| | letto 61 volte |

Palermo, il Circolo artistico: la struttura è sotto sfratto


Il Circolo artistico, mercoledì 24 maggio, celebra Giacomo Puccini ma la struttura è minacciata dallo sfratto

Tanti artisti sui social a sostegno della campagna “Salviamo il Circolo Artistico di Palermo. 200 anni di storia non possono finire così”

Mercoledì 24 maggio, Puccini incontra le sue protagoniste, al Circolo Artistico di Palermo, di via Marinai Alliata, 5, dalle ore 19.30, in un racconto di Diego Ziino, nipote del maestro Ottavio noto direttore d’orchestra, e figlio della pianista Lea Mulè, che presenterà il suo libro “Manon Lescaut mi chiamo”, ispirato dalla visita alla dimora di Torre del Lago Puccini e dalla conoscenza della nipote e ultima erede Simonetta Puccini. Presenti il soprano Anita Venturi, il tenore Alberto Profeta, il mezzo soprano Antonella Di Giacinto, il soprano Anna Messina e al pianoforte il maestro Mauro Visconti. Regia di Donatella Cerlito. Direttore artistico Elvira Maiorca Italiano. Tra i brani in programma Sole e Amore, Che Gelida Manina, Mi Chiamano Mimì, O Soave Fanciulla, Madrigale, Tosca Vissi D’arte, Lucean Le Stelle, Mario Mario. Per info: 091 9802180

La campagna social per salvare il Circolo Artistico

Un appuntamento, quello di mercoledì con Puccini, che potrebbe essere l’ultimo a causa della minaccia di sfratto che incombe sulla storica struttura fondata nel 1882 e adesso sita in un bene sequestrato alla mafia, riassegnato, senza alcun preavviso al ministero dell’Interno. «Siamo preoccupati per il patrimonio culturale del Circolo – spiega il presidente Fabrizio Franco – e anche per quello materiale, composto tra l’altro dallo storico pianoforte e dai più di 2000 libri che custodiamo, che non sapremmo dove mettere. Un trasloco – conclude – sarebbe per noi oneroso e decreterebbe la fine di una struttura che difende e sostiene la musica e il bel canto da 200 anni».

Nel frattempo è partita la campagna virale sul web “Salviamo il Circolo Artistico di Palermo. 200 anni di storia non possono finire così”. Tanti gli artisti siciliani che vi hanno aderito. Tra questi il mezzosoprano Antonella Di Giacinto, il soprano Simona Calà, il direttore d’orchestra, compositore e pianista Alberto Maniaci, il mezzosoprano Alessia Sparacio, il pianista Antonello Manco, il compositore ed ex direttore del Teatro Massimo, Marco Betta, il direttore d’orchestra Carmelo Caruso, la violinista Cristina Enna, la voce bianca Gabriella Casales, e il direttore del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, Daniele Ficola, il pianista e compositore Mauro Visconti. Tutti musicisti che hanno collaborato col circolo.

Commenti chiusi