| | letto 47 volte |

Il Vice Coordinatore di S. F. Nuccia Palermo : Provincia spaccata in due dal maltempo, si accelleri per i fondi e la messa in sicurezza

“Il territorio dell’agrigentino è ancora sotto l’attacco del maltempo. Un attacco violento che non sembra voler scemare e che sta spaccando in più parti la nostra provincia. Sono diversi i comuni che nelle ultime ora hanno diramato l’allerta meteo e le immagini che girano sul web fanno paura a chi le guarda”.Ancora una volta l’attenzione del Vice Segretario di Sicilia Futura, Nuccia Palermo, ricade su di una provincia che in questa ultima settimana sta patendo le conseguenze di errate politiche passate dove nessuna programmazione per la messa in sicurezza del territorio era stata messa in atto.“Una provincia divisa, quella dell’agrigentino, che vede tormentata la parte del versante ovest. Menfi, Sciacca e Ribera, infatti, sono oggi in grande difficoltà a causa di allagamenti e della chiusura temporanea della SS. 115 e delle strade provinciali. – commenta Nuccia Palermo – Anche il versante opposto , ovvero quello dei comuni sicani, vive nel quasi isolamento con disagi per pendolari ed automobilisti sulla SS 189”.“Il quadro è più che allarmante – continua ancora il Vice Coordinatore Palermo – E’ vero, e grande plauso va fatto, che il sistema degli interventi messo in atto fino adesso è stato straordinario. Vigili del Fuoco, Protezione civile e tutti i cantonieri della provincia stanno dando prova di grande operosità mettendo in azione le idrovore e tutti quei mezzi utili al tamponare l’ondata di maltempo”.“Oggi, però, una riflessione amara va fatta. Questi sono anche i risultati di un continuo non investimento sui territori. Adesso ci ritroviamo alla non più rinviabile necessità di investire somme di denaro per rimediare a quella fragilità morfologica aggravata dall’incuria avuta negli anni dagli amministratori che si sono via via susseguiti. La natura si ribella – conclude Nuccia Palermo –bisogna correre ai ripari prima che nell’emergenza scappi la vittima”.

20161125-180047.jpg

Lascia un commento