| | 6 views |

Il parco archeologico alla bit di Milano

20170405-200609.jpg

L’atmosfera è quella dei grandi eventi, migliaia di visitatori hanno affollato in questi giorni il “Fieracity” di Milano, che ha ospitato dal 2 al 4 aprile la BIT (Borsa Internazionale del Turismo), la manifestazione che riunisce operatori turistici e appassionati di viaggio da ogni parte del mondo.
Oltre 1.500 espositori e più di 60.000 visitatori hanno animato il “Fieracity”, in un interscambio di novità e attrazioni nel settore del turismo italiano, che dai dati emersi risulta pienamente promosso dagli esperti internazionali che monitorano costantemente le tendenze mondiali sui maggiori siti di destinazione.
Accreditato dall’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia, per la grande risonanza mediatica degli ultimi anni, anche il Parco Archeologico Valle dei Templi di Agrigento, è stato presente alla Bit con una propria postazione ospitata nel padiglione della Sicilia, dove erano presenti anche altre realtà dei BB.CC. e turistici siciliani.
Ha riscosso un grande interesse il banner che già pubblicizza la prossima edizione del “Mandorlo in Fiore 2018” che si svolgerà presumibilmente nel periodo 3 – 11 marzo 2018, la cui programmazione da parte del Parco è già in atto. E’, inoltre, presente e pubblicizzata con un diverso banner un’altra delle iniziative del Parco che vedrà l’esposizione della mostra “I TESORI DI AKRAGAS Le collezioni del British Museum di Londra”, che porterà nella nostra città importanti reperti archeologici provenienti dagli scavi nella Valle e custoditi nel prestigioso museo londinese e che ha destato molta curiosità tra il pubblico e gli operatori stessi.
Come per il salone del “Tourisma” svoltosi a Firenze lo scorso febbraio, anche alla BIT molti appassionati di turismo archeologico hanno chiesto notizie sui nuovi scavi che interessano l’area del teatro ellenistico – romano; evidentemente la scoperta ha avuto un enorme successo a livello mondiale e nell’ambiente archeologico.
Molto soddisfacente, perciò, il risultato ottenuto considerando il grande flusso di pubblico al “Fieracity”, in tanti si sono soffermati a chiedere informazioni o semplicemente per complimentarsi dopo una visita alla Valle. L’avvicinarsi della bella stagione favorisce, certo, il grande movimento turistico e si deve dare atto al Parco Archeologico che con la strategia dinamica della fruizione dei beni archeologici, che ha posto in essere da qualche anno a questa parte, da un notevole contributo allo sviluppo del turismo ad Agrigento.

Commenti chiusi