| | 6 views |

Viabilità delle strade provinciali a Racalmuto: il sindaco incontra i vertici dell’Assessorato Regionale Infrastrutture

Buone notizie dall’Assessorato Regionale Infrastrutture:  la messa in sicurezza del ponte di c.da Malati, ristretto ad una carreggiata da oltre due anni, rientra tra le opere finanziate.

Si attende la firma dell’Accordo di Programma Quadro da parte del Governo Nazionale e il progetto esecutivo di 200.000,00 euro sarà appaltato dal Libero Consorzio di Agrigento.  E’ quanto è emerso nel corso di una lunga riunione richiesta dal Sindaco di Racalmuto Avv. Emilio Messana e promossa dall’Assessore Regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio – che ha voluto seguire personalmente l’incontro – per le condizioni delle strade provinciali che collegano Racalmuto a Montedoro e a Milena. Presenti anche l’Ingegnere Di Carlo del Libero Consorzio di Agrigento, l’Ingegnere Vincenzo Falletta dirigente regionale delle Infrastrutture Viarie e il consigliere comunale Arch. Angelo Di Vita. “Siamo soddisfatti per la conferma del finanziamento della messa in sicurezza del cavalcavia – dichiara il sindaco di Racalmuto Emilio Messana- ma rimangono le emergenze delle due strade provinciali che collegano Racalmuto con il versante nisseno. Per la strada provinciale 14 Racalmuto –  Montedoro, in pessime condizioni e chiusa al transito, il Libero Consorzio sta predisponendo un progetto esecutivo di quasi due milioni di euro e valuterà di intervenire  nei tratti maggiormente disastrati e colpiti da fenomeni franosi. La strada Racalmuto – Milena, che conduce alla miniera di salgemma e allo stabilimento dell’Italkali, nel tratto che ricade nel territorio di Racalmuto, non è strada provinciale, pur avendone le caratteristiche. Occorrerà trasferirla al Libero Consorzio. L’UTC ha predisposto un computo metrico dei lavori per sistemare la strada che ammonta a 800.000,00 euro, E’ una cifra improponibile per le casse comunali e stiamo lavorando – nell’attesa di poterla trasferire al Libero Consorzio che vive una lunga stagione di commissariamento che ne condiziona le funzioni e l’azione –  per individuare gli interventi strettamente necessari a metterla in sicurezza. Il raddoppio della ss 640, che sarà completato nel 2018, rende possibile e concreta l’idea di realizzare un’importante infrastruttura viaria che possa immettere direttamente i paesi del vallone nisseno nella 640 e da lì nei due comuni capoluogo e nell’aeroporto di Fontanarossa.  E’ un investimento strategico per il nostro territorio, necessario per mettere in collegamento paesi ed economie ad oggi isolati.

Tags:

Commenti chiusi