| | letto 615 volte |

dichiarazioni Carlisi solidarietà alla collega Palermo

Apprendo dalla stampa delle risposte dell’assessore Fontana su convocazione dei sindacati senza invito alla Consigliera Palermo e mi associo alla sua richiesta di chiarimenti ribadendo che la casa comunale è di tutti i cittadini, compresi quelli impiegati nelle imprese dell’ATI.
Penso siano necessarie delle formali spiegazioni anche per i cittadini oltre che per il Consiglio che ottiene solo informazioni informali in sedi non ufficiali.
È importante che gli operatori conoscano il loro destino e che i cittadini sappiano cosa pagano e perché con cifre e fatti alla mano, senza favolette!
Il servizio per cui i cittadini pagano deve essere espletato secondo contratto e l’amministrazione deve vigilare perché ai costi affrontati corrispondano i relativi servizi appaltati.
Per l’estensione della città sono necessari tanti operatori e l’amministrazione dovrebbe vigilare sulle presenze nel cantiere di Agrigento rispetto alle persone inserite nel bando per verificare effettiva corrispondenza.
Le vie di San Leone sono abitate anche d’inverno ma i cittadini si lamentano perché non vengono pulite per mesi. I cassonetti sono sporchi e l’erba alta cosa succederebbe con meno operatori?

Tags:

Lascia un commento