| | letto 170 volte |

Sos democrazia.La Catalano rischia la poltrona.Che sia una fine corsa?

Grave colpo per la democrazia quello che si è registrato nelle ultime sedute. Un consiglio sempre meno garantito nel proprio ruolo e svuotato delle basilari regole del confronto e del dibattito politico”.

Ad intervenire è il Capogruppo di Sicilia Futura, Nuccia Palermo, che insieme agli altri consiglieri di opposizione ha manifestato più volte contro un ormai abituale modo bistrattista con il quale l’intera assise viene ridicolizzata durante l’esercizio del proprio mandato elettorale.

“L’ultimo colpo ad un barile sempre più mal messo è stato inflitto durante l’ultimo Question Time dove agli occhi dei presenti si è animata una scenetta poco edificante che ha sottolineato il modo  sempre meno riguardoso con il quale  questa amministrazione attiva  tratta il civico consesso – commenta Nuccia Palermo – Una lettera con la quale l’amministrazione Firetto diserta la seduta e lo strumento stesso di confronto democratico”.

Argomenti troppo vasti la motivazione dell’assenza – insiste ancora il Capogruppo di Sicilia Futura – Una motivazione che lascia tutti basiti ma soprattutto indifesi se consideriamo che la Presidenza monocolore non solo non sembra essere riuscita a ribellarsi con atti di censura verso e per il declino dell’amministrazione ma anzi revoca la convocazione della seduta prevista per il prossimo 11 Aprile ”.

“Atti non commentabili, sia quello dell’intera giunta che  quello della Presidenza, che rischiano di ledere la figura non più austera del consiglio comunale tutto. Insomma due anni da incubo dove la mortificazione del consigliere sembra ormai cosa normale. Abbiamo chiesto una Conferenza Capigruppo in maniera informale come informali sono ad oggi molte delle comunicazione che la Catalano fa ai capigruppo utilizzando un metodo, poco affine al ruolo ricoperto, qual è un messaggio whatsapp. L’ultima sua comunicazione, infatti, è stata quella di pubblicizzare l’inaugurazione del Pluripiano (un invito tra l’altro arrivato il venerdì sera per il lunedì) ignorando in maniera palese la nostra richiesta di Conferenza per indire come Odg il Prg. Ricordiamo alla Catalano che Agrigento è bloccata economicamente e socialmente dalla confusione che nasce proprio sul PRG e il suo silenzio risulta ai nostri occhi inaccettabile ”.

“Un periodo buio per Agrigento – conclude Nuccia Palermo – caratterizzato da un bavaglio, seppur simbolico, che mortifica più che altro l’amministrazione e la Presidenza del Consiglio che dimostrano sempre più di non essere pronti al confronto e al vero cambiamento che la città merita. Il nostro vuole essere un grido d’aiuto rivolto a tutte le forze politiche presenti in consiglio al fine di riuscire a detronizzare un Presidente non rappresentativo, poco esperto, politicamente incapace a ricoprire il ruolo che occupa sottolineando che lo stesso ruolo ha come funzione intrinseca quello di tutelare e di garantire il buon andamento e funzionamento dell’intero consiglio comunaleL’ultima seduta purtroppo parla da se’.”

Tags:

Commenti chiusi