| | letto 2.638 volte |

Ci scrive il consigliere Gerlando Gibilaro. L’avvocato Vincenzo Camilleri ha perso una occasione per stare zitto

20170322-152007.jpg

Al Direttore di Sicilia24h.it

Dott. Lelio Castaldo

Agrigento lì 22.03.2017

Poche ore fa, mi sono recato presso la stanza del Segretario Generale del Comune di Agrigento Dott. Pietro Rizzo chiedendo al Personale preposto se era possibile parlare con lo stesso per vicende istituzionali. Con cortesia e gentilezza mi è stato risposto che il Segretario Rizzo non era nella sua stanza,ma si trovava presso le stanze e/o i locali del Sindaco.

Dunque, mi reco presso le stanze del Sindaco , busso ad alternanza per circa cinque/sette minuti senza ottenere nessuna risposta.

A questo punto mi reco negli adiacenti di Uffici di Presidenza e dopo circa 5 minuti ritorno nei pressi del corridoio dove sono ubicati gli Uffici del Segretario Generale e del Sindaco per comprendere se il Segretario era nella sua stanza e poter conferire con Lui.

Apprendendo che non era rientrato chiedo all’Avv. Vincenzo Camilleri ( cui il Sindaco a conferito incarico a titolo gratuito con Determina Sindacale n.102 del 14.07.2015 se aveva visto il Segretario Generale Dott.Pietro Rizzo e quindi se era uscito dalla stanza del Sindaco dato che in precedenza avevo bussato alle porte degli Uffici senza successo.

La pronta risposta dell’Avvocato Vincenzo Camilleri è stata: “ Non aprono a me e devono aprire a te che vieni da fuori?

Nelle precitate e immediate circostanze di tempo e di luogo chiedo mi scusi ma Lei chi è?

Lui: Io in queste stanze ci vivo e ci dormo giorno e notte!

Io: ne prendo atto, ma mi consenta di ricordarLe che io sono stato eletto e Lei è stato nominato e/o incaricato.

Detto quanto sopra, in presenza di alcuni impiegati lascio il Comune.

Alle 14.03 ricevo una chiamata telefonica la cui durata è stata di 5 minuti circa da parte del Segretario Comunale Dott. Pietro Rizzo e chiarisco i motivi istituzionali per i quali l’avevo cercato e l’episodio e/o incontro avuto con l’Avv. Vincenzo Camilleri.

La conversazione da parte del sempre disponibile e attento Segretario Generale terminava nel seguente modo : Mi dispiace per l’increscioso episodio buon pranzo.

Direttore mi consenta di dire : Mah!

Vuole gentilmente far conoscere il suo pensiero in merito a questa vicenda?

Grazie e buon lavoro.

Gerlando Gibilaro

Risponde il Direttore

Gentile consigliere Gibilaro, che dire? Ci ritroviamo ancora una volta dinnanzi a fatti angoscianti che non dovrebbero mai accadere in quella che viene definita “La casa degli agrigentini” e che, nel caso specifico, diventa inevitabilmente casa propria, dove ognuno è libero di fare, dire e strafare ciò che vuole.

L’avvocato Camilleri Vincenzo (che nella prima parte della determina dell’incarico affidatogli a titolo gratuito ha 36 anni e nella seconda parte ne ha 63) forse sentendosi unto dal Signore e assalito da strane forme di onnipotenza, ha deciso di rispondere in quel modo.

E’ probabile che in quel momento abbia pensato di svolgere il mestiere di guardiano, senza lupara però, e quindi si è sentito autorizzato a dire che vive lì, in quel luogo, notte e giorno. Una cosa è certa: quella non è casa sua.

E dire che nella determina viene specificato anche il comportamento etico da adottare; evidentemente l’avv. Camilleri Vincenzo, nato ad Agrigento prima il 15/04/1981 e poi il 18/7/1954 (!!!) residente in via Mazzini, ha mostrato totale disinteresse in tutta la seconda parte delle 22 pagine.

Non possiamo non sottolineare, altresì, che l’avv. Camilleri non lo ha scelto nessuno, se non una persona di fiducia quale è il sindaco Calogero Firetto; è stato messo li vista la sua “capacità ed esperienza professionale maturata specificatamente nella elaborazione e redazione dei piani strategici e nei progetti integrati…”.

Questa dicitura, che rasenta le operazioni che si svolgono all’interno della Casa Bianca, purtroppo per Camilleri, non lo autorizza a comportarsi in quel modo assai antipatico e pieno di fumo, mettendo in atto una vera e propria discriminazione nei confronti di un consigliere comunale che certamente non solo ha più diritto di Camilleri di stare in quelle mura ma è stato eletto dal popolo sovrano.

Avvocato Camilleri, prima delle strategie vada a studiare bene cosa vuol dire “popolo sovrano” e poi, magari, cerchi di migliorare le sue strategie, visto e considerato che non sono abbastanza sufficienti per far risollevare la miseria in cui stagna la nostra gloriosissima città.

Riduca il tempo di permanenza a Palazzo di Città. E’ un consiglio questo, spassionato. Perché temo che questa assidua presenza (meno male che non ha portato anche il letto e un fornellino da campo…) faccia stancare non poco le sue enormi capacità strategiche. Verrebbe da dirle: ” Scusi, ma lei cu minchia è, cu si senti? Ma non lo diciamo.

La smetta.

E se ha le palle chieda “strategicamente” scusa al consigliere Gibilaro.

Lelio Castaldo

15 Risposte per “Ci scrive il consigliere Gerlando Gibilaro. L’avvocato Vincenzo Camilleri ha perso una occasione per stare zitto”

  1. giovanni scrive:

    Camilleri sostiene di stare in comune notte e giorno a titolo gratuito. Possiamo sapere come campa?

  2. Sandra scrive:

    Ma il Presidente Catalano che rappresenta il Consiglio che dice?
    Il Segretario Generale Rizzo cosa dice?
    Firetto cosa dice?
    Il codice comportamentale cosa dice?
    tutti in silenzio?

  3. Marco scrive:

    Direttore è possibile sapere gli incarichi che ha ricevuto il Sig. Camilleri a partire dalla Giunta sodano ad oggi e i relativi compensi?
    La comunità Agrigentina e i suoi lettori anticipatamente ringraziano.
    Grazie

  4. Lillo scrive:

    Questo individuo è in diversi enti e consorzi ma ha mai portato risultati utili in città ed in particolare via atenea? Vogliamo i fatti illustrati e concreti di concreto abbiamo solo i compensi a partire dal consorzio turistico…… Caro direttore spero che lo sproni parlare……… A Lei l’assist.

  5. Simona scrive:

    Se non erro era pure consulente di sodano
    Ma che miglioramenti a portato a noi agrigentini questo camilleri?
    Gibilaro è uno dei pochi che merita di stare in consiglio,è stato il primo degli eletti nella proclamazione ufficiale,ha servito i suoi concittadini e continua nonostante Firetto,Alfano e anche di mauro lo hanno messo da parte.
    Gibilaro è una delle poche vere risorse politiche,gli addetti lo sanno per questo lo contrastano e lo ostacolano con tutti i mezzi.

    • Pietro scrive:

      Consulente per piani strategici di Sodano e Piazza……salta i due giri con Zambuto e poi finalmemte il grande ritorno…Strategico

      • Simona scrive:

        Si ma che risultati ha sortito?
        Era renumerato nella giunta sodano e piazza e si quanto?
        Direttore Castaldo perché non ci fa sapere se era renumerato e gli importi?

  6. Vincenzo Camilleri scrive:

    Non mi meraviglia il comportamento del consigliere comunale ma quello di un direttore di testata che esprime il proprio personale giudizio senza prima aver sentito l’altra campana

    • Lelio Castaldo scrive:

      Non deve meravigliarsi di nulla. Ci scriva, come ha fatto Gibilaro e avrà lo spazio che merita. Anche perché, non le nascondo di essere molto curioso della sua replica.

      • ugo.libero@libero.it scrive:

        Stai tranquillo non ti scriverà perchè non può scrivere nulla ne sul comportamento ne tanto meno sui risultati.

  7. Giuseppelocastro scrive:

    Mi verrebbe da dire cialtroni e incapaci ma non rende bene il mio pensiero

  8. philips scrive:

    Bellissimo tutto, ma nel finale caro Lelio hai superato te stesso, ma diciamolo: lei cu minchia è, cu si senti? Approvo il minuscolo, abbia almeno il pudore di chiedere scusa a Gibilaro e aggiungo a tutta la città.

  9. Alberto scrive:

    Ma chissu Camilleri un è abbucatu???? Ma chi m… ci fa a passati tempi o Comuni? Mah

  10. Occhiodilince scrive:

    Questo signore è l’uomo per tutte le stagioni, sempre in tutte le amministrazioni. Consigliere Gibilaro lo lasci stare non gli dia più confidenza, d’altronde chi lo ha nominato è peggio di lui.
    Direttù come sempre non le manda a dire. Complimenti

  11. Francesco scrive:

    …Assurdo.

Commenti chiusi