| | 4 views |

Migranti, Pagano (Lega-NcS): “Noi con sindaci messinesi, e l’Anci?”

“Noi siamo con i sindaci messinesi che protestano contro l’incapacità e l’arroganza del governo di fronte all’invasione di clandestini. Tutta la Lega-Noi con Salvini, rappresentata da Angelo Attaguile che questa mattina ha portato personalmente il proprio sostegno ai primi cittadini del posto riuniti in assemblea. Vorremmo sapere, invece, da che parte stanno il presidente nazionale Anci Antonio Decaro e il responsabile regionale Leoluca Orlando. Complici anche loro di questa invasione, stanno prendendo in giro gli stessi sindaci che dovrebbero salvaguardare. Premesso che il piano accoglienza del governo andrebbe stracciato e tutti i sindaci dovrebbero rivoltarsi, è evidente che il tetto di 2,5 migranti per ogni mille abitanti non viene mai rispettato. Senza dimenticare l’umiliazione e i soprusi che i primi cittadini sono costretti a subire ormai quotidianamente. A Decaro e a Orlando non resterebbe dunque che rassegnare le dimissioni. Al sindaco di Castell’Umberto Vincenzo Lionetto il nostro sostegno e la nostra solidarietà”. Così il deputato Alessandro Pagano della Lega-Noi con Salvini.

2 Risposte per “Migranti, Pagano (Lega-NcS): “Noi con sindaci messinesi, e l’Anci?””

  1. Mario ha detto:

    Il rapporto tra abitanti e immigrati é chiaro che é stato ampiamente superato, ad esempio ad Agrigento é 6 volte superiore a quello concordato tra Governo e Anci, pertanto, non capisco come mai il Comune che dovrebbe garantire la sicurezza, la salute, l’igiene dei propri cittadini autorizzi una nuova struttura adibita a centro di immigrati in una zona residenziale che prima era abbastanza sicura anche se con muri confinanti bassi a facile accesso. Il centro in questione si trova in zona Fontanelle in via Venezuela, il Comune si é ricordato che esiste soltanto per trovare e piazzare gli ultimi immigrati arrivati, ci si aspettava invece che si sarebbe occupato del decespugliamento, delle discariche, della puzza di fogna, delle zanzare e blatte per non parlare del rischio incendio per i terreni incolti. Sig. Sindaco dove sei? Fatti sentire all’ Anci, noi di via Venezuela ti abbiamo votato no gli speculatori di disgrazie altrui e avvoltoi che si buttano subito dove c’è odore di soldi dopo avere beneficiato e sperperato i denari della sanità – per la cronaca si tratta di un ex centro di dialisi e guarda caso é l’assessorato alla sanità (impropriamente) che detta i parametri che devono rispettare le strutture di accoglienza.

  2. Mario ha detto:

    Il rapporto tra abitanti e immigrati é chiaro che é stato ampiamente superato, ad esempio ad Agrigento é 6 volte superiore a quello concordato tra Governo e Anci, pertanto non capisco come mai il Comune che dovrebbe garantire la sicurezza, la salute, l’igiene dei propri cittadini autorizzi una nuova struttura adibita a centro di immigrati in una zona residenziale prima abbastanza sicura con muri confinanti bassi a facile accesso. Il centro in questione si trova in zona Fontanelle in via Venezuela, il Comune si é ricordato che esiste soltanto per trovare e piazzare gli ultimi immigrati arrivati, ci si aspettava invece che si sarebbe occupato del decespugliamento, delle discariche, della puzza di fogna, delle zanzare e blatte per non parlare del rischio incendio per i terreni incolti. Sig. Sindaco dove sei? Fatti sentire all’ Anci noi di via Venezuela ti abbiamo votato no gli speculatori di disgrazie altrui e avvoltoi che si buttano subito dove c’è odore di soldi.

Commenti chiusi