| | letto 303 volte |

Francesco Coppa “questa mattanza deve finire”

Beffardamente in occasione della Giornata in memoria delle vittime del lavoro, appena celebrata in tutta Italia, due operai agrigentini sono morti vittime di un incidente sul lavoro.
I due stavano effettuando lavori di manutenzione alla Diga Furore, in territorio di Naro: erano a bordo di un cestello che li stava trasportando a circa 20 metri di altezza quando, per cause ancora da chiarire, si sarebbe spezzata la catena che li sorreggeva e i due operai sono caduti all’interno della cisterna, di quelle usate per la raccolta dell’acqua piovana e lo stoccaggio. Dopo l’incidente avvenuto a Favara.
Dietro ogni morte sul lavoro ci sono precise inosservanze degli obblighi di sicurezza. Il “datore di lavoro” è un soggetto pubblico, per cui ancora più grave ed urgente diventa accertare omissioni e responsabilità.
Le dighe siciliane da troppo tempo sono in stato di abbandono, ed il suo personale insufficiente, così come scarsi gli investimenti in manutenzione e sicurezza complessiva.
C’è anche un deficit di controlli e di sanzioni da parte dell’apparato dello Stato e della Regione preposto, spesso senza mezzi e uomini che, proclami a parte, resta ben al di sotto delle esigenze.
Questa “mattanza” deve finire: 3 morti al giorno sono un “sacrificio umano” non sopportabile.
Deve affermarsi una “cultura della sicurezza”, occorre che la sicurezza non venga considerato solo un costo ma un valore, perché la vita non ha ne può avere un prezzo!
Ci sono caduti che finiscono per diventare invisibili, che sfuggono al radar delle istituzioni pubbliche.

1 Risposta per “Francesco Coppa “questa mattanza deve finire””

  1. Alfonso ha detto:

    Signor Coppa è inutile che Lei si affanni a cercare voti, la lotta all’interno dell’UDC è tra l’On. La Rocca Ruvolo e l’On. Salvatore Iacolino, quest’ultimo dato per favorito rispetto ai risultati ottenuti 5 anni fa quando arrivò a quasi 5000 voti e La Rocca Ruvolo a 3200 voti. Chi la spunterà fra i due? Lei arriva 3° o 4° forse.

Lascia un commento