| | letto 325 volte |

Studenti in piazza per dire no al referendum del 4 dicembre

20161110-175302.jpg

Giorno 29 ottobre nell’ Agrigentino, come in precedenza, molte scuole
hanno manifestato; tale raduno è stato organizzato dal UDS.
Le scuole superiori di Agrigento sono scese in piazza per dire no al referendum
costituzionale che si terrà giorno 4 dicembre. La scuola essendo
apartitica non può prendere una posizione definitiva, ma quando entrano
in gioco motivazioni scolastiche gli alunni possono scendere in piazza e
per sentire la propria voce.
Soprattutto perché con la riforma della buona scuola, ormai diventata legge nel 2015 ci sono state delle proposte a favore della scuola mai messe in atto. Come l’incentiva mento di 3 miliardi di euro mai effettivamente stati aggiunti, anzi sono state tolte parecchie somme di denaro alla scuola pubblica investendoli
poi in quella privata.
Tutto ciò fece allarmare gli studenti che armati di buona volontà non si sono arresi e hanno continuato a ribellarsi per evitare delle promesse che si sa non verranno mai mantenute. La riforma “Boschi-Renzi” consiste nella rimozione del bicameralismo perfetto, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi
sull’istruzione e la revisione della costituzione.
Gli studenti essendo stanchi di promesse false si sono fatti sentire. Le riforme stanno cambiando la vita di molti cittadini; gli stessi, ormai, sono sempre più in crisi e in povertà considerando le perdite scolastiche e il numero che si riduce sempre di più di chi vuole andare a scuola.
Vedi l’esempio del Cupa di Agrigento. Il numero di studenti si è ridotto notevolmente perché il continuo tira e molla tra il chiudere e non chiudere e l’abolizione di alcuni corsi universitari hanno costretto molti ad iscriversi in altre parti o addirittura e non potersi scrivere per motivi economici.
E parlano di buona scuola…
Gloria Sciortino, studentessa

Tags:

2 Risposte per “Studenti in piazza per dire no al referendum del 4 dicembre”

  1. Eleonora scrive:

    Il prossimo 4 dicembre il NO sancirà definitivamente la fine dei governi Crocetta in Sicilia e Renzi in Italia. Saranno spazzati via PD e NCD e sarà la più bella soddisfazione per il popolo Italiano mandarli a casa.
    Riforma elettorale subito in poche settimane,poi subito al voto. Lo schieramento di Centro-Destra è vincente dato dai sondaggi e dal sentire comune della gente.
    Renzi Alfano e verdini avete scocciato noi giovani con questi trasformismi. Non si può essere eletti con uno schieramento per poi finire per fare la stampella a Renzi. Il popolo Italiano vi punirà alle urne.
    NO grande come una casa domenica 4 dicembre.

  2. philips scrive:

    Brava la studentessa

Commenti chiusi