| | letto 193 volte |

Palermo controreplica ad Amico: l’amministrazione confusa si faccia aiutare dal consiglio

“Ci dispiace costatare per l’ennesima volta che l’Assessore Amico pecca di suscettibilità ma è bene sottolineare che il ruolo del consigliere, ancor più se di opposizione, è quello di controllare l’operato dell’amministrazione, quindi anche il suo. ”
Pungente la contro risposta del Capogruppo di Sicilia Futura, Nuccia Palermo, che bacchetta su di un comportamento non aperto al dialogo e al confronto da parte dell’amministrazione attiva.
“Evidentemente l’Assessore al Bilancio è poco presente in aula Sollano e ancor di più non legge i verbali consiliari – insiste Nuccia Palermo – perché forse gli sfugge che la lamentela sulla poca chiarezza economico-finanziaria e sul quasi inesistente confronto non arriva solo dall’opposizione ma anche da esponenti di maggioranza che in sede consiliare lagnano una assenza non solo fisica degli assessori ma anche comunicativa”.
“ Qui non parliamo di interessi personali dove sarebbe possibile appellarsi alla privacy  – continua il Capogruppo di Sicilia Futura – qui parliamo di soldi pubblici e dell’onere di saperli amministrare nella più totale trasparenza come dettato dalle normative vigenti.”
“Lo spauracchio di un possibile dissesto e delle alternative ad esso vanno analizzate in consiglio dando a quest’ultimo delle tempistiche cospicue al fine che i non tecnici possano leggerne l’essenza. Ad oggi una cosa è certa – afferma ancora Nuccia Palermo – in solitudine questa amministrazione non sembra ad oggi essere stata in grado di adottare le giuste manovre correttive così come imposto dalla Corte dei conti”.
“Evidentemente il continuare ad amministrare escludendo il consiglio porta questa amministrazione ad una confusione di idee e di scelte che non producono alcun risultato benefico per il cittadino – insiste Nuccia Palermo – visto che al primo piano di armonizzazione votato un anno fa adesso ne sta susseguendo un piano straordinario di risanamento che a parole dello stesso assessore risulterebbe necessario ma non sufficiente.
“Inviterei l’assessore Amico ad evitare di perder tempo nel tentare una difesa improponibile -  conclude il Capogruppo di Sicilia Futura – e lo invitiamo ad accelerare nel portare il documento finanziario di previsione 2016 del cui ritardo ad oggi l’uomo politico deve chinare il capo dinnanzi alla città.”.

Tags:

Lascia un commento