| | letto 43 volte |

Racalmuto. Servizi sociali: Al via  le “borse lavoro” per altri dieci disoccupati.

Oltre alle 66 borse lavoro già espletate, nel giro di pochi mesi, l’ufficio dei servizi sociali del Comune di Racalmuto è pronto a far partire altre 10 “borse lavoro” per i cittadini racalmutesi disoccupati. Sono “borse lavoro” finanziate tramite la legge 328 del 2000,  risalenti al Piano di Zona 2013-2015, diretti a promuovere l’inclusione sociale e lavorativa di soggetti in condizioni di disagio economico.

Dichiara l’assessore ai servizi sociali – dott.ssa Carmela Matteliano – “Grazie al criterio della circolarità, altri 10 nostri concittadini nonché, le loro famiglie, che vivono in situazione di disagio socio-economico potranno usufruire di un ausilio temporaneo per affrontare le varie difficoltà che la mancanza di un lavoro comporta. – Il progetto “ borsa lavoro” appunto, nasce con l’intento, da parte dei servizi sociali dei comuni del distretto, di dare una piccola risposta alla richiesta di lavoro dei cittadini, vista la grave crisi economica che sta colpendo maggiormente le fasce più deboli della popolazione”.

La “borsa lavoro” consiste nello svolgere una piccola mansione lavorativa per tre mesi consecutivi e per 20 ore settimanali con  un compenso di circa €. 420,00 mensili.

Con precisione i servizi che verranno attivati con le borse lavoro sono: servizi di assistenza domiciliare anziani; servizio di pulizia presso strutture pubbliche quali teatro, castello e viali cimiteriali e il servizio di trasporto urbano minori e disabili e assistenza al trasporto per i disabili frequentanti il Centro Padre Cipolla di Racalmuto.

Alleviamo il disagio sociale ed eroghiamo servizi alla comunità – conclude il sindaco Avv. Emilio Messana -, a breve avvieremo altri progetti per quindici unità. Il comitato dei sindaci ha deliberato la rimodulazione del progetto “Centro Ricreativo”, previsto nel Piano di Zona 2010-2012, non ancora attivato, e ha destinato l’intero importo all’attivazione del  Progetto  “Servizio civico”, con le stesse finalità delle borse lavoro.

Promuovere misure per aiutare i disoccupati è una priorità per tutti i comuni. A breve, il Distretto ci comunicherà l’avvio di questi progetti.  Questo ci permetterà di continuare ad  estendere ancora di più le misure di assistenza a tutti i soggetti censiti dai nostri servizi sociali.”

Tags:

Commenti chiusi