| | 11 views |

Regione e migranti, altri 450 posti in provincia di Agrigento

Immigrazione e centri d’accoglienza nell’Agrigentino: da una parte vi è il Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, e il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, che ribadiscono che la capienza limite, secondo le soglie fissate dal Ministero dell’Interno, è stata oltremodo raggiunta se non superata. Dall’altra, invece, Accoglienza dei minori migranti, la Regione, e in particolare il Dipartimento Politiche Sociali, ha autorizzato l’attivazione di nuove strutture d’accoglienza per minori stranieri non accompagnati, ad Agrigento, Porto Empedocle, Grotte, Naro, Canicattì, Palma di Montechiaro, Licata e Ribera, per circa 450 nuovi posti. Ancora più nel dettaglio: ad Agrigento 57 posti in via Picone e 47 posti in via Cavaleri Magazzeni, a Porto Empedocle 60 in via Colombo e altri 35 in altra struttura. A Grotte 55. E poi gli altri nei restanti Comuni.

1 Risposta per “Regione e migranti, altri 450 posti in provincia di Agrigento”

  1. sicarru ha detto:

    La capienza limite (2,5 per mille) sarà stata raggiunta forse per quanto riguarda gli adulti. Per i minori ad oggi non esiste alcun limite. La “Regione” autorizza l’esercizio solo se Comune, l’ASP, VV.F., etc. esprimono parere favorevole. Non è detto poi che, una volta autorizzati dalla “Regione” , debbano per forza essere utilizzati. Nella procedura di affidamento del servizio (nella gara pubblica) si può prevedere che l’ubicazione deve essere dove il Comune o la Questura (per un problema di peso urbanistico e/o di Ordine pubblico e/o di security) ritengono più idoneo. Si facciano poi anche le verifiche preliminari non solo sui gestori delle strutture ma anche sui proprietari degli immobili. Una cosa è l’accoglienza altro è creare situazioni di disagio anche alla popolazione residente

Commenti chiusi