| | 1.781 views |

Il pluripregiudicato Calogero Sodano dopo aver leso la Valle e Agrigento, tuona sull’abusivismo e dice: “Grazie a Rai1 è stata fatta giustizia”

Anno nuovo, visi vecchi.

Oggi, 5 gennaio 2018, sugli schermi di Teleacras è riapparso il pluripregiudicato agrigentino Calogero Sodano, già sindaco di Agrigento e senatore della Repubblica.

Con lo spettro di prendere una denuncia (ma noi difendiamo il diritto alla libertà), perché da sempre siamo stati minacciati dallo stesso Sodano a non scrivere articoli previo querela, l’ex sindaco di Agrigento ha “trattato” l’argomento abusivismo dopo aver visto la trasmissione dedicata alla Valle dei Templi su Rai1 di ieri sera.

Lui, che ha anche il diritto di esprimere qualsiasi pensiero, è sicuramente la persona meno indicata a parlare di “giustizia nella Valle dopo anni e anni di falsità che hanno infangato in materia di abusivismo il nostro patrimonio culturale”.

Il perché è semplice. Mentre era primo cittadino eminenti tribunali lo hanno condannato in via definitiva perché “non ha saputo difendere Agrigento e la sua Valle dal triste fenomeno dell’abusivismo edilizio, ledendone in modo inesorabile l’immagine in tutto il territorio nazionale”.

Difficile da crederci, ma è proprio così!

Una apparizione, quella di Sodano, che sembrerebbe anticipare una campagna elettorale in vista delle elezioni del 4 marzo prossimo.

E’ opportuno ricordare che nelle recenti elezioni regionali il pluripregiudicato agrigentino ha girovagato per diverse parrocchie politiche per far candidare il proprio figlio. Da Fratelli d’Italia a Noi con Salvini, da Forza Italia a Diventerà Bellissima. Addirittura, proprio in questo ultimo partito che fa riferimento al presidente della Regione Musumeci, una mattina il proprio figlio aveva annunciato la propria candidatura attraverso una mail inviata a tutte le redazioni giornalistiche.

Quella stessa mail, non si è mai capito il perché, dopo meno di un’ora è sparita da tutte le redazioni in fretta e in furia. O forse si.

La protagonista indiscussa di “Diventerà Bellissima” è l’on. Giusy Savarino, nelle grazie del presidente Musumeci, la quale in tempi pre elettorali aveva ribadito non solo di far rispettare un codice etico per tutti i candidati ma che lo stesso doveva essere esteso anche ai familiari. Un codice etico, questo, dove purtroppo il figlio del pluripregiudicato Sodano è caduto con tutte le scarpe essendo il padre condannato in via definitiva.

La stessa onorevole Savarino, processata e assolta, ha messo da parte i guai giudiziari del padre, Armando, il quale in Corte d’Appello è stato condannato ad 1 anno e 9 mesi di reclusione per abuso di ufficio e voto di scambio.

Ovviamente Giusy Savarino ha fatto prevalere la presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva. E anche noi, nel pieno rispetto delle regole, facciamo prevalere, con riserva, la presunzione di innocenza fino a quando la sentenza non diventerà definitiva. Certo, traballa non poco quel famoso codice etico.  

Da sempre “con la politica nel sangue” Sodano non vuole assolutamente perdere questa etichetta. E per rimanere in questo mondo, attraverso il figlio, ha tentato in tutti i modi di farlo candidare non solo alle scorse regionali ma anche in altre competizioni elettorali.

Oggi, Sodano, si tiene stretto un consigliere comunale agrigentino che lo rappresenta come filo conduttore tra lui e il mondo politico.

E’ già iniziata, a tutto spiano, la campagna elettorale?

 

3 Risposte per “Il pluripregiudicato Calogero Sodano dopo aver leso la Valle e Agrigento, tuona sull’abusivismo e dice: “Grazie a Rai1 è stata fatta giustizia””

  1. Ignazio ha detto:

    Caro Direttore le elezioni si avvicinano e questo individuo prepara il campo a qualche candidatura di qualche lacche’ o suo parente o affine. Non ha capito ancora che il fatto che la fortuna lo abbia baciato facendolo diventare il peggior senatore della Repubblica della storia dopo il cavallo di Nerone, non si puo’ più ripetere, anche gli agrigentini migliorano. Solo lui e’ rimasto un pessimo personaggio, non credendo che anche Agrigento sta cambiando, in meglio naturalmente

Commenti chiusi