| | letto 412 volte |

Incontro alla biblioteca Lucchesiana Gallery

20161111-161525.jpg

20161111-161537.jpg

20161111-161545.jpg

20161111-161552.jpg

Si è svolto un convegno promosso dal direttore della biblioteca don Angelo Chillura in collaborazione con don Luca Camilleri responsabile per l’Ecumenismo della Diocesi di Agrigento, con la collaborazione della Soprintendenza BB.CC.AA. di Agrigento e  grazie al sostegno della Camera di Commercio di Agrigento e di Banca Nuova. Il convegno dedicato ai manoscritti arabi della Lucchesiana e al dialogo interreligioso ha visto la partecipazione di studiosi provenienti da prestigiose istituzioni italiane e straniere (Oxford, Dublino, Madrid, Viterbo…) in presenza di autorità civili e religiose dello Stato e della Diocesi (S. Em. Cardinale Montenegro, S. Ecc. mons. Mogavero, prof. Flick Presidente emerito della Corte costituzione, etc.). La sessione mattutina è stata presieduta dalla Dott.ssa Gabriella Costantino, Soprintendente BB. CC. di Agrigento, che ha introdotto il progetto di studio e valorizzazione su tale importante collezione di manoscritti arabi conservata nella nostra città di Agrigento.

Si è svolto un convegno promosso dal direttore della biblioteca don Angelo Chillura in collaborazione con don Luca Camilleri responsabile per l’Ecumenismo della Diocesi di Agrigento, con la collaborazione della Soprintendenza BB.CC.AA. di Agrigento e  grazie al sostegno della Camera di Commercio di Agrigento e di Banca Nuova. Il convegno dedicato ai manoscritti arabi della Lucchesiana e al dialogo interreligioso ha visto la partecipazione di studiosi provenienti da prestigiose istituzioni italiane e straniere (Oxford, Dublino, Madrid, Viterbo…) in presenza di autorità civili e religiose dello Stato e della Diocesi (S. Em. Cardinale Montenegro, S. Ecc. mons. Mogavero, prof. Flick Presidente emerito della Corte costituzione, etc.). La sessione mattutina è stata presieduta dalla Dott.ssa Gabriella Costantino, Soprintendente BB. CC. di Agrigento, che ha introdotto il progetto di studio e valorizzazione su tale importante collezione di manoscritti arabi conservata nella nostra città di Agrigento.

Commenti chiusi