| | 17 views |

Scontro frontale tra sindaci e consiglieri comunali. Riceviamo e pubblichiamo

Al sig. presidente dell’ A.R.S.
On. Giovanni Ardizzone
Al sig. V. presidente A.R.S.
On. Giuseppe Lupo
Al sig. V. presidente A.R.S.
On. Antonio Venturino
Ai sigg presidenti dei gruppi parlamentari A.R.S. on.li
Alice Anselmo,Giovanni Cancelleri, Marco Forzese, Girolamo Turano,Antonio D’Aserio,
Marco Falcone,Giovanni Di Mauro,Giambattista Coltrano,Giuseppe Picciolo,
Salvatore Cordaro, Giovanni Di Giacinto,Santi Formica,Girolamo Fazio
Al sig. Presidente della Regione
On. Rosario Crocetta
Al sig. Assessore regionale alle Autonomie Locali e
Funzione Pubblica on. Luisa Lantieri
Al sig. Presidente della I^ Commissione legislativa
Affari Istituzionali on.Salvatore Cascio
e p.c.                            Al sig. Presidente dell’ANCI –Sicilia
On. Leoluca Orlando
Oggetto : Art. 2, L.R. n. 6/2017 “…..Interpretazione autentica in materia di cessazione dalle cariche
negli enti locali”.
La pubblicazione della legge regionale di cui in oggetto, ha suscitato veementi reazioni da parte di molti sindaci siciliani.
Noi non vogliamo entrare nel merito della decadenza dei sette sindaci già disposta con D.P.R.S.  (che potrebbe essere oggetto di eventuali ricorsi alle autorità competenti), pur tuttavia, riteniamo abnorme e non giustificata la levata di scudi di molti sindaci che, sostenuti dall’ANCI, chiedono con una campagna mediatica serrata, la modifica delle LL.RR. n. 17/2016 e n. 6/2017, annunciando pubbliche manifestazioni.
I sindaci chiedono che in caso di mancata approvazione dei documenti contabili dei comuni, i consigli comunali vengano sciolti, mentre le amministrazioni debbano rimanere in carica.
Tale presa di posizione, in molti casi, è strumentale alla conservazione del potere assoluto dei sindaci che, in alcuni casi, è “padronale”, con ampia facoltà di revocare e nominare assessori (a volte in numero elevatissimo), di cambiare maggioranze rispetto a quelle che li hanno eletti, di ordire inciuci di ogni genere, di non rendere conto al consiglio comunale di scelte amministrative importanti per la collettività, di sbeffeggiare ( in alcuni casi) i consiglieri comunali “costringendoli”  all’approvazione di raffazzonati documenti contabili, quasi mai concordati, sotto la “minaccia” dello scioglimento del consiglio comunale e della loro permanenza in carica, conservando un potere assoluto, senza alcun controllo da parte dell’organo consiliare democraticamente eletto e deputato a tale funzione.
Al fine di ovviare a tali inique situazioni, il legislatore nazionale, da tempo, con il combinato disposto degli artt. 53, comma 4, e 141, del D,Lgs. n.267/2000, ha sancito la decadenza dei sindaci e delle rispettive giunte, in caso di scioglimento del consiglio comunale.
La Sicilia, dopo molti anni, finalmente, con le leggi regionali di cui sopra si è uniformata alla normativa nazionale, stabilendo validi e democratici contrappesi al potere assoluto dei sindaci.
Approfittando di una presunta, dubbia, retroattività, dell’art. 2 della L.R. n. 6/2017, i sindaci (o il vagheggiato partito dei sindaci ?) chiedono di revocare tali normative, che stabiliscono il grande principio del simul stabunt simul cadent, che rappresenta la più alta forma di democrazia di organi eletti contestualmente  e che, complessivamente, rappresentano l’intera comunità locale.
Gli organi comunali devono mantenere una stretta collaborazione senza alcuna prevaricazione dell’uno sull’altro.
I problemi di governabilità e l’interesse dei cittadini non si assicurano delegando un solo uomo al comando, ma con una costante, leale, collaborazione istituzionale e politico-amministrativa tra sindaco e consiglio comunale.
L’ANCI – Sicilia- che legge per conoscenza, deve ricordare che rappresenta i comuni siciliani e, quindi, tutti i loro organi e non soltanto i sindaci.
Chiediamo, pertanto, all’on. Leoluca Orlando ed alla dirigenza dell’ANCI, di non intestarsi una battaglia di retroguardia che creerebbe, inevitabilmente, profonde fratture, anche, all’interno dell’Associazione.
Sia chiaro, non chiediamo che i consigli comunali debbano essere sciolti ed i sindaci dichiarati decaduti, in caso di mancata adozione dei documenti contabili entro i termini stabiliti dalla legge (spesso non rispettati per responsabilità e ritardi della Regione), bensì che venga mantenuto in Sicilia, come avviene nel resto d’Italia,  il principio per il quale, in caso di mancata approvazione dei documenti contabili vengano sciolti i consigli comunali e, contestualmente, dichiarati decaduti i sindaci.
Questa nostra “benedetta” autonomia non può continuare a creare imbarazzanti disparità con il resto d’Italia.
Per rappresentare meglio le nostre ragioni chiediamo al consiglio di presidenza dell’ARS ed agli on.li presidenti dei gruppi parlamentari un incontro per il giorno 26 aprile p.v., presso la presidenza dell’ARS, dove a supporto è prevista una numerosa presenza di consiglieri comunali, già mobilitati.
Certi che le on.li SS.LL. vorranno positivamente valutare quanto da noi rappresentato ed in fiduciosa attesa, porgiamo distinti saluti.
22 aprile 2017       Il coordinamento regionale dei
consiglieri comunali siciliani
“Vera democrazia”

Tags:

4 Risposte per “Scontro frontale tra sindaci e consiglieri comunali. Riceviamo e pubblichiamo”

  1. Antonino Sciarrone ha detto:

    I consiglieri comunali di Realmonte Sciarrone Antonino, Iacono Sara Chiara, Farruggia Giorgia, Taormina Vincenzo e Fiorica Leonardo aderiscono e condividono appieno l’iniziativa.

  2. francesco ha detto:

    BRAVI, BRAVI, BRAVI ci sono sindaci che portano le carte all’ultimo istante perche’ sono convinti che il comune e’ un ” Affare ” privato. Vadano a casa anche lorooooooooooooo.

  3. Giovanni Civiltà ha detto:

    I consiglieri comunali di Agrigento Giovanni Civiltà, Pasquale Spataro e William Giacalone, di Forza Italia, aderiscono all’appello e condividono l’iniziativa.

  4. Sergio Pagliaro ha detto:

    I consiglieri comunali di Racalmuto Gagliardo,Mantione,Morgante,Maniglia,Pagliaro e Tufarulo aderiscono e condividono l’ iniziativa

Commenti chiusi