| | 11 views |

Toto Cacciato. Un nuovo libro di Nino Agnello sull’opera pirandelliana. “La povertà nelle Novelle di Luigi Pirandello”.

20170514-164144.jpg

“La povertà nelle Novelle di Luigi Pirandello” è il titolo del nuovo libro di Nino Agnello.
Un nuovo libro sull’opera di Luigi Pirandello è sempre, e non solo per gli studiosi, qualcosa di prezioso, e questa volta lo è ancor di più, perché il saggio porta all’analisi qualcosa di particolare, come una scoperta nello scavo continuo e celebrato, sull’opera: “la povertà”. Emerge prevalentemente nelle NOVELLE, mentre ha tratti rari si manifesta nei romanzi e nel teatro. La prima ispirazione di Pirandello , all’inizio di tutta la sua creazione letteraria, è stata la poesia e la novella.
La poesia eleva l’animo e lo spirito, la novella è terragna, la povertà è materiale, misera e povera. L’uomo, in quelli condizioni ha fame, e non può elevarsi con nessun pensiero, tranne quello della fame, qualcosa da mangiare, un tozzo di pane, e del quale ancor si priverebbe per le sue creature affamate.
Nino Agnello mette in rilievo questa condizione scoprendola nei risvolti dell’opera di Pirandello, nelle Novelle, negli eventi più semplici e più vicini alla realtà di quei tempi.
Un saggio, breve e utile, che si aggiunge alle tante ricerche, direi quasi infinite, dei tanti convegni di studi e di critica.

Toto Cacciato

Commenti chiusi