| | letto 76 volte |

Commento all’Articolo ‘Acquedotti, caos caro – Le bollette dei privati sono le più care d’Italia’

Alla Spett.le Redazione de
‘La Repubblica’
OGGETTO:  Precisazioni sul Servizio Idrico Integrato gestito da Girgenti Acque S.p.A.
Girgenti Acque S.p.A. in riferimento all’Articolo Giornalistico comparso oggi, nel Quotidiano ‘La Repubblica’ a firma del Giornalista Antonio Fraschilla, precisa che la tariffa applicata dalla Società non è affatto tra le più care d’Italia dietro solo alla Toscana, ma anche dietro Liguria, Veneto, Lazio, Emilia Romagna, Marche, solo per citarne alcune (così come riportato anche nel dossier di Cittadinanza Attiva a cui fa riferimento l’Articolo).
A tal proposito è illuminante la pubblicazione della XIV INDAGINE NAZIONALE A CAMPIONE SULLE TARIFFE 2014-2015 DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO (in allegato alla presente) redatta dal Centro Ricerche Nazionali Economiche Educazione Formazione di Federconsumatori. La pubblicazione in questione sfata, in maniera inequivocabile, certe leggende metropolitane sul livello esorbitante delle tariffe ad Agrigento.
Per ciò che concerne le perdite idriche, non c’è stato un aumento ma una più oculata e specifica misurazione delle stesse che, pur permanendo, sono certamente diminuite rispetto alle precedenti gestioni comunali.
Come è noto il principio cardine su cui si fonda la formulazione della tariffa del servizio idrico integrato è il cosiddetto “full cost recovery”, cioè la copertura integrale dei costi del servizio da parte della tariffa.
La composizione dei costi sostenuti dalla Girgenti Acque s.p.a., soggetto gestore del servizio idrico integrato dell’ambito territoriale ottimale della provincia di Agrigento presenta specifiche peculiarità: dal confronto con le altre aziende italiane operanti nel medesimo settore emerge con estrema evidenza la peculiarità di Girgenti Acque s.p.a., per la quale la voce di costo che incide in maniera più rilevante nel bilancio è il costo delle materie prime, cioè fondamentalmente l’acqua all’ingrosso.
I costo per l’acqua all’ingrosso rappresenta il 35-40% dei costi del bilancio aziendale e quindi della tariffa, dato questo neanche lontanamente paragonabile con il Gestore di Milano per il quale il costo dell’acqua all’ingrosso è pari a 0 (ZERO).
Per una rappresentazione dei dati immediatamente comparabili con i dati medi nazionali sono state effettuate alcune rielaborazioni per rendere omogenei i dati aziendali a quelli contenuti nelle tabelle pubblicate nel Blue Book 2016 (relativi all’anno 2015), cioè la “guida organica del servizio idrico integrato in Italia”, pubblicata dalla Fondazione Utilitatis.
L’Azienda ha sostenuto costi nella misura e nella composizione riportate nel prospetto seguente:
Composizione %Costi di produzione 2015 – Girgenti Acque S.p.A. Dato nazionale
2015 – Dato Girgenti Acque Spa 2015 – Dato nazionale*
Acquisto servizi* 27,5% 37%
Godimento beni di Terzi 2,5% 6%
Materie Prime ** 40,1% 6%
Costi del personale 19,1% 19%
Ammortamenti 4,1% 17%
Svalutazioni 2,4% 0,7%
Oneri diversi 2,2% 4%
Accantonamenti 0,6% 2%
Oneri Finanziari 1,2% 3%
Oneri straordinari 0,4% 0,3%
Imposte -0,2% 5%
TOTALE Costi 100% 100%
* Contiene l’acquisto di Energia elettrica
** Contiene l’acquisto dell’acqua all’ingrosso   *Fonte Elaborazioni Utilitatis
Ai dati effettivi di bilancio in valore assoluto sono stati aggiunti i valori percentuali, mettendo in evidenza l’incidenza di ciascuna voce sul totale dei costi. In tal modo, la composizione in termini percentuali si rende confrontabile con i dati medi nazionali rilevati dal Blue Book 2015.
Dal confronto emerge con estrema evidenza la peculiarità di Girgenti Acque s.p.a., per la quale la voce di costo che incide in maniera più rilevante nel bilancio è il costo delle materie prime, cioè fondamentalmente l’acqua all’ingrosso.
Girgenti Acque, come fatto in questa occasione, è pronta a confrontarsi con tutti coloro sono disposti a farlo per dimostrare con dati reali e ufficiali la economicità e l’efficienza della propria gestione.
Aragona Lì 09/05/2017
Girgenti Acque S.p.A.
Ufficio Stampa

Tags: ,

Commenti chiusi