| | 170 views |

Saviano a Salvini: “Le faccio una promessa, con la parola non le darò tregua mai”

Se è vero che tutto quello che noi giornalisti abbiamo è la parola, e che come cittadini siamo liberi (ancora) di scegliere da che parte stare , allora io scelgo di usare la parola per “dare la parola” e scelgo di stare dalla parte di chi si prende le proprie responsabilità, sempre, e quindi sto dalla parte di Roberto Saviano che in un video pubblicato da La Repubblica TV racconta quel che gli accadrà ed anche perché. E poi parla al Ministro Salvini promettendogli che con l’unica arma che ha, ossia la parola, non gli darà mai tregua.

E’ stato rinviato a giudizio, Saviano e dunque, sarà processato per aver definito Matteo Salvini il “ministro della malavita“.Come tutti i cittadini, vado a farmi processare” – dice il giornalista sotto scorta nel suo messaggio.  Sottilinea come mentre lui, con un po’ di fierezza va a farsi processare, Salvini si sottrae al giudizio sul caso Diciotti, tramite ricatti e pressioni politiche, facendosi appoggiare dal Movimento 5 Stelle che – come sottolinea Saviano – con la sua posizione in merito alla vicenda, ha perso completamente faccia e dignità, anni di presunte lotte circa quell’essere diversi dalla politica. “Ma un giorno saranno chiamati a rispondere, uno per uno, perché e con quest’atto”– dice Saviano – che si inizia a trasformare quella che è una democrazia, verso una dimensione autoritaria”

Non mi intimidisce Matteo Salvini, la lotta agli intellettuali non è cosa nuova al nostro paese, non è cosa nuova per il potere, non è cosa nuova per chi cerca di rendere autoritario un governo e questo è il primo passo” – continua il giornalista e scrittore.

Poi, definisce il populismo: “Dire di fare qualcosa per il popolo o poi ingannarlo, usare un’argomentazione demagogica, per poi fregarlo attraverso quelle espressioni classiche: per voi, per il popolo, prima gli italiani, prima il popolo

Saviano ricorda Liu Xiaobo, uno dei più grandi intellettuali cinesi, rinchiuso in un laogai e dunque, si dice consapevole di essere fortunato, libero ancora di metterci il corpo e la faccia nella battaglia contro le bugie di questo governo, una battaglia che definisce “necessaria”.

Poi si riferisce direttamente al ministro Salvini: “Ero stato facile profeta, l’avevo chiamata buffone, qualche tempo fa e lei si è dimostrato un buffone; aveva detto di essere pronto al processo, e invece scappa, come un codardo, come si è sempre dimostrato; codardo nella vicenda dei milioni rubati alla lega, codardo nel non dimostrare pubblicamente tutti gli errori fatti dalla Lega al Sud Italia, codardo sulla vicenda Diciotti. Chiunque vi critichi è élite e questo popolo allora ha una sola ragione, una sola testa, un solo sguardo. Chi è con voi è popolo, chi è contro di voi è élite

Lei scappa, io RESTO, resto in questo processo a difendermi e le faccio una promessa, con l’unico strumento che h0, la PAROLA, io NON LE DARO’ TREGUA MAI, non darò tregua a nessuna singola bugia che ha pronunciato e che pronuncerà“.

 

Simona Stammelluti

Tags: , , , , , , ,

Commenti chiusi