| | letto 48 volte |

Uil Agrigento.Gero Acquisto:”Agrigento non può e non deve restare una Provincia di serie B,si pongano dei rimedi”

Gero Acquisto segratario provinciale della Uil agrigentina interviene dopo l’infausta giornata di oggi che ha devastato e isolato gran  parte del territorio e creato seri  disagi alle comunità della nostra provincia, per le piogge cadute soprattutto sul versante ovest dell’agrigentino,(Ribera-Sciacca-Menfi).

“Un’altra giornata difficile e caotica per la provincia di Agrigento per le condizioni atmosferiche e la pioggia che ha causato purtroppo ulteriori danni,soprattutto a campagne, strade,abitazioni e a strutture ricettive risparmiando fortunatamente i cittadini.E’ chiaro che l’allarme meteo e il sistema degli inteventi e della sicurezza hanno operato con grande dedizione e professionalità.(la protezione civile,i vigili del fuoco, gli operai del libero consorzio che con idrovore, mezzi e uomini hanno fatto un lavoro di equipè straordinario e hanno ripulito strade statali e provinciali cercando di allievare i disagi ai cittadini  e agli automobilisti delle zone interessate.Però adesso alla luce degli ultimi fatti; prima Licata,adesso l’area del saccense e la zona interna dei Sicani da Caltabellotta a Bivona non  si può andare avanti così.Qui ci vuole un intervento forte di prevenzione per questi territori che sono facile preda di eventi atmosferici che possono devastare i nostri comuni e mettere in serio allarme i residenti,per tutto ciò servono ingenti risorse economiche.Crediamo che adesso bisogna accelerare con gli investimenti viari e infrastrutturali e con la messa in sicurezza dei fiumi.Il maltempo non può condizionare la vita dei 500 mila abitanti della provincia in maniera periodica e sistematica.Ci vogliono progetti e interventi seri e risolutivi,ci sono strade statali e provinciali che non rispettano minimamente gli standard di sicureza.Molti comuni interni rimangono totalmente isolati ai primi scrosci di pioggia, i governi nazionali e regionali devono fare filtro e sinergia con gli organi periferici per accelerare gli investimenti primari per la provincia di Agrigento, non possiamo permetterci di rimanere una provincia di serie b.Naturalmente la Uil provinciale è vicina,ai cittadini delle zone dell’agrigentino che oggi hanno subito questi ulteriori danni che purtroppo avranno conseguenze economiche non di poco conto.”

Tags: ,

Lascia un commento