| | 407 views |

La semplicissima questione “Orlandiana”

Il sindaco di Palermo, Orlando, come ha annunciato, si rivolga subito al giudice sulla costituzionalità del decreto “Sicurezza”. Bando alle ciance, altrimenti è politica.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non si ritiene un dissidente, un ribelle, un disubbidiente. Lui non sarebbe alla ricerca di uno spazio di azione politica anti-populista contrapposta alla Lega di Salvini. Il sindaco Orlando si è persuaso e convinto che il decreto “Sicurezza” del ministro Salvini, appena convertito nella legge numero 132 del 2018 approvata dal Parlamento, sia incostituzionale, nella parte in cui impedendo l’iscrizione dei migranti richiedenti asilo nel registro dei residenti non consente loro di ottenere la carta d’identità e alcuni diritti tutelati dalla Costituzione della Repubblica Italiana come l’istruzione e la salute. La domanda: e allora perché Orlando non si rivolge alla Corte Costituzionale e la interroga sulla costituzionalità del decreto “Sicurezza”? La risposta: perché nell’ordinamento italiano il sindaco non può rivolgersi direttamente alla Corte Costituzionale, ma deve, procedendo indirettamente, rivolgersi al giudice ordinario, in tal caso il giudice civile, prospettandogli i suoi dubbi sulla costituzionalità del decreto “Sicurezza”. Se il giudice dovesse ritenere manifestamente fondato il dubbio del sindaco Orlando, allora sarà il giudice, lui sì, a rimettere il dubbio, la questione, alla Corte Costituzionale. E se la Corte Costituzionale dovesse ritenere in tutto o in parte incostituzionale la legge 132, la stessa legge potrà essere disapplicata. Fino a quando ciò non sarà, il sindaco è obbligato ad applicare la legge, altrimenti rischia di essere incriminato di abuso d’ufficio qualora il prefetto lo denunciasse, e il ministro dell’Interno lo potrà rimuovere dalla carica qualora lui, il sindaco, si renda colpevole di gravi e ripetute violazioni di legge. E se ciò fosse urgente, potrà il prefetto sospendere dalla carica il sindaco. In conclusione il sindaco Orlando ha due opzioni. La prima è che, anziché trascinare la polemica e strumentalizzarla politicamente, agisca subito e interroghi il giudice ordinario che a sua volta, se lo riterrà opportuno, interrogherà la Corte Costituzionale. La seconda è invece attendere che il sindaco Orlando, o altri sindaci come lui, siano incriminati o rimossi dalla carica, e che comparendo poi al cospetto di un giudice lo interroghino sulla costituzionalità del decreto “Sicurezza”. Tutto il resto sono ciance, da bandire, altrimenti è politica.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Commenti chiusi