tende a scaricare su Zambuto colpe che in larga parte, addirittura maggioritaria, sono del PDL medesimo e dei suoi uomini. E su questo torneremo tra breve. Ma ciò che è più comico è che il PDL, l’on. Alfano, il candidato Pennica dimenticano che Zambuto e Alfano hanno governato strettamente abbracciati dal febbraio 2008 alla fine del 2011, cioè per quasi quattro anni. E Zambuto ha nominato, anche su indicazione di Alfano, assessori importanti come Buscaglia, Iacono, Putrone e Sciortino. Quest’ultimo, addirittura, è stato nominato nell’agosto 2011, nel corso della riunione nella villa estiva di Alfano”.
“Zambuto e Alfano, – continua – adesso, appaiono come due amanti che se ne dicono – con scarso equilibrio e serenità – di tutti i colori.  Se il centro storico è a pezzi, le principali responsabilità, in modo addirittura trasbordante, ricadono sulle amministrazioni Sodano e Piazza, fortemente ispirate dai berlusconiani, da Alfano e dallo stesso Salvatore Iacolino, ieri assessore con Sodano, oggi big sponsor di Pennica tanto da piazzare in giunta la nipote, perpetuando una “brillante” tradizione familiare. Lo stesso può dirsi per i problemi del mare e della depurazione, incancrenitisi grazie all’asservimento di Sodano, Piazza e dell’alfaniano Claudio Lombardo ai desiderata della lobby del Villaggio Peruzzo. Tema, quello della depurazione, sul quale Pennica continua a mantenere fortissima ambiguità.  Per quanto riguarda l’immondizia, lì forse le colpe vanno ripartite equamente. Lo storico buco dell’ATO Gesa e il disastro delle tariffe e del sistema fiscale del Comune di Agrigento, va attribuito largamente e storicamente ai berluscones locali, di cui è parte Sodano. I danni economici dagli appalti truccati, denunziati solo da Arnone e Legambiente, li viviamo ancora oggi.  Però qui Zambuto ha messo il “carico da 11”, con l’ulteriore assunzione, da lui pretesa e ottenuta, di 50 operai “fuori previsione”, assunzione che sta alla base dell’odierno disastro dei conti e delle relative proteste”.
 “Questa campagna elettorale – conclude – ci consente di rimarcare le differenze di una proposta politica, la nostra, tutta di merito, che si fonda sulla messa al bando delle pulcinellate, degli scaricabarile e degli incompetenti nei posti di responsabilità. Affronteremo e risolveremo, con una serietà che spesso è mancata in passato, le vere grandi questioni che affliggono gli agrigentini, restituendogli dignità e diritti.”

10 COMMENTI
  • Avatar
    Il Puparo 24 Aprile 2012

    Ma caro Peppe Arnone, sbaglio o Sodano è stato eletto nelle liste del (CCD, CDU,Biancofiore) partito poi diventato UDC? E allora perchè vuoi fare ricadere le colpe di Sodano su Alfano e non su Casini che oggi sostiene Zambuto. Vorrei proprio capirlo!

  • Avatar
    Umberto 24 Aprile 2012

    Se Zambuto ha gli attributi deve dichiarare che nei 5 anni Arnone o chi x lui non entrerà in giunta … Lo voglio sentire prima del primo turno !!!!!

    • Avatar
      antonio 24 Aprile 2012

      Concordo e penso che non lo farà percè c’è sempre qualcosa tra loro

      • Avatar
        philips 25 Aprile 2012

        Concordo pienamente, e per essere più precisi sono sicuro che ciò avverrà, il flirt è troppo chiaro

    • Avatar
      Umberto 25 Aprile 2012

      Immaginate i prossimi 5 anni… Zambuto – Gallo – Macedonio – La Russa – Arnone e Passarello …. E nooooooooo

  • Avatar
    Valentina 24 Aprile 2012

    Sodano non è Alfano…e tanto non lo è che sostiene la Lo bello…di che parla Arnone???

  • Avatar
    gerlando m 24 Aprile 2012

    ” stanno provocando un notevole degrado in termini di vera e propria rissa ” Egr,avvocato proprio lei parla di rissa?————- “Affronteremo e risolveremo, con una serietà che spesso è mancata in passato, le vere grandi questioni che affliggono gli agrigentini, restituendogli dignità e diritti.” COME ? CI PARLI DEL SUO PROGRAMMA SE CE L’HA E COME INTENDE REALIZZARLO…

  • Avatar
    MANLIO OTTAVIANO 24 Aprile 2012

    Quanti e quali candidati sindaci saranno dichiarati OSTAGGI al ballottaggio?

  • Avatar
    LUigi 25 Aprile 2012

    ch buffonate…ricordo caro arnone che proprio tu sei colui che diffama e denigra..tu sei quello che ha fatto vedere le immagini prima di zambuto poi del Pdl con la spazzatura sotto….ci vuole proprio COERENZA……scommetto che non arrivi neanche al primo turno e ti allei nuovamente cn Zambuto magari per qualche assessorato

  • Avatar
    Francesca 25 Aprile 2012

    Arnone è vero che parla, attacca ma firma le proprie accuse, che nel 99% dei casi ha avuto ragione. Oggi la verità dei volantini sulle richieste non ascoltate fanno male agli alfaniani. Nessuno può negare che l’attuale sindaco, dopo una breve parentesi con il centro sinistra, è andato, convinto di fare il bene della propria città, a chiedere al ministro.All’epoca sia al governo nazionale che al governo regionale,e da tempo, vi era il governo berlusconi, che sappiamo bene gli sviluppi che ha fatto. Nel contempo che scrivo, in tv ci sono spot ed uno mi ha colpito. Un esponente del PDL parla del vicino sindaco di Porto Empedocle, che è dell’UDC e che ha saputo amministrare, al contrario del sindaco di Agrigento che non ha saputo farlo. La sig.ra omette che i finanziamenti a Porto Empedocle, arrivano dalle misure compensative per il rigassificatore. Rigassificatore che sarà il tappo al futuro di Agrigento.

POSTA UN COMMENTO