| | letto 130 volte |

Udienza Gip militare che postò su FB Noi con Salvini mafiosi e razzisti

Domani, venerdì 13 gennaio, davanti al Gip di Catania Francesca Cercone, si terrà l’udienza a carico del militare militante del Movimento Cinque Stelle che sul proprio profilo Facebook postò la frase “Noi con Salvini razzisti e mafiosi” corredata da una foto che ritrae il leader della Lega Matteo Salvini durante un comizio San Giovanni La Punta assieme al deputato e segretario nazionale di Noi con Salvini Angelo Attaguile e al portavoce in Sicilia del movimento e vicesindaco di Mascalucia Fabio Cantarella. Il Gip dovrà decidere sulla richiesta di opposizione all’archiviazione del procedimento penale avanzata da Fabio Cantarella.
La vicenda della richiesta di archiviazione della Procura suscitò la dura presa di posizione del leader della Lega Matteo Salvini e di Angelo Attaguile che tra le altre cose rivolsero una interrogazione parlamentare al ministro della Difesa al fine di valutare eventuali provvedimenti per la condotta del militare.
Tra le altre cose il maresciallo, in forza alla Marina Militare, postò anche un attacco a Fabio Cantarella accusandolo di non possedere i requisiti per prendere parte alla festa della legalità organizzata in paese dal Movimento Cinque Stelle perché espressione della vecchia politica e della Lega. Un’accusa a cui seguirono le dure prese di posizione non solo di Salvini e Attaguile ma anche dello stesso Codacons guidato da Francesco Tanasi.
Il movimento Noi con Salvini ha indicato l’avvocato Antonella Nigrone per insistere nella richiesta di processo a carico del militare durante il dibattimento fissato per domani mattina dalle ore 9 in poi.

Domani, venerdì 13 gennaio, davanti al Gip di Catania Francesca Cercone, si terrà l’udienza a carico del militare militante del Movimento Cinque Stelle che sul proprio profilo Facebook postò la frase “Noi con Salvini razzisti e mafiosi” corredata da una foto che ritrae il leader della Lega Matteo Salvini durante un comizio San Giovanni La Punta assieme al deputato e segretario nazionale di Noi con Salvini Angelo Attaguile e al portavoce in Sicilia del movimento e vicesindaco di Mascalucia Fabio Cantarella. Il Gip dovrà decidere sulla richiesta di opposizione all’archiviazione del procedimento penale avanzata da Fabio Cantarella.La vicenda della richiesta di archiviazione della Procura suscitò la dura presa di posizione del leader della Lega Matteo Salvini e di Angelo Attaguile che tra le altre cose rivolsero una interrogazione parlamentare al ministro della Difesa al fine di valutare eventuali provvedimenti per la condotta del militare.Tra le altre cose il maresciallo, in forza alla Marina Militare, postò anche un attacco a Fabio Cantarella accusandolo di non possedere i requisiti per prendere parte alla festa della legalità organizzata in paese dal Movimento Cinque Stelle perché espressione della vecchia politica e della Lega. Un’accusa a cui seguirono le dure prese di posizione non solo di Salvini e Attaguile ma anche dello stesso Codacons guidato da Francesco Tanasi.Il movimento Noi con Salvini ha indicato l’avvocato Antonella Nigrone per insistere nella richiesta di processo a carico del militare durante il dibattimento fissato per domani mattina dalle ore 9 in poi.

Tags:

1 Risposta per “Udienza Gip militare che postò su FB Noi con Salvini mafiosi e razzisti”

  1. È stata archiviata la querela presentata dal vice sindaco del Comune di Mascalucia (CT), avv. Fabio CANTARELLA avverso un Attivista del Meetup Amici di Beppe Grillo di Mascalucia, che nel settembre del 2015 esprimeva un’opinione politica sul suo profilo.
    Secondo l’ordinanza di archiviazione disposta dal G.I.P. dott.ssa Loredana PEZZINO: “omissis…il contenuto dei commenti postati dall’odierno indagato sui “social network”, di ampissima diffusione, si inseriscono nell’ambito di un acceso dibattito politico, talora, all’evidenza, dei toni aggressivi, intercorrente tra le due compagini politiche tra cui l’indagato e l’opponente militano le espressioni pertanto, utilizzate dall’indagato Fabio Mavilia, non appaiono, per tal motivo trasmodare in attacchi gratuiti dell’altrui persona, inserendosi, piuttosto, in un contesto di dialettica e di competizione tra…omissis….politici”.

    L’ordinanza richiama l’orientamento della Corte di Cassazione Penale Sezione V n.7626/11.

    Gli Amici di Beppe Grillo di Mascalucia e la portavoce del M5S locale Agata MONTESANTO, sottolineano che il dibattito di critica politica, debba potersi esprimere liberamente e NON all’interno delle Aule Giudiziarie. In questi casi l’utilizzo dello strumento giudiziario costituisce uno spreco di risorse umane ed economiche.

    Chi al confronto e al dibattito politico preferisce utilizzare metodi di accanimento e persecuzione contro il proprio avversario, a nostro avviso, non è deputato a rappresentare i cittadini all’interno delle istituzioni.

    La Portavoce al Consiglio Comunale di Mascalucia Agata Montesanto
    Il Meetup Amici di Beppe Grillo Mascalucia

Commenti chiusi