| | letto 257 volte |

Partecipazione di un gruppo di siciliani (e agrigentini) al 58 congressso della CIST FIJET A Mosca 22/27 settembre 2016: le meraviglie della Nuova Mosca.[gallery]

20161124-083159.jpg

20161124-083208.jpg

20161124-083216.jpg

20161124-083223.jpg

20161124-083231.jpg

Forse non tutti sanno che esiste una Associazione internazionale di giornalisti turistici che si chiama CIST-FIJET . Il Presidente italiano dell’associazione è il dott. Antonio Bonelli, il presidente internazionale è il Dott. Haddad Tijani.Ogni anno si tiene un congresso internazionale in uno degli stati facenti parte dell’associazione .
Quest’anno per il 58° congresso è toccato alla Russia nella città di Mosca,. Durante il congresso sono stati rieletti i membri del consiglio e di altre figure importanti per l’Associazione , nonché il Presidente internazionale ed è stato rieletto all’unanimità il Dott. Haddad Tijanj.
L’apertura del congresso si è svolta presso l’hotel Metropol di Mosca con numerosi interventi dei membri dell’Associazione e dell’Agenzia turistica moscovita che ha collaborato nella organizzazione del congresso , del tour della città e dell’alloggiamento degli associati.
Non appare superfluo evidenziare che i membri provenienti da tutto il mondo alloggiavano all’Hotel Raddisson Blu, un hotel che merita senz’altro le 4 stelle, ma che secondo i servizi offerti ne meriterebbe 6.
La Russia ha costituito il nucleo di due grandi formazioni storico-politiche ormai tramontate: l’impero zarista ( fino al 1917) e l’Unione Sovietica (dal 1922 al 1991.
Dal 1991 è il cuore politico della federazione russa ,la quale Fa parte degli stati indipendenti.
Dopo la rivoluzione Bolscevica del 1917 e fino al principio degli anni novanta del secolo scorso la sua storia ha coinciso con l’ascesa e la caduta del comunismo.
Abitato in epoche remote da popolazioni di r4azza, lingua e religioni diverse la Russia combattè contro l’invasione scandinava dei Variaghi (o Rus) e nella metà del XIII secolo dai Tartari che diedero vita all’Impero dell’Orda d’Oro, sottomettendo i principati slavi della REGIONE.
Lo Stato Russo riemerse nel xv secolo intorno al Granducato di Moscovia che sotto la guida di Ivan III si emancipò dal giogo tartaro. Ivan III consolidò lo stato , unificò il potere politico e quello religioso ed avviò un processo di espansione che proseguì con Ivan il Terribile (o Temibile come lo chiamano i russi).
Ivan il Terribile assunse per la prima volta il titolo di Zar (imperatore, dal latino Cesare ).
Egli continuò ad accentrare il potere , reprimendo sanguinosamente ogni tentativo di ascesa della nobiltà locale.
Dopo il regno di Godunov (1530-1584) il paese entrò nell’età di crisi del potere centrale, epoca di anarchia e rivolte contadine tanto da favorire l’invasione del territorio da parte dei polacchi e degli Svedesi.
Questa fase terminò con l’ascesa al potere dello zar Michele III (1613-1645) che diede inizio alla dinastia dei Romanov che governò fino al 1917.
Dopo la caduta del regime comunista la Russia è diventata ed è tutt’ora il nucleo politico della federazione russa.
Sotto la guida di Vladimir Putin (dal 2000 in poi) la Russia ha avviato un difficile processo di trasformazione verso La democrazia con non poche tensioni etniche, nazionaliste e separatiste ( vedi Cecenia).
Tuttavia la Russia costituisce ancora oggi una grande potenza regionale che influenza gli equilibri della politica mondiale.
Dal 2000 ad oggi, durante l’era Putin, la Federazione russa ha avuto una ripresa tra le prime al mondo.
La Russia è oggi una superpotenza economica ed anche militare.
La Russia è divenuta oggi un paese alla moda con migliaia di negozi griffati, restaurants alla moda, mac- donalds, alberghi di lusso, i palazzi restaurati sono, ancor più di ieri, una meraviglia per gli occhi, strade pulite a 10 corsie, costeggiate da viali alberati e giardini, fiori che non ti aspetteresti da un clima così rigido, sempre curati, dovunque strutture belle e curatissime per i giochi dei bambini.
La sua capitale Mosca ha cambiato il suo volto. Rispetto a quando la visitai nel 1987, quando era ugualmente bella e magnifica, ma grigia e triste , oggi è divenuta una città molto elegante , più affascinante di prima , attraggono oltre che l’architettura dei palazzi e dei magnifici monumenti le luci soffuse della sera con cui sono illuminati soprattutto la Piazza Rossa, la Chiesa di San Basilio ed il Gum che vi si affaccia.

I suoi palazzi restaurati esprimono la grandezza dell’impero zarista, ma soprattutto l’ammirevole e lodevole tecnica delle maestranze di allora e di quelle tecnicamente preparate di oggi che sono un inno alla potenza del loro paese.
Mosca è attraversata dal fiume Moscova e occupa una area di circa 2561 Km quadrati. Con più di 12 milioni di abitanti. E’ la prima città d’Europa per popolazione e per superficie in Europa. Mosca oggi è la megalopoli più settentrionale e fredda della terra ed ha il più alto numero di milioni di residenti al mondo, è una delle destinazioni turistiche in rapida crescita.
Mosca è sede del Governo della Federazione russa situata nel Cremlino di Mosca, una cittadella fortificata oggi sede del presidente russo. Il Cremlino è stato dichiarato patrimonio dell’umanità ha al suo interno ricchi palazzi e 4 cattedrali. Dalle 4 cattedrali svettano le spettacolari e sontuose Caratteristiche cupole a cipolla che brillano perché ricoperte da uno strato dorato. Le più caratteristiche sono il Duomo dell’Annunciazione con meravigliosi e particolari affreschi rappresentanti i 4 Vangeli e l’Iconostasi più antica della Russia. Nel duomo della Dormizione venivano consacrati i monarchi russi, e nominati i capi della Chiesa.
Per le strade interne al Cremlino si ammirano anche il cannone più grande del mondo , che non è stato mai messo in funzione, e la campana più grande del mondo, purtroppo danneggiata.
All’interno delle mura del Cremlino si può visitare anche il museo dell’Armeria. In esso sono custoditi tesori ineguagliabili sia per la bellezza, la qualità e la quantità.
Ogni teca fa strabuzzare gli occhi per la magnificenza delle manifatture dei maestri orafi , per la quantità e la grandezza delle pietre preziose, incastonate in antifonari, Vangeli, altari portatili, icone ricamate con piccolissime perle e pietre preziose che ne fanno merletti simili a quelli di bruges. Molte uova di Fabergè di cristallo, d’oro, di lapislazzuli etc.
Infine vi sono custodite corone con le quali furono incoronati i primi zar della Russia.

Tra le bellezze della città di Mosca si ammirano prevalentemente il Cremlino, già descritto e la Piazza Rossa.
Nella piazza rossa si può ammirare la cattedrale di San Basilio con le sue numerose cupole colorate che desta stupore anche in chi come me l’aveva ammirata 30 anni fa. I meravigliosi diversi delicati colori delle cupole si intrecciano e si diversificano tra loro in un caleidoscopio avvincente, tale da non distoglierne lo sguardo.
Le guardi poi torni a guardarle non ti stanchi mai. Torni di sera e lo spettacolo è ancora più avvincente quando le luci illuminano tutta la piazza, la basilica , il Cremlino ed il GUM, l’atmosfera diventa rarefatta, magica, sembra un giochino per bimbi fatto di pan di zucchero!
I giardini all’esterno del Cremlino, al di fuori delle porte dalle quali si accede anche ad altri palazzi quali il palazzo dell’Armeria, sono sorprendentemente rigogliosi rispetto al clima rigido. Inoltre sono estremamente curati, puliti non esiste una foglia o cartacce sul pavimento, nemmeno quando la giornata è molto ventosa. Ortensie alte come arbusti, begonie grosse come rose, prati verdi a distesa. Una magnificenza che distende il corpo e lo spirito.
La città di Mosca è servita da un’ampia rete di transito che include 4 aeroporti, 9 stazioni ferroviarie, tram, ed una delle più grandi e profonde metropolitane al mondo. La metropolitana di Mosca è uno dei punti di riferimento della città ed anche di turisti per la ricchezza dell’architettura delle 200 stazioni.
Ognuna di queste stazioni è caratterizzata da murales, mosaici, dipinti sulla vita contadina e altro. Lampadari in cristallo di rocca illuminano alcune delle stazioni. Insomma una bellezza ed un valore storico e architettonico incalcolabili, tali essere inserite nei tour della città.
La città di Mosca è inoltre dotata di 96 parchi, 18 giardini, 4 giardini botanici. Nella città vi sono 450 Km di zone verdi oltre che 100 Km quadrati di foreste.
Mosca è sede di grandi Università, fra le quali la Università statale di Mosca che ospita più di 30.000 studenti.
Mosca è anche il cuore dello spettacolo russo : balletto , cinema, etc… Vi si contano 93 teatri, 132 cinema, 24 sale da concerto. Tra i molti teatri di Mosca il più famoso è il Bol’sjoj , un capolavoro architettonico di stile neoclassico datato 1819.
Anche la periferia di Mosca sta rinascendo si possono infatti ammirare quartieri interi con grattacieli di acciaio e cristallo che fanno pensare ad altri paesi occidentali.
L’affabilità, la competenza, e la gentilezza del personale incontrato nei bar, nei ristoranti, nei negozi negli alberghi della città e della gente comune completa un quadro che permette di suggerire a quanti leggono di visitare Mosca e San Pietroburgo che merita una lunga visita a parte per la magnificenza dei suoi palazzi e dei suoi monumenti, oltre che della impareggiabile ricchezza e bellezza dei suoi musei ed in particolare dell’Hermitage.

Mariangela Arancio

Tags:

2 Risposte per “Partecipazione di un gruppo di siciliani (e agrigentini) al 58 congressso della CIST FIJET A Mosca 22/27 settembre 2016: le meraviglie della Nuova Mosca.[gallery]”

  1. scozzari concetta scrive:

    Bellissimo articolo. Interessanti le descrizioni delle bellezze architettoniche, tanto bene da farti venire la voglia di essere lì.
    Grazie

  2. margherita scrive:

    mal di Africa?NO! MAL DI RUSSIA……………andiamo perche’ mi e’ rimasta la stizza di San Pietroburgo.

Commenti chiusi